I cookie e i cookie di terze parti sono attivati su questa pagina per offrirvi il miglior servizio possibile e per fornirvi informazioni e offerte. Utilizzando i siti web di Helvetia voi accettate e acconsentite il trattamento dei dati da parte di Helvetia. Per ulteriori informazioni, incluso come disabilitare i cookie, consultare l'Informativa sulla privacy.

  • Herzliche Gratulation!

    Mi interessano
    ?
    Si prega di verificare la connessione Internet
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto
Consigli dell'esperto
Clienti privati
Previdenza & Salute

Eredi senza atto di matrimonio

Molte coppie di conviventi non convolano a nozze e quindi devono far fronte alla questione dei diritti ereditari in caso di decesso. L’Helvetia vi spiega come designarsi a vicenda come beneficiari in una situazione del genere.

19 maggio 2018, testo: Hansjörg Ryser, foto: Helvetia

Un uomo anziano e una donna raffigurati sullo sfondo di un paesaggio.
Anche le coppie conviventi che non hanno diritto alla successione ereditaria possono designarsi a vicenda come beneficiari.

Non importa da quanto tempo una coppia conviva, il fatto è che per questo tipo di unioni non esiste alcun diritto ereditario sancito dalla legge. Se lei o il suo partner ha dei figli, l’eredità spetta in primo luogo a questi e, in loro mancanza, ai genitori. Ciononostante, è possibile adottare alcune precauzioni per agevolarsi a vicenda.

Regolamentare per testamento e contratto successorio la porzione liberamente disponibile

Grazie a un testamento o a un contratto successorio si può limitare il diritto degli eredi legittimari alla porzione legittima, attribuendosi quindi a vicenda la porzione liberamente disponibile. Non si avrà alcuna rendita dal 1° pilastro.

Attribuzione beneficiaria nel 2° pilastro

Nel secondo pilastro, le casse pensioni possono prevedere nel loro regolamento una prestazione in caso di decesso se il partner superstite deve provvedere al sostentamento di un figlio comune, se il defunto provvedeva al sostentamento del partner in misura considerevole, oppure se la coppia ha convissuto ininterrottamente per oltre cinque anni. Tuttavia, la convivenza deve essere notificata alla cassa pensione. In determinate circostanze, se la/il defunta/o non ha espressamente richiesto alla fondazione il versamento a favore della/del partner, la prestazione di libero passaggio deve essere ripartita persino con l’ex coniuge.

Attribuzione beneficiaria nel 3° pilastro

Nel pilastro 3a, se non si è sposati e sono soddisfatti gli stessi requisiti richiesti nel secondo pilastro, il margine d’azione è più ampio, tanto da poter agevolare il proprio partner anche se si hanno dei figli. Tuttavia, occorre informare la fondazione in merito all’attribuzione beneficiaria. Nel pilastro 3b si è ancora più liberi nella scelta della persona da agevolare, basta rispettare le porzioni legittime. I titolari di assicurazioni di rischio puro, sono esonerati anche da questo obbligo.

Non importa da quanto tempo una coppia conviva, il fatto è che per questo tipo di unioni non esiste alcun diritto ereditario sancito dalla legge. Se lei o il suo partner ha dei figli, l’eredità spetta in primo luogo a questi e, in loro mancanza, ai genitori. Ciononostante, è possibile adottare alcune precauzioni per designarsi a vicenda come beneficiari.

Regolamentare per testamento e contratto successorio la porzione liberamente disponibile

Grazie a un testamento o a un contratto successorio si può limitare il diritto degli eredi legittimari alla porzione legittima, attribuendosi quindi a vicenda la porzione liberamente disponibile. Non si avrà alcuna rendita dal 1° pilastro.

Attribuzione beneficiaria nel 2° pilastro

Nel secondo pilastro, le casse pensioni possono prevedere nel loro regolamento una prestazione in caso di decesso se il partner superstite deve provvedere al sostentamento di un figlio comune, se il defunto provvedeva al sostentamento del partner in misura considerevole, oppure se la coppia ha convissuto ininterrottamente per oltre cinque anni. Tuttavia, la convivenza deve essere notificata alla cassa pensione. In determinate circostanze, se la/il defunta/o non ha espressamente richiesto alla fondazione il versamento a favore della/del partner, la prestazione di libero passaggio deve essere ripartita persino con l’ex coniuge.

Attribuzione beneficiaria nel 3° pilastro

Nel pilastro 3a, se non si è sposati e sono soddisfatti gli stessi requisiti richiesti nel secondo pilastro, il margine d’azione è più ampio, tanto da poter designare come beneficiario il proprio partner anche se si hanno dei figli. Tuttavia, occorre informare la fondazione in merito all’attribuzione beneficiaria. Nel pilastro 3b si è ancora più liberi nella scelta del beneficiario, basta rispettare le porzioni legittime. I titolari di assicurazioni di rischio puro, sono esonerati anche da questo obbligo.

Raccomandare questa pagina
Si prega di verificare la connessione a Internet