Cookie Disclaimer

L’Helvetia utilizza i cookie, per offrirvi il miglior servizio possibile e potervi presentare informazioni e offerte. Utilizzando la nostra pagina web dichiarate di accettarne l’uso. Ulteriori informazioni sulla protezione dei dati e sui cookie.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto










Consigli dell'esperto
Veicoli & Viaggi
Clienti privati

Quando posso cambiare l’assicurazione auto?

Chi acquista una nuova auto, coglie spesso l’occasione per cambiare l’assicurazione, ma ci possono essere anche altre occasioni per farlo. L’Helvetia vi spiega quando è possibile cambiarla e a cosa occorre fare attenzione.

14 marzo 2018, autrice: Natascha Fabian, foto: iStock

Le assicurazioni auto sono una diversa dall’altra. Oltre che per i prezzi, le compagnie si differenziano anche per prestazioni, qualità e assistenza. Chi vuole cambiare la sua assicurazione auto, però, non può farlo quando vuole. Le quattro situazioni illustrate di seguito rappresentano opportunità per cambiarla.

Cambio del veicolo/detentore

In caso di cambio del veicolo o del detentore, è possibile cambiare compagnia d’assicurazione. La «parte non utilizzata» del premio viene rimborsata, per cui gli assicurati non perdono denaro.

Scadenza del contratto

Come è ovvio, è possibile cambiare nel momento in cui scade il contratto d’assicurazione. Ma attenzione! Effettuando la disdetta alla fine del contratto, si deve tenere conto del termine di disdetta. La disdetta deve pervenire all’assicuratore in forma scritta e tre mesi prima della scadenza. Solo così è valida.

Aumento del premio

Se l’assicurazione veicoli a motore aumenta i premi per l’anno successivo, anche questa è una buona occasione per cambiarla. La disdetta deve pervenire all’assicuratore al più tardi l’ultimo giorno dell’anno d’assicurazione in corso.

Caso di sinistro

Il detentore può cambiare assicurazione anche dopo un caso di sinistro, ma solo se l’assicurazione liquida il sinistro. In questo caso, la disdetta deve essere dichiarata al più tardi all’atto del versamento. Ma attenzione! Se si effettua la disdetta in caso di danno totale o il primo anno dopo la stipulazione del contratto, sono comunque dovuti all’assicuratore i premi per il periodo contrattuale in corso.


Raccomandare questa pagina
Si prega di verificare la connessione a Internet