I cookie e i cookie di terze parti sono attivati su questa pagina per offrirvi il miglior servizio possibile e per fornirvi informazioni e offerte. Utilizzando i siti web di Helvetia voi accettate e acconsentite il trattamento dei dati da parte di Helvetia. Per ulteriori informazioni, incluso come disabilitare i cookie, consultare l'Informativa sulla privacy.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto
Domande dei lettori
Clienti privati
Previdenza & Salute

Lacuna previdenziale a 47 anni: cosa fare?

Quando la previdenza diventa problematica: come si fa a garantirsi la previdenza anche con un reddito basso e dei risparmi modesti?
Quando la previdenza diventa problematica: come si fa a garantirsi la previdenza anche con un reddito basso e dei risparmi modesti?
Ho 47 anni, sono separata e genitore single, e lavorando a tempo parziale finora il mio reddito è sempre stato inferiore al minimo LPP. Quest’anno ho aderito per la prima volta alla cassa pensione del mio datore di lavoro. Attualmente percepisco un salario orario senza vacanze retribuite, per questo i miei risparmi sono piuttosto modesti. Posso fare comunque qualcosa per garantirmi una previdenza per la vecchiaia?
Domanda di Maria S. 16.03.2016

Reto Kleiner
Reto Kleiner, Responsabile Key Account Management, Helvetia Assicurazioni
Basilea, 22.03.2016

Gentile signora S.,

sono molte le persone che vivono situazioni analoghe alla sua e si tormentano pensando alla previdenza futura. Per poter mettere da parte del denaro, è inevitabile dover ricorrere al buon vecchio risparmio. Anche se l’importo è ridotto, le consiglio di investirlo in un pilastro 3a vincolato. Se l’importo versato non supera i 6’768 franchi, potrà detrarlo dalle imposte. La cosa migliore è fissare un appuntamento con un consulente Previdenza della sua regione. In questa occasione il consulente potrà analizzare nel dettaglio la sua situazione e individuare con lei la soluzione più adatta.

Se al momento del pensionamento la sua previdenza per la vecchiaia non dovesse risultare sufficiente, potrà richiedere delle prestazioni complementari presso il suo comune di domicilio. Grazie a questa integrazione, alla rendita di vecchiaia AVS e alla piccola rendita della cassa pensione potrà affrontare il futuro senza preoccupazioni.

Buono a sapersi: anche se percepisce un salario orario ha diritto a quattro settimane di vacanze retribuite all’anno. Di norma per chi lavora con salario orario si applica un supplemento dell’8.33% (per quattro settimane di vacanze) sul salario versato. Il supplemento deve figurare tassativamente nel contratto di lavoro e va riportato a parte nel conteggio salariale. Ha inoltre la possibilità di richiedere con effetto retroattivo il rimborso dei pagamenti per le vacanze non tracciabili.

Raccomandare questa pagina
Si prega di verificare la connessione a Internet

Altri Articoli