Cookie Disclaimer

L’Helvetia utilizza i cookie, per offrirvi il miglior servizio possibile e potervi presentare informazioni e offerte. Utilizzando la nostra pagina web dichiarate di accettarne l’uso. Ulteriori informazioni sulla protezione dei dati e sui cookie.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto










Consigli dell'esperto
Veicoli & Viaggi
Previdenza & Salute

Ma esiste un’assicurazione contro il terrorismo?

Oltre all’immenso dolore, gli attacchi terroristici possono anche causare danni materiali. Quindi il fatto di poter stipulare una relativa assicurazione non sorprende molto. Tuttavia, di norma per privati e piccoli imprenditori non sono necessarie assicurazioni supplementari.

16 febbraio 2017, testo: Fabian Weidmann, foto: iStock

Due poliziotti

Gli attentati di Parigi e Copenaghen all’inizio di 2015 hanno scosso l’Europa e il mondo occidentale. L’evento ci ha mostrato ancora una volta quanto possa essere vulnerabile la nostra società. Da allora gli esperti e i media parlano di «aumento del pericolo di terrorismo» per tutti gli stati europei. Come sono regolati dal punto di vista attuariale gli attentati terroristici? La mia abitazione propria o i locali della mia azienda sono assicurati contro le conseguenze di attentati terroristici?

Prima di tutto: come piccole imprese o persone private non dovete preoccuparvi – le assicurazioni private svizzere assumono il rischio di attentati terroristici per clienti privati e aziendali. Eventuali costi di un sinistro a stabili e arredamenti sono coperti dall’assicurazione per stabili e beni mobili. Se invece la somma d’assicurazione individuale di una costruzione o dei beni mobili supera la soglia di dieci milioni (in franchi svizzeri) è necessaria un’assicurazione supplementare. Tuttavia, nel caso di istituti assicurativi cantonali la situazione è diversa. Qui è importante esaminare accuratamente le condizioni contrattuali.

«9/11» come evento fondamentale

Già in seguito agli attentati dell’11 settembre 2001, l’Associazione Svizzera d’Assicurazioni (ASA) aveva formato un gruppo di lavoro incaricato di analizzare le conseguenze del pericolo di terrorismo per il mercato assicurativo svizzero. Da questi sforzi è nata una soluzione assicurativa trasversale alle associazioni, offerta dal 2003 da diverse imprese. Possono essere assicurate esplicitamente contro gli attentati terroristici strutture come aeroporti, grandi stazioni, edifici diplomatici (ONU, OMC, ambasciate), stadi, dighe di sbarramento, funicolari, gallerie o ponti. Sono fortemente esposti a causa delle loro dimensioni o dell’importanza.

In Svizzera, la domanda di assicurazioni del genere rimane però nei limiti. «In Svizzera non ci sono molte strutture esposte a un rischio di terrorismo elevato», afferma Michael Aebisegger, responsabile Assicurazioni di cose dell’Helvetia. Almeno questo è quanto rivela il mercato, precisa Aebisegger, poiché la domanda di polizze contro il terrorismo nel nostro paese non è così elevata come, ad esempio, in Germania.

Un tema emozionale

«I terroristi desiderano soprattutto attirare l’attenzione e purtroppo puntano principalmente a luoghi affollati, infrastrutture critiche oppure oggetti di particolare rilievo», afferma Aebisegger. Stabili e beni mobili, fatta eccezione per il «9/11», finora non hanno subito distruzioni ingenti.

L’esistenza di un mercato assicurativo nel settore del terrorismo dal punto di vista emozionale è però giustificabile. «Subito dopo gli attentati, in gran parte della popolazione la sensibilità sul tema cresce fortemente.»

Dopo un’ondata di turbamento però la quotidianità riprende campo e lo choc svanisce. Pertanto, relativamente ai prodotti assicurativi nel settore terrorismo in Svizzera ci sarebbe semplicemente una domanda troppo esigua. «Il mercato non richiede una soluzione speciale, bensì una copertura integrata contro eventuali sinistri nei prodotti assicurativi attuali», dichiara Aebisegger.

Michael Aebisegger

Michael Aebisegger

Michael Aebisegger è responsabile Assicurazioni di cose presso l’Helvetia e pertanto responsabile di prodotto per le assicurazioni di cose nel settore clienti aziendali. Fra i suoi prodotti, l’Helvetia offre soluzioni assicurative individuali contro il terrorismo per imprese e privati.

Raccomandare questa pagina
Si prega di verificare la connessione a Internet

Altri articoli