I cookie e i cookie di terze parti sono attivati su questa pagina per offrirvi il miglior servizio possibile e per fornirvi informazioni e offerte. Utilizzando i siti web di Helvetia voi accettate e acconsentite il trattamento dei dati da parte di Helvetia. Per ulteriori informazioni, incluso come disabilitare i cookie, consultare l'Informativa sulla privacy.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto
Comunicati stampa
Svizzera
Arte

«Passage Park #4: A Hotspot Shack» di Monica Studer e Christoph van den Berg nell' Helvetia Art Foyer

Con «Passage Park #4: A Hotspot Shack» all'interno dell'Art Foyer dell'Helvetia Assicurazioni, il duo artistico svizzero Studer / van den Berg mostra una proiezione interattiva il cui palcoscenico è costituito da una capanna accessibile che simboleggia un alloggio fittizio e temporaneo. L' Helvetia Art Foyer di Basilea è aperto ogni giovedì pomeriggio, l'entrata è gratuita.
09.05.2016
studer_van_den_berg.jpg
A partire dalla metà di maggio Monica Studer e Christoph van den Berg espongono nell'Helvetia Art Foyer di Basilea il quarto livello della loro proiezione interattiva «Passage Park». Quest'ultima è articolata come un «work in progress» con svariati livelli rappresentativi. Un'interfaccia comune collega i livelli, mostrati indipendentemente gli uni dagli altri in forma di installazioni. Dopo aver utilizzato con «Passage Park #2» un container come simbolo dell’essere in viaggio, «Passage Park #4» vede ora l'uso di una capanna: l'immagine di un alloggio fittizio e temporaneo e di una tappa intermedia durante un viaggio, proprio come viene rappresentata anche nei racconti interattivi di molti giochi per computer.

Miscela surreale di oggetti e fotografie
All'interno della capanna, una macchina fotografica immaginaria sospesa proietta continuamente su un display, una serie casuale di oggetti tridimensionali che emergono dal buio illuminati dalla luce di riflettori. In questo scenario, grazie alla surreale miscela di oggetti e fotografie, si riproducono degli spazi ricchi di emozioni. Tramite il mouse il visitatore orienta la macchina fotografica a suo piacimento, muovendosi all'interno dello spazio sintetico e osservando nuove situazioni prima che queste scompaiano di nuovo. Inoltre, non appena il visitatore preme il tasto del mouse, l'ambiente immerso nell'oscurità viene illuminato da colori chiari, rendendo in tal modo completamente visibili gli spazi e gli oggetti.

Lo scenario non si ripete mai. In modo del tutto casuale vengono presentati nuovi oggetti, strutture e foto ripresi dal materiale scenico in costante aumento di oggetti digitalmente costruiti nell'ambito dei progetti del duo artistico Studer / van den Berg. Talvolta nella proiezione si trovano anche elementi spaziali dell'installazione circostante, situazioni che Studer / van den Berg hanno sperimentato durante i loro viaggi.

Dal 1991 lavori generati al computer
Dal 1991 Monica Studer e Christoph van den Berg realizzano assieme dei lavori al computer che, tra l'altro, sono stati presentati alla Expo.02, nel padiglione svizzero allestito per l'esposizione mondiale del 2005 ad Aichi, in Giappone e presso la Fondation Beyeler a Riehen (2010/2011). Fra le loro opere più note rientra il progetto internet Hotel Vue des Alpes (www.vuedesalpes.com): lanciato nell'anno 2000, continua ad evolversi costantemente e consente ai visitatori di trascorrere le loro ferie all'interno di uno spazio virtuale.

La seconda esposizione pubblica presso l'Helvetia Art Foyer
«Passage Park #4: A Hotspot Shack» è la seconda mostra pubblica che l'Helvetia ospita presso il proprio spazio espositivo nella sede di Steinengraben, a Basilea. Con le esposizioni nell'Art Foyer, l'Helvetia sottolinea il proprio impegno in favore dell'arte: l'Helvetia non è solo un assicuratore d'arte, ma ne è anche collezionista e promotore. Con oltre 1700 opere di circa 400 artisti, la collezione d'arte dell'Helvetia è una delle più significative nell'ambito dell'arte contemporanea svizzera. Il Gruppo assicurativo inoltre conferisce annualmente un premio ai giovani artisti agli esordi della loro carriera professionale. L'Helvetia Art Foyer è aperto al pubblico ogni giovedì dalle ore 16:00 alle ore 20:00, l'ingresso è libero.


Informazioni in merito all'esposizione «Passage Park #4: A Hotspot Shack» di Monica Studer e Christoph van den Berg
Dal 12 maggio 2016 fino all'11 agosto 2016
Helvetia Assicurazioni, Art Foyer, Steinengraben 25, 4051 Basilea

Vernissage
11 maggio 2016, dalle ore 18:00 alle ore 20:00

Orari d'apertura Helvetia Art Foyer
Ogni giovedì, dalle ore 16: 00 alle ore 20:00

Ingresso libero


Informazione per i media
I giornalisti possono visitare in anteprima la mostra «Passage Park #4: A Hotspot Shack» e al di fuori degli orari di apertura. Per sfruttare questa offerta vi invitiamo a contattare l'ufficio stampa dell'Helvetia:

Telefono: +41 58 280 50 33
media.relations@helvetia.ch






Studer / van den Berg, «Passage Park #4: A Hotspot Shack », 2016, screenshot


Il presente comunicato stampa è disponibile anche sul sito web www.helvetia.ch/media.

Informazioni di contatto
Helvetia Svizzera
Jonas Grossniklaus
Media Relations
St. Alban-Anlage 26
4002 Basilea
Telefono: +41 58 280 50 33
media.relations@helvetia.ch
www.helvetia.ch
Downloads & Links
Raccomandare questa pagina