Cookie Disclaimer

L’Helvetia utilizza i cookie, per offrirvi il miglior servizio possibile e potervi presentare informazioni e offerte. Utilizzando la nostra pagina web dichiarate di accettarne l’uso. Ulteriori informazioni sulla protezione dei dati e sui cookie.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto










Domande dei lettori
Responsabilità & diritto
Veicoli & Viaggi
Clienti privati

Auto d’epoca difettosa: ne risponde il venditore?

La gioia per il nuovo acquisto fa presto a svanire se la splendida auto d’epoca non funziona.
La gioia per il nuovo acquisto fa presto a svanire se la splendida auto d’epoca non funziona. Cosa fare in questi casi?
Ho acquistato presso un’officina un’auto d’epoca americana. Dopo la consegna un amico meccanico ha constatato che l’albero di trasmissione è difettoso. Da profana non me n’ero accorta. Il venditore sostiene che anche lui non ne sapeva niente. Il contratto di acquisto scritto esclude espressamente la garanzia per difetti. Posso comunque esigere il rimborso delle spese di riparazione da parte del venditore? Devo aggiungere che prima dell’acquisto ho ricevuto delle foto dell’albero di trasmissione; il mio meccanico conferma che lo strappo era ben visibile e che anche l’officina avrebbe dovuto notare il difetto.
Domanda di Lea B., Lugano 17.05.2016

Franziska Schmitt, lic.iur., avvocato Helvetia Assicurazioni, Servizio giuridico
25.05.2017

Gentile signora B.,

in linea di principio è il venditore a dover garantire che il bene acquistato (in questo caso l’auto d’epoca) sia privo di difetti che possano diminuirne il valore o che ne impediscano l’utilizzo previsto (art. 197 CO). Vale a dire che se al momento dell’acquisto lei ha espresso chiaramente l’intenzione di guidare l’auto, o il venditore le ha assicurato che il veicolo era funzionante, e lei ha pagato un prezzo corrispondente all’uso, è ravvisabile un difetto della cosa.

Nel suo caso la questione fondamentale è questa: l’officina sapeva che l’albero di trasmissione era difettoso e ha deliberatamente omesso di segnalarle il danno? Se sì, il venditore avrebbe agito con dolo e dovrebbe quindi rispondere dei difetti.

L’officina, però, ha espressamente escluso la garanzia per difetti nel contratto di acquisto. Questa opzione è lecita, a condizione che all’atto della vendita l’officina non fosse veramente a conoscenza del difetto. Se invece il venditore le ha dissimulato dolosamente la rottura dell’albero di trasmissione, tale clausola è nulla e l’officina deve essere chiamata a rispondere del danno (art. 199 CO).

Si può supporre che il venditore fosse a conoscenza del danno e l’abbia dissimulato con dolo se si ritiene evidente che, qualora lei fosse stata informata del difetto, non avrebbe acquistato il veicolo, o per lo meno non a questo prezzo. Le foto da lei citate potrebbero dimostrare che il venditore deve essere stato a conoscenza del difetto.

Le consigliamo di segnalare subito per iscritto al venditore la presenza del difetto. Qualora, date le circostanze, nel suo caso sia riscontrabile un difetto della cosa e lei sia in grado di dimostrare la relativa omissione dolosa da parte del venditore, potrà rivendicare un’adeguata riduzione sul prezzo di acquisto.

Raccomandare questa pagina
Si prega di verificare la connessione a Internet

Altri articoli