I cookie e i cookie di terze parti sono attivati su questa pagina per offrirvi il miglior servizio possibile e per fornirvi informazioni e offerte. Utilizzando i siti web di Helvetia voi accettate e acconsentite il trattamento dei dati da parte di Helvetia. Per ulteriori informazioni, incluso come disabilitare i cookie, consultare l'Informativa sulla privacy.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto
Consigli dell'esperto
Abitazione & Proprietà

Protezione giuridica, consiglio #15: pulizie speciale prima del trasloco

Il locatore può richiedere di sottoporre l’appartamento a una pulizia speciale prima del trasloco solo perché il nuovo inquilino ha delle allergie? Gli esperti di Coop Protezione giuridica spiegano se la richiesta è lecita e chi deve accollarsi le spese.

11 febbraio 2016, testo: Martina Frei, foto: iStock

Un uomo che aspira un appartamento
Il locatario può essere obbligato a sostenere le spese di una pulizia speciale dell’appartamento? Risponde la esperta di Coop Protezione giuridica.

«Sono davvero tenuto a sottoporre l’appartamento in affitto a una pulizia speciale a mie spese?» È questa la domanda che un cliente ha rivolto a Coop Protezione giuridica. Dopo aver disdetto regolarmente l’appartamento e discusso sui dettagli della riconsegna dell'appartamento con il locatore, questi gli ha spiegato che il nuovo inquilino ha delle allergie e che quindi può trasferirsi nell’appartamento solo una volta effettuata una pulizia particolarmente approfondita. Le spese di tale pulizia sarebbero a carico dell’inquilino precedente.

Coop Protezione giuridica ha consultato il diritto di locazione disciplinato nel Codice delle obbligazioni, che all’articolo 267a stabilisce: «Il conduttore deve restituire la cosa nello stato risultante da un uso conforme al contratto». Ne consegue che, al termine del rapporto di locazione, il contraente dell’assicurazione è tenuto a riconsegnare l’appartamento e i relativi locali accessori puliti e in buone condizioni.

Richiedendo invece una pulizia speciale, il locatore dell’esempio citato ha chiaramente esagerato. Il locatario non è obbligato a soddisfare questa richiesta. L’Associazione Svizzera Inquilini lo ribadisce: «Il locatario è tenuto a farsi carico di una pulizia accurata e dei lavori di riparazione solo nella misura in cui possa occuparsene personalmente. Se il locatore richiede un intervento particolare da parte di uno specialista, il locatario ha la facoltà di respingere la richiesta». Il locatore non è inoltre autorizzato a richiedere l’esecuzione di operazioni di pulizia pericolose.

Le cose cambiano se nel contratto di locazione è pattuito un forfait per le pulizie. Il questo caso il locatario deve riconsegnare l’appartamento dopo aver pulito e spazzato, ossia pulendo accuratamente cucina e bagno, passando l’aspirapolvere o lavando i pavimenti. La pulizia delle finestre, dei telai delle finestre e delle persiane spetta al locatore.

Dopo aver ricevuto la consulenza di Coop Protezione giuridica, l’assicurato ha ricontattato il locatore, che è stato convinto dalla sua argomentazione e ha rinunciato ad addebitargli le spese per la pulizia speciale.

In «Quel che è giusto è giusto!» i giuristi di Coop Protezione giuridica bloggano su casi attuali e danno consigli su questioni legali. L’Helvetia collabora da vent’anni con Coop Protezione giuridica come partner autonomo. Scoprirete di più su Coop Protezione giuridica in questo contributo.  

L'esperta

Martina Frei è collaboratrice del Servizio giuridico di Coop Protezione Giuridica SA dal 2002. Ha ottenuto la certificazione CAS Paralegal/Incaricata giudica ed è membro dei quadri. È inoltre sostituta responsabile del Front Team. È specializzata nei casi giuridici legati al diritto di locazione.

www.cooprecht.ch  

Raccomandare questa pagina
Si prega di verificare la connessione a Internet

Altri articoli