Cookie Disclaimer

L’Helvetia utilizza i cookie, per offrirvi il miglior servizio possibile e potervi presentare informazioni e offerte. Utilizzando la nostra pagina web dichiarate di accettarne l’uso. Ulteriori informazioni sulla protezione dei dati e sui cookie.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto










Consigli dell'esperto
Veicoli & Viaggi
Clienti privati

Furto in auto: come tutelarsi?

Finestrino in frantumi, bagagli e oggetti di valore sottratti: ci vuole poco per rovinare la vacanza, dato che i ladri sono ovunque. Come assicurarsi? A cosa prestare attenzione in caso di sinistro e come prevenirlo? L’esperto Helvetia Peter Plachel lo sa.

22 luglio 2015, Intervista: Jan Söntgerath, foto: iStock

Finestrino in fratumi
Come tutelarsi dal furto in auto?

Durante i viaggi di vacanza all’estero si può incorrere in sorprese spiacevoli se l’auto viene forzata o il finestrino infranto e vengono sottratti bagagli e oggetti di valore. Com’è assicurato un furto di questo tipo?

I danni al veicolo causati da scasso o rottura dei finestrini sono coperti dall’assicurazione casco parziale. Sono molte le compagnie che garantiscono la copertura del furto dei bagagli tramite l’assicurazione auto con la copertura complementare «Effetti personali» in aggiunta all’assicurazione casco. Con l’Helvetia, sono coassicurati CHF 2’000 nella copertura di base casco parziale. È bene però tenere presente che la copertura è valida solo se il veicolo era chiuso a chiave. Inoltre nella maggior parte dei casi gli oggetti di valore, i supporti video o audio, l’hardware informatico (come i laptop) e i cellulari o i sistemi di navigazione sono esclusi dalla copertura assicurativa.

Allora è possibile assicurare separatamente i bagagli o ad esempio un navigatore costoso?

Sì, è possibile farlo tramite l’assicurazione economia domestica o l’assicurazione bagagli. Gli oggetti di valore come gioielli, strumenti musicali o dispositivi informatici si possono assicurare contro il furto anche tramite assicurazioni specifiche per dispositivi od oggetti di valore. Anche in questi casi, però, alcuni oggetti sono esclusi.

Come bisogna comportarsi in caso di sinistro perché l’assicurazione paghi comunque?

L’importante è denunciare subito il furto e far stendere un rapporto di polizia.

È possibile anche che le prestazioni vengano ridotte?

Sì, in caso di grave negligenza, ad esempio se l’assicurato non aveva chiuso a chiave il veicolo o aveva lasciato la chiave nella serratura. Presso molte compagnie è possibile comunque prevenire la riduzione delle prestazioni includendo l’assicurazione complementare «Protezione contro la colpa grave».

Cosa accade se i danni non riguardano il proprio veicolo ma un’auto a noleggio?

In genere è l’assicurazione casco stipulata con il contratto di noleggio a rispondere dei danni al veicolo. Per i bagagli non è prevista invece alcuna copertura tramite l’assicurazione auto, che è valida solo per l’auto di proprietà. In questo caso la copertura assicurativa sarà garantita dall’assicurazione mobilia domestica (assicurazione complementare Furto fuori casa) o da un’assicurazione bagagli separata. Il vantaggio di questo tipo di assicurazione è che gli oggetti non sono assicurati solo all’interno dell’auto, ma ad esempio anche in albergo o a bordo di altri mezzi di trasporto come il treno, l’auto a noleggio, l’aereo ecc.

Come consiglia di agire ai viaggiatori per prevenire il furto?

Se possibile, posteggiare il veicolo in garage, parcheggi sorvegliati o quartieri frequentati e non lasciare oggetti visibili al suo interno. Evitare sempre di lasciare nel veicolo parcheggiato oggetti di valore come gioielli, laptop, cellulari o denaro contante.

In quali paesi e zone è bene prestare maggiore attenzione?

In linea generale un furto può avvenire ovunque. È richiesta in ogni caso la massima cautela in parcheggi isolati e non sorvegliati o in alcune zone a rischio delle grandi città. Dal punto di vista statistico, il rischio di furto aumenta nei paesi dell’Europa meridionale od orientale, un dato legato spesso anche alla situazione economica di questi paesi.

Conviene installare un impianto d’allarme? Potrebbe comportare un’eventuale riduzione del premio assicurativo?

Oggi questi impianti sono spesso già inclusi negli accessori standard dei veicoli nuovi e più cari. L’installazione di un impianto d’allarme può risultare conveniente per i veicoli molto costosi e viene addirittura richiesta dagli assicuratori per garantire l’eventuale localizzazione dell’auto rubata. In genere, però, non comporta la riduzione del premio. Installando un impianto d’allarme è comunque possibile che ad esempio non si debba pagare la franchigia, se pattuita nella polizza, in caso di furto all’estero o all’esterno di un garage sorvegliato.

Peter Plachel

Peter Plachel è responsabile delle assicurazioni veicoli a motore dell'Helvetia. Lavora presso la sede principale di Helvetia Gruppo a San Gallo.

Helvetia Assicurazione veicoli a motore

Raccomandare questa pagina
Si prega di verificare la connessione a Internet

Altri articoli