Il vostro browser non è aggiornato

Si utilizza Microsoft Internet Explorer. Per utilizzare questo sito web senza problemi, si consiglia di installare un nuovo browser (ad esempio Google Chrome, Mozilla Firefox, Apple Safari o Microsoft Edge).

Mi interessano
?
La funzione «Cerca» non è al momento disponibile, la preghiamo di riprovare più tardi.
La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto





Helvetia aumenta sia l’utile sia il volume d’affari, attuando efficacemente la strategia helvetia 20.20

29.08.2019
La videointervista con il CEO Philipp Gmür

Dati principali della chiusura semestrale 2019 in sintesi

  • Nel primo semestre 2019 Helvetia ha conseguito un positivo andamento degli affari: aumentano utile e volume d’affari, mentre il combined ratio nel Non-vita e il margine dei nuovi contratti negli affari Vita sono in linea con la strategia definita.
  • Il risultato IFRS al netto delle imposte è aumentato del 29,4% a CHF 289.7 mln., favorito da una performance nettamente più solida degli investimenti di capitali, da forti risultati tecnici in particolare nell’assicurazione sulla vita nonché da un positivo effetto fiscale una tantum.
  • Per quanto concerne il volume d’affari, Helvetia ha messo a segno una crescita soddisfacente del 3,3% in valuta originale, trainata essenzialmente dagli affari Non-vita (+6,4%) in Europa e dagli Specialty Markets.
  • Negli affari Vita Helvetia registra netti miglioramenti per tutte le fonti di guadagno attuariale. Si è anche registrato un andamento molto positivo dei nuovi contratti, con un aumento al 3,1% del relativo margine.
  • Negli affari Non-vita l’eccellente combined ratio del 92,5% evidenzia la qualità stabilmente buona del portafoglio. Un sensibile miglioramento si nota nel segmento Europa.
  • Procede senza imprevisti l’attuazione della strategia helvetia 20.20. Helvetia ha inoltre sviluppato ulteriormente il canale B2B2C, rafforzando così il proprio core business, creando nuovi modelli operativi nel mondo mobile con Smile, assicurazione online svizzera leader, e promuovendo innovazioni mirate con il proprio Venture Fund.

 
«Helvetia si lascia alle spalle un primo semestre 2019 coronato dal successo: il risultato è cresciuto notevolmente grazie ai rialzi dei mercati azionari, a forti risultati attuariali e a un positivo effetto fiscale una tantum. Soddisfa anche la crescita trainata dagli allettanti affari Non-vita. Continuiamo a considerare prioritaria una buona qualità del nostro portafoglio clienti» dichiara Philipp Gmür, CEO del Gruppo Helvetia, in merito alla chiusura semestrale 2019.
 
Netti aumenti grazie ai risultati degli investimenti, a buoni risultati tecnici e a un effetto fiscale una tantum
Il risultato IFRS al netto delle imposte di CHF 289.7 mln. realizzato nel primo semestre 2019 è ben superiore al risultato periodico IFRS pari a CHF 223.9 mln. del 2018. Il buon esito si deve ai forti risultati degli investimenti conseguenti all’andamento vantaggioso dei mercati azionari. Anche l’andamento attuariale – in particolare negli affari Vita – ha contribuito all’aumento dell’utile. Infine Helvetia ha beneficiato di un positivo effetto fiscale una tantum per un valore di CHF 63.3 mln., che deriva essenzialmente dalla riduzione degli accantonamenti fiscali latenti derivante dalla riforma fiscale federale e dai correlati modelli di tassazione cantonale in Svizzera.
 
Non-vita: eccezionale combined ratio
Nel primo semestre 2019, negli affari Non-vita Helvetia ha conseguito un risultato IFRS al netto delle imposte di CHF 198.6 mln., che corrisponde a un aumento del 35,3% (risultato IFRS al netto delle imposte nel semestre 2018: CHF 146.8 mln.) Questo miglioramento è dovuto principalmente ai risultati degli investimenti, nettamente più forti grazie alla performance favorevole dei mercati azionari. Inoltre, anche gli affari Non-vita hanno beneficiato degli effetti della riforma fiscale in Svizzera. Infine Helvetia ha ottenuto un risultato attuariale leggermente maggiore grazie al buon andamento di base dei sinistri e a un minore aggravio per grandi danni correlati a eventi naturali. Il combined ratio netto a livello di gruppo è migliorato lievemente, raggiungendo quota 92,5% (semestre 2018: 92,7%). Il tasso di sinistro è sceso di 0,6 punti percentuali grazie al buon andamento dei sinistri già illustrato. Nonostante un miglioramento nelle spese amministrative, il tasso dei costi è aumentato di 0,5 punti percentuali a seguito di maggiori spese d’acquisizione sia in Svizzera sia in Europa. Un chiaro miglioramento del combined ratio è stato registrato dal segmento Europa: nel primo semestre 2019 il combined ratio netto è infatti calato a quota 94,5% (semestre 2018: 95,7%). Tutte le unità di mercato hanno riportato combined ratio inferiori al 100% e hanno lavorato in modo redditizio.
 
Margine migliore negli affari Vita
Negli affari Vita Helvetia ha registrato nel semestre appena trascorso un aumento del risultato IFRS al netto delle imposte del 39,6%, a CHF 108.9 mln. (risultato IFRS al netto delle imposte nel semestre 2018: CHF 78.0 mln.), imputabile a un aumento del margine al netto dei costi conseguente al miglioramento di tutte le fonti di guadagno nonché al consistente incremento degli utili degli investimenti di capitale dovuto al buon andamento del mercato azionario. Contemporaneamente Helvetia ha registrato un significativo aumento delle spese per le partecipazioni alle eccedenze, poiché i clienti partecipano ai maggiori utili da capitale, al margine al netto dei costi più elevato e al contributo al risultato derivante dalle riduzioni d'imposta in Svizzera. È stato soddisfacente anche l'andamento dei nuovi contratti: il relativo margine rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente è aumentato di 1,8 punti percentuali attestandosi al 3,1% (semestre 2018: 1,4%). A trainare il miglioramento sono stati gli affari Vita collettiva in Svizzera. Da una parte, le modifiche apportate ai modelli si sono rivelate positive, comportando un minor fabbisogno di capitale. Dall’altra è migliorato il mix di attività nel ramo Vita collettiva svizzera, a seguito della maggiore crescita dei nuovi contratti con soluzioni assicurative redditizie ed efficienti in termini di capitale.
 
Il settore Altre attività ha realizzato nel primo semestre 2019 un risultato IFRS al netto delle imposte di CHF -17.8 mln. (semestre 2018: CHF -0.9 mln.), cui hanno contribuito gli effetti di consolidamento dei fondi associati a questo segmento, un risultato tecnico della riassicurazione interna al gruppo lievemente inferiore principalmente a causa della partecipazione a singoli grandi danni nel segmento Europa, nonché costi per progetti più elevati.
 
Nuova crescita soddisfacente del volume d’affari
Il volume d’affari pari a CHF 5 965.7 mln. (semestre 2018: 5 832.8 mln.) corrisponde a un aumento al netto degli effetti valutari del 3,3%. Con una crescita del 6,4% nella valuta originale, gli affari Non-vita sono stati il principale elemento di traino della crescita. In tale contesto, Helvetia è cresciuta in particolare nelle assicurazioni cose in tutti e tre i segmenti Svizzera, Europa e Specialty Markets nonché nei rami Engineering e riassicurazione attiva. Particolarmente soddisfacente è l’andamento in Europa e negli Specialty Markets, che rispetto all’anno precedente hanno potuto registrare nel Non-vita un aumento dei premi rispettivamente del 5,9% e del 17,5%. Helvetia ha registrato un maggiore volume d’affari rispetto all’anno precedente (+0,6% in valuta originale) anche nell’assicurazione sulla vita. Vi hanno contribuito gli aumenti nei prodotti vincolati ad investimenti e di protezione del capitale nel ramo Vita individuale, sia in Svizzera che in Germania. Il ramo Vita collettiva ha registrato in Svizzera un aumento del +2,7%. A tale riguardo occorre sottolineare il soddisfacente andamento dei nuovi contratti con soluzioni assicurative efficienti in termini di capitale (Swisscanto e LPP Invest). I premi complessivi di Swisscanto sono aumentati del 48,6% rispetto al semestre 2018. Il motivo principale della crescita è il ritiro di un concorrente dall’assicurazione completa.
 
Azioni e titoli fruttiferi trainano la performance degli investimenti
A seguito di maggiori entrate da dividendi, i redditi d’investimento correnti pari a CHF 511.4 mln. hanno lievemente superato il livello di CHF 505.8 mln. dello scorso anno. Il rendimento diretto annualizzato è stato mantenuto al 2,1%. Grazie all’andamento positivo dei mercati azionari, Helvetia ha registrato utili sugli investimenti di capitale per un importo di CHF 144.4 mln. Il risultato degli investimenti rilevato a conto economico ammonta a CHF 655.8 mln. Helvetia ha così raggiunto un rendimento con effetti sull’utile dell’1,4% e una performance del 4,2% (entrambe le cifre non annualizzate). Hanno contribuito in modo determinante alla performance complessiva le azioni (18,3%) e i titoli fruttiferi (4,9%).
 
Dotazione di capitale e solvibilità tuttora solide
Helvetia mantiene una solida posizione di capitale. Al 1° gennaio 2019 la quota SST era pari al 222%. Il patrimonio netto è passato dai CHF 5 097.1 mln. di fine 2018 a CHF 5 565.6 mln., un aumento derivante dal buon risultato IFRS ma anche principalmente da maggiori utili e perdite non realizzati iscritti nel patrimonio netto a seguito del rinnovato calo dei tassi. La rendita da patrimonio netto annualizzata è stata del 10,3% (semestre 2018: 8,3%).
 
La strategia helvetia 20.20 rafforza efficacemente il core business
L’attuazione della strategia helvetia 20.20, finalizzata a rafforzare il core business, a creare nuovi modelli operativi e a consentire lo sfruttamento mirato delle innovazioni, prosegue con successo. Un esempio del rafforzamento del core business è costituito dall’ampliamento del modello operativo B2B2C, che contribuisce all’espansione delle capacità di vendita. Esso consente ai clienti di stipulare direttamente al punto vendita un’assicurazione per il prodotto acquistato, rispondendo così all’esigenza di assicurare individualmente singoli oggetti. Helvetia persegue questo approccio di vendita, tra l’altro per gli articoli elettrici ed elettronici nonché nel ramo veicoli. In questo contesto, Helvetia ha acquisito Helvetic Warranty GmbH il 1° luglio, che agisce da interfaccia tra partner di distribuzione e assicuratori e fornisce servizi globali che vanno dalla commercializzazione all’evasione dei sinistri. Helvetic Warranty vanta anche un ampio know-how nell’efficiente evasione dei sinistri.
 
Smile crea nuovi modelli operativi nel mondo mobile
Con Smile, leader svizzera nell'assicurazione online, Helvetia crea nuovi modelli operativi nel mondo mobile. Smile intende offrire alla clientela un’esperienza digitale unica, puntando in modo mirato quale primo fornitore svizzero su «mobile first». A tale scopo, a inizio luglio Smile ha completamente rielaborato la propria presenza sul mercato, differenziandosi così ancora di più dal classico mercato assicurativo. L’esperienza del cliente sarà in futuro sempre più trainata dai dati, proprio come per i grandi rivenditori online. Inoltre, a settembre Smile lancerà un’app che fungerà da perno e volano per la propria offerta e consentirà di offrire ai clienti prestazioni aggiuntive. «Con Smile raggiungiamo un segmento di clientela in crescita e complementare, abituato a utilizzare servizi flessibili direttamente dallo smartphone», dichiara Philipp Gmür spiegando la strategia alla base di Smile.
 
Helvetia Venture Fund investe nell’italiana MyPass
Helvetia crea innovazioni partecipando tra l’altro con il proprio Venture Fund a delle start-up. È di questi giorni la partecipazione del Venture Fund nella start-up italiana MyPass. L’azienda sviluppa app che consentono agli utenti di acquistare e gestire in tutta praticità biglietti, tessere per parcheggi, ski-pass e simili. Helvetia collabora con MyPass da marzo e, tramite la piattaforma, offre assicurazioni per gli sciatori. In futuro si prevede di vendere tramite le app MyPass anche altre soluzioni assicurative, per esempio in ambito turistico.
 
Helvetia punta sulla promozione delle nuove leve
Un fattore centrale nell’attuazione della strategia helvetia 20.20 sono i collaboratori. In tale contesto Helvetia non punta soltanto sullo sviluppo dei propri collaboratori ma anche sulla formazione delle nuove leve. Nel 2019 circa 200 giovani leve lavorano per Helvetia. La maggior parte sono persone in formazione (150). Per Helvetia è quindi importantissimo offrire loro lo spazio necessario a uno sviluppo ottimale. Per esempio le persone in formazione gestiscono un centro di assistenza per i clienti e sono responsabili delle questioni relative alla gestione o all’organizzazione del team. Con il centro di assistenza per le giovani leve, Helvetia sgretola le antiche convenzioni e mette in luce la propria attrattiva quale datore di lavoro.
 
Philipp Gmür è soddisfatto dell’andamento del primo semestre: «Procede con rapidità l’attuazione della strategia helvetia 20.20, grazie alla quale creiamo valore aggiunto per i nostri clienti, i nostri azionisti, ma anche per i nostri collaboratori, per esempio con le recentissime iniziative indirizzate alle nuove leve.»
 
 
Cifre salienti

 

 
Note
  • Oggi alle ore 09.00 si terrà una conferenza stampa in lingua tedesca. Alle ore 11.00 seguirà un incontro con gli analisti con conference call in lingua inglese. Di seguito i numeri da chiamare per l’incontro con gli analisti: +41 (0) 58 310 50 00 (Europa), +44 (0) 207 107 06 13 (UK), +1 (1) 631 570 56 13 (USA).
  • La conference call potrà essere seguita in Internet (in lingua inglese), all’indirizzo www.helvetia.com (audio). Una registrazione sarà disponibile dalle ore 16.30 circa in poi all’indirizzo www.helvetia.com.
  • La lettera agli azionisti, il rapporto semestrale e il set di diapositive della conferenza stampa e dell’incontro con gli analisti sono disponibili sin d’ora sul sito www.helvetia.com/half-year-results.

Informazioni di contatto
Analisti
Susanne Tengler
Responsabile Investor Relations
 
 
Telefono: +41 58 280 57 79
investor.relations@helvetia.ch
Media
Jonas Grossniklaus
Senior Manager
Corporate Communications & PR
 
Telefono: +41 58 280 50 33
media.relations@helvetia.ch
Raccomandare questa pagina