I cookie e i cookie di terze parti sono attivati su questa pagina per offrirvi il miglior servizio possibile e per fornirvi informazioni e offerte. Utilizzando i siti web di Helvetia voi accettate e acconsentite il trattamento dei dati da parte di Helvetia. Per ulteriori informazioni, incluso come disabilitare i cookie, consultare l'Informativa sulla privacy.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto
Consigli dell'esperto
Clienti aziendali
Responsabilità & diritto

Protezione dati UE: nuovi obblighi PMI svizzere

A fine maggio entrerà in vigore il nuovo Regolamento generale sulla protezione dei dati dell’UE. Queste direttive possono interessare anche le imprese svizzere. Cosa significano queste norme per le PMI e come ci si può proteggere da violazioni indesiderate a seguito di attacchi di hacker?

17 marzo 2018, autore: Jan Kleiner, foto: Hetzmannseder/Jan Kleiner

Il Regolamento generale sulla protezione dei dati (RGPD) inasprisce la legislazione im materia di protezione dei dati in tutta l’UE. Contiene numerosi nuovi obblighi. Non sono interessate soltanto le imprese dell’UE, ma anche quelle svizzere.

Interessate PMI svizzere

Il regolamento può valere anche per trattamenti dati che hanno luogo al di fuori dell’UE, quindi anche in Svizzera. Una ditta è interessata se offre merci o prestazioni di servizio a persone nell’UE o se viene osservato il comportamento di persone all’interno dell'UE. Per questo motivo da tali direttive possono scaturire conseguenze giuridiche anche per imprese che hanno la propria sede in Svizzera.

Sanzioni inasprite

Il regolamento prevede nuovi obblighi di documentazione e di prova. Inoltre ora gli imprenditori possono venire obbligati a nominare un incaricato della protezione dei dati. I diritti delle persone private interessate vengono ampliati e vengono introdotti nuovi obblighi di natura organizzativa, tecnica o amministrativa. Se vengono violate le norme sulla protezione dei dati, sono previste sanzioni più aspre. Nel peggiore dei casi un’impresa rischia una multa pari a EUR 40 mio. o al 4% del fatturato annuo globale.

Nuovi obblighi in caso di attacco di hacker

In caso di una violazione della sicurezza dei dati, in particolare in caso di attacco di hacker, le imprese devono ottemperare a nuovi obblighi. L’impresa deve reagire rapidamente e darne comunicazione possibilmente entro 72 ore all’autorità competente in materia di tutela dei dati. A seconda delle circostanze, si devono informare direttamente le persone interessate, ad esempio quelle i cui dati sono stati rubati.

Cyberversicherung

Ben protetti con l’assicurazione cyber

Proprio in casi come questo l’Helvetia supporta con l’assicurazione cyber in modo semplice e rapido: esperti IT intervengono per sostenere un’impresa, ad esempio nel settore dell’analisi forense IT, cioè nel compito spesso difficile di scoprire in che misura sono stati sottratti dei dati. Consulenti legali esterni chiariscono se e in quale misura è necessaria la comunicazione alle autorità e/o alle persone interessate. A fronte dei tempi stretti in cui occorre reagire e a causa del rischio di multe elevate, l’assicurazione cyber dell’Helvetia può quindi proteggere da notevoli spese conseguenti e in caso di sinistro offre un sostegno rapido, efficiente e mirato.

Helvetia Assicurazione cyber

Jan Kleiner

Jan Kleiner lavora come avvocato a Zurigo. Tra le altre cose è specialista in materia di protezione dei dati. In quanto parte della rete dell’Helvetia, in caso di sinistro fornisce consulenza anche ai clienti dell’Helvetia Assicurazione cyber.

Raccomandare questa pagina
Si prega di verificare la connessione a Internet