I cookie e i cookie di terze parti sono attivati su questa pagina per offrirvi il miglior servizio possibile e per fornirvi informazioni e offerte. Utilizzando i siti web di Helvetia voi accettate e acconsentite il trattamento dei dati da parte di Helvetia. Per ulteriori informazioni, incluso come disabilitare i cookie, consultare l'Informativa sulla privacy.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto
Conseils d’experts
Personnes privées
Responsabilité & droit
Prévoyance & santé

Protezione giuridica, consiglio #14: danno vista post incidente

L’occhio ha subito un danno da corrosione in un infortunio sul lavoro ma l’assicurazione contro gli infortuni rifiuta il pagamento? Caso per i giuristi di Coop Protezione giuridica.

15 ottobre 2015, testo: Markus Ganzke, foto: iStock

Può un’assicurazione contro gli infortuni rifiutare il pagamento a seguito di un infortunio sul lavoro?
Può un’assicurazione contro gli infortuni rifiutare il pagamento a seguito di un infortunio sul lavoro?

In un infortunio sul lavoro un cliente della Coop Protezione giuridica ha subito un danno da corrosione all’occhio destro. La persona infortunata sostiene che da allora la sua vista è compromessa. Spesso ha la visione offuscata e fastidiosi abbagli. Ha quindi chiesto a una clinica oculistica se fosse possibile curare l’occhio con il laser. I medici hanno riscontrato che la visione offuscata era da attribuire in gran parte all’età. A causa dei grossi rischi hanno sconsigliato il trattamento al laser, consigliando invece alla persona lesa speciali occhiali multifocali.

Relazione diretta con l’infortunio?

Il cliente comunica il caso all’assicurazione contro gli infortuni. Questa però si rifiuta di coprire i costi degli occhiali, perché non sussiste un nesso causale certo o probabile con l’infortunio.

Coop Protezione giuridica ha fatto esaminare gli atti al proprio medico consulente. Anche il medico è giunto alla conclusione che il difetto visivo è conseguenza del processo di invecchiamento. La terapia di questo disturbo deve essere calcolata come malattia e non può essere fatturata all’assicurazione contro gli infortuni. La sensibilità all’abbaglio invece è da ricondurre chiaramente al danno da corrosione subito nell’infortunio. Se il cliente avesse bisogno di occhiali scuri, l’assicurazione contro gli infortuni dovrebbe farsi carico dello scurimento delle lenti.

Dietro accordo con Coop Protezione giuridica, il cliente ha richiesto una conferma scritta al proprio ottico della quota dei costi per scurire le lenti. Poi ha richiesto all’assicurazione contro gli infortuni una garanzia di assunzione delle spese con la motivazione che la sensibilità all’abbagliamento con «grande probabilità» era una conseguenza diretta dell’infortunio sul lavoro.

Non è più stato necessario un intervento di Coop Protezione giuridica. L’assicurazione contro gli infortuni ha preso a suo carico l’importo parziale.

Markus Ganzke

Markus Ganzke è collaboratore del Servizio giuridico di Coop Protezione Giuridica SA dal 1996. È lic. Iur., avvocato e membro dei quadri. Come esperto del centro di competenza di diritto di responsabilità sociale e civile collabora strettamente con il Case Manager e il medico consulente.

www.cooprecht.ch

Raccomandare questa pagina
Si prega di verificare la connessione a Internet

Altri articoli