I cookie e i cookie di terze parti sono attivati su questa pagina per offrirvi il miglior servizio possibile e per fornirvi informazioni e offerte. Utilizzando i siti web di Helvetia voi accettate e acconsentite il trattamento dei dati da parte di Helvetia. Per ulteriori informazioni, incluso come disabilitare i cookie, consultare l'Informativa sulla privacy.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto
Consigli dell'esperto
Responsabilità & diritto

Protezione giuridica, consiglio #10: Danno dopo la riparazione - qui paga?

Che seccatura quando il televisore dopo la riparazione ha subito danni durante il trasporto. Cosa fare? Si deve accettare la graffiatura brutta? Un caso per i giuristi di Coop Protezione giuridica.

10 febbraio 2015, testo: Toni Pavic, foto: Fotolia

Pacchetto danneggiato
Danno dopo la riparazione - qui paga?

Circa tre anni fa Konrad F. ha acquistato un televisore nuovo che gli è costato 1’900 franchi. Purtroppo l’apparecchio si rompe, così Konrad deve consegnarlo al centro di assistenza del produttore per farlo riparare. Il produttore poi gli rispedisce l’apparecchio tramite un servizio di recapito pacchi. Il giorno della consegna Konrad F. è al lavoro, ma i vicini sono così gentili da ritirare per lui lo scatolone.

Il giorno stesso, mentre torna a casa in automobile, Konrad F. non vede l’ora di trascorrere una bella serata davanti alla TV. Ci rimane quindi molto male quando nota che la scatola è strappata e rotta da un lato. Le sue preoccupazioni sono confermate: rimuovendo l’imballaggio constata infatti che l’apparecchio è danneggiato. Il televisore funziona comunque, ma Konrad F. non perde d’occhio per tutta la sera la grossa incrinatura sul bordo del case.

Imballata e protetta in maniera adeguata al trasporto?

Il giorno seguente Konrad F. notifica al produttore il problema di consegna. Il centro di assistenza esamina il televisore e riscontra che il case del televisore è danneggiato, ma per il resto l’apparecchio è a posto. L’importo del danno viene stimato in CHF 650. Panasonic inoltra il reclamo incluso il preventivo di spesa direttamente al servizio di recapito pacchi, che tuttavia si rifiuta di assumersi i costi: in base alle proprie direttive la merce deve sempre essere imballata e protetta in maniera adeguata al trasporto. Così adeguata che un apparecchio potrebbe resistere a una caduta da 80 metri d’altezza senza farsi neanche un graffio. Dunque il danno non può essersi verificato in fase di trasporto.

Nessuno può escludere danni consecutivi

Konrad F. non è soddisfatto di questa risposta, così pretende non solo la riparazione, ma un televisore nuovo, visto che nessuno è stato in grado di garantirgli che il danneggiamento non determini altri danni consecutivi. In questo caso, però, il problema è il deprezzamento: un televisore di tre anni non si può più definire un apparecchio nuovo. In un caso di sinistro come questo di solito si deve calcolare il valore attuale, ciò significa che dal valore a nuovo dell’oggetto si detraggono delle quote in base all’età e all’usura. Effettivamente in questo caso nessuno può escludere danni consecutivi. Inoltre il servizio di recapito pacchi non può sottrarsi facilmente alle proprie responsabilità: è vero che il loro dovere principale sono la spedizione e la consegna della merce, ma l’imballaggio e l’integrità della merce sono da considerare quanto meno come un obbligo accessorio.

Verificare immediatamente la merce

È importante che i consumatori verifichino immediatamente la merce appena consegnata e notifichino subito eventuali danni o problemi. In caso contrario il cliente perde i propri diritti giuridici e il tutto, compresi eventuali danni o problemi, viene dato per accettato. In quanto rappresentante degli interessi di Konrad F., Coop Protezione giuridica notifica al centro di assistenza la situazione di fatto e quella giuridica e chiede loro di provvedere immediatamente alla riparazione dell’apparecchio e alla riconsegna in tempo utile del televisore riparato al cliente.

Konrad F. è stato fortunato. Entrambe le controparti sono riuscite a mettersi d’accordo. Circa un mese dopo il nostro intervento abbiamo ricevuto un’e-mail: «Ci siete riusciti. Il vostro intervento ha avuto successo. Ho ricevuto persino una TV nuova!»

In «Quel che è giusto è giusto!» i giuristi di Coop Protezione giuridica bloggano su casi attuali e danno consigli su questioni legali. L’Helvetia collabora da vent’anni con Coop Protezione giuridica come partner autonomo. Scoprirete di più su Coop Protezione giuridica in questo contributo.  

Toni Pavic

Toni Pavic

Toni Pavic lavora presso Coop Protezione giuridica nel Servizio giuridico da dicembre 2012. È Master of Law e lavora come avvocato presso la sede principale ad Aarau. Fra le sue aree di specializzazione vi sono il diritto contrattuale, il diritto del lavoro e di locazione.

www.cooprecht.ch  

Raccomandare questa pagina
Si prega di verificare la connessione a Internet

Altri articoli