Cookie Disclaimer

L’Helvetia utilizza i cookie, per offrirvi il miglior servizio possibile e potervi presentare informazioni e offerte. Utilizzando la nostra pagina web dichiarate di accettarne l’uso. Ulteriori informazioni sulla protezione dei dati e sui cookie.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto










Comunicati stampa
Svizzera
Impegno & sponsoring

Impegno per il bosco di protezione dell’Helvetia a favore del patrimonio mondiale dell'UNESCO della Ferrovia Retica nella Valle dell'Albula

Con la messa a dimora di 10'000 alberi l’Helvetia Assicurazioni sostiene il ringiovanimento del bosco di protezione nella Valle dell’Albula. La foresta protegge tra l’altro la tratta dell’Albula della Ferrovia retica (FR) che appartiene al patrimonio mondiale dell’UNESCO. Assieme ai due ambasciatori dei boschi di protezione dell'Helvetia Dario Cologna e LizAn Kuster, Stefan Engler, consigliere degli Stati e Presidente del Consiglio d'Amministrazione della FR, il dr. Mario Cavigelli, consigliere di Stato, e Ralph Jeitziner, membro del Comitato direttivo dell’Helvetia Svizzera hanno piantato i primi giovani alberi.
12.08.2016
foto_1.jpg
Ponti audaci sopra gole selvagge si alternano a gallerie imponenti, pareti rocciose scoscese e soffici boschi di pini cembri: la tratta dell'Albula è una delle linee ferroviarie più belle in assoluto. Al fine di preservare questo patrimonio mondiale dell'UNESCO nonché di consentire un piacevole e sicuro viaggio ai passeggeri, la Ferrovia Retica (FR) e il Canton Grigioni puntano su boschi di protezione intatti.
L'Helvetia Assicurazioni sostiene pertanto il Canton Grigioni e la FR nel rimboschimento della foresta di protezione nella valle dell'Albula donando a tal proposito 10'000 alberi.

Protezione per tutti
Circa due terzi dell'intera superficie boschiva del Canton Grigioni proteggono gli uomini, le infrastrutture, l’economia e gli insediamenti dai pericoli naturali. Il comune di Bergün/Bravuogn gestisce una superficie boschiva complessiva pari a ca. 3'000 ettari, di cui circa l'80% riveste una funzione protettiva. Poiché l’effetto protettivo dipende in primo luogo dallo stato della foresta, questi deve essere costantemente curato. Nel Canton Grigioni si presta particolare attenzione al ringiovanimento del bosco poiché a quote alte gli alberi crescono solo lentamente.

Per il Cantone e il comune la cura di questi boschi di protezione rappresenta una sfida sempre più consistente. Quale conseguenza della mobilità in crescita, dello sfruttamento del terreno sempre più intenso e dei cambiamenti climatici anche i potenziali danni aumentano. Come i pionieri che più di cento anni hanno costruito la spettacolare linea ferroviaria tra Thusis e San Moritz, anche i forestali devono oggi fornire un lavoro magistrale per continuare a garantire la sicurezza. Il dr. Mario Cavigelli, consigliere di Stato del Canton Grigioni di fatto constata: «la protezione dai rischi della natura è la funzione più importante della foresta grigionese.»

Grazie al contributo dell’undicesimo progetto di rimboschimento dell’Helvetia Assicurazioni le foreste possono essere miratamente ringiovanite e migliorata la loro funzione protettiva a tutela delle generazioni a venire. Felix Hunger, agente generale dell’Helvetia a Coira, si rallegra: «grazie all’impegno in favore del bosco di protezione contribuiamo attivamente alla prevenzione dei danni causati dagli eventi naturali che possono mettere a rischio gli esseri umani e il loro patrimonio». Ralph Jeitziner, responsabile della Distribuzione e membro del Comitato direttivo dell’Helvetia Svizzera, riconosce delle parallele tra il bosco di protezione e l’attività assicurativa: «proprio come nella nostra attività anche nel caso dei boschi di protezione occorre pianificare in termini lunghi. Ci vorranno decenni finché gli alberi appena piantati espleteranno la loro funzione protettiva.»

Tutelare il patrimonio mondiale dell’UNESCO
Le Ferrovie retiche sono consapevoli del ruolo fondamentale che riveste il bosco di protezione. La linea ferroviaria in montagna è più esposta ai rischi naturali di altre tratte in zone pianeggianti. «La FR dispone di una spiccata gestione dei rischi naturali. Siamo consci dell’importanza che ricopre un bosco di protezione. Una foresta di protezione ben curata è in grado di ammortizzare o perfino prevenire il pericolo dovuto a valanghe, frane o smottamenti» spiega Stefan Engler, consigliere degli Stati del Canton Grigioni (PPD) e presidente del Consiglio d’Amministrazione della FR.

In occasione dell’odierna presentazione dell’undicesimo progetto di rimboschimento dell’Helvetia, Engler si è dedicato personalmente alla messa a dimora. Assieme ai rappresentanti dell’Helvetia, del direttore del Dipartimento costruzioni, trasporti e foreste del Canton Grigioni dr. Mario Cavigelli, del forestale cantonale Reto Hefti, dell’ingegnere forestale regionale Lukas Kobler, del forestale territoriale Urs Fliri, del sindaco di Bergün/BravuognPeter Nicolay, del responsabile Infrastruttura e vicedirettore della Ferrovia Retica Christian Florin e di altre personalità egli ha piantato i primi abeti rossi e larici. A loro sostegno erano presenti anche i due ambasciatori dei boschi di protezione LizAn Kuster, moderatrice e imprenditrice e Dario Cologna, star dello sci di fondo.

Un proprio albero per 10 franchi
Chi desidera sostenere il rimboschimento della foresta di protezione può acquistare per 10 franchi un passaporto dell’albero presso l’Helvetia. Per ogni passaporto viene piantato, su una parcella appositamente contrassegnata, un ulteriore albero in una delle regioni coinvolte. Sul sentiero didattico del legno e sul sentiero avventura a Bergün/Bravuogn gli alberi appena piantati possono visitati direttamente in loco. Ulteriori informazioni in merito a questo progetto e agli altri dieci progetti di rimboschimento dell’Helvetia in Svizzera e nei Paesi adiacenti sono disponibili online sul sito www.helvetia.ch/bosco-protezione.

Didascalie:
Foto 1: Dr. Mario Cavigelli, consigliere di Stato del Canton Grigioni e forestale territoriale Urs Fliri ricevono in dono da Ralph Jeitziner, responsabile Distribuzione e membro del Comitato direttivo dell’Helvetia Svizzera, e Felix Hunger, agente generale Helvetia Coira, 10'000 alberi per il bosco di protezione. Assieme a loro erano presenti forestale cantonale Reto Hefti e i due ambasciatori del bosco di protezione la star dello sci di fondo Dario Cologna e LizAn Kuster, moderatrice e imprenditrice, Stefan Engler, consigliere degli Stati del Canton Grigioni e Presidente del Consiglio d’Amministrazione della FR et ingegnere forestale regionale Lukas Kobler. (da s. a d.)
Foto 2: Assieme si dedicano alla messa a dimora dei primi alberi per il progetto di rimboschimento FR Valle dell’Albula dell’Helvetia: Stefan Engler, consigliere degli Stati del Canton Grigioni e Presidente del Consiglio d’Amministrazione della FR, dr. Mario Cavigelli, consigliere di Stato del Canton Grigioni, Ralph Rechsteiner, vicedirettore Infrastruttura della FR, Ralph Jeitziner, responsabile Distribuzione e membro del Comitato direttivo dell’Helvetia Svizzera, forestale cantonale Reto Hefti, la star dello sci di fondo Dario Cologna, Felix Hunger, agente generale Helvetia Coira, LizAn Kuster, moderatrice e imprenditrice, Christian Florin, vicedirettore e responsabile Infrastruttura della FR, forestale territoriale Urs Fliri e ingegnere forestale regionale Lukas Kobler. (da s. a d.)
Foto 3: A Bergün/Bravuognl’Helvetia dona 10'000 alberi destinati al rimboschimento della foresta di protezione nella Valle d’Albula a tutela delle generazioni future.
Questo comunicato stampa, le foto e ulteriori informazioni sono disponibili anche sul sito web www.helvetia.ch/media.

Informazioni di contatto
Helvetia Svizzera
Hansjörg Ryser
Responsabile Media Relations Svizzera
St. Alban-Anlage 26
4002 Basilea
Telefono: +41 58 280 50 33
media.relations@helvetia.ch
www.helvetia.ch
Raccomandare questa pagina