I cookie e i cookie di terze parti sono attivati su questa pagina per offrirvi il miglior servizio possibile e per fornirvi informazioni e offerte. Utilizzando i siti web di Helvetia voi accettate e acconsentite il trattamento dei dati da parte di Helvetia. Per ulteriori informazioni, incluso come disabilitare i cookie, consultare l'Informativa sulla privacy.

Mi interessano
?
La funzione «Cerca» non è al momento disponibile, la preghiamo di riprovare più tardi.
La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto
Abitazione
Risparmio
Imposte

Risparmiare sulle imposte in modo semplice: ecco come pagare meno

I nostri vantaggiosi consigli per chi possiede un’abitazione, versa i contributi per il secondo pilastro e tutti gli altri. Con un po’ di pianificazione risparmiate denaro e così l’anno a venire potrete concedervi qualcosa in più.

26 ottobre 2019, testo: Alexandra Muheim, foto: Helvetia

Una donna si trova in piedi davanti a un tavolo su cui ci sono vari documenti. Guarda fuori dalla finestra.
Compilare la dichiarazione d’imposta è snervante, ma con questi consigli risparmiate quantomeno denaro.

Tutti gli anni bisogna compilare la dichiarazione d’imposta. Chi vuole risparmiare deve però giocare d’anticipo. Qui trovare i consigli più importanti a riguardo, selezionati per voi dai nostri esperti. Chi vuole risparmiare ancora di più, può rivolgersi direttamente a noi per una consulenza individuale, dato che le norme variano da Cantone a Cantone. 

Consigli generali in materia fiscale

  • Il pilastro 3a offre allettanti agevolazioni fiscali per le persone con  occupazione a tempo parziale, le quali devono restare assicurate, poiché se versano contributi nel secondo pilastro (e anche se tale importo è così eseguo), possono usufruire dell’intera deduzione fiscale fino a CHF 6’826 all’anno. Le coppie coniugate devono però prestare attenzione alla seguente regola: se le deduzioni legate al reddito superano il reddito da lavoro netto imponibile, in determinati casi ne consegue una riduzione del forfait per coniugi con doppio reddito. 
  • Per le coppie in concubinato va in ogni caso verificato quale dei due partner può far valere le eventuali deduzioni comuni per figli. Se il partner A mantiene un reddito elevato e il partner B riduce l’attività lavorativa ad esempio al 40%, è opportuno attribuire le deduzioni totali per figli al partner A. Lo stesso dicasi per i costi dell’accudimento dei figli (asilo nido) o le eventuali spese mediche per figli. Le deduzioni hanno un’incidenza maggiore se effettuate sul reddito più elevato. Considerato che in questo caso il partner A beneficia da solo di un notevole sgravio fiscale, andrebbe concordato e attuato un pagamento di compensazione al partner B con un’aggiunta integrativa al contratto di concubinato.
  • Il restauro dentale può essere pianificato: vale la pena risparmiare un po’ più a lungo in vista di questa operazione e, ove possibile, far effettuare il restauro in un anno fiscale. Le spese mediche sono deducibili dal reddito imponibile, tuttavia solo se superano una determinata percentuale del reddito. 

Consigli in materia fiscale per persone con secondo pilastro

  • È possibile risparmiare sulle imposte con l’acquisto di anni contributivi aggiuntivi nel secondo pilastro. Ciò è consigliato per le persone che presentano lacune previdenziali, dato che per un determinato periodo di tempo non hanno esercitato un’attività lucrativa oppure hanno lavorato a tempo parziale. In questi casi vale la pena ripartire i riscatti su più anni, al fine di risparmiare ancora di più. Ma anche qui vige il principio: la somma delle deduzioni legate al reddito non deve superare il reddito da lavoro netto imponibile. Altrimenti può conseguirne una riduzione del forfait per coniugi con doppio reddito oppure una decurtazione delle deduzioni ammesse.
  • Se siete coniugati e prelevate anticipatamente fondi dal secondo pilastro per la promozione della proprietà d’abitazioni (acquisto di un’abitazione ad uso proprio, ammortamento ipotecario o ristrutturazioni), è importante che soltanto un partner effettui tale prelievo anticipato, considerato che è possibile ottenere di nuovo delle deduzioni dalle imposte soltanto dopo aver restituito integralmente tale prelievo. Per l’altro partner è possibile dedurre dal reddito imponibile i riscatti senza previa restituzione dell’importo.
  • È possibile risparmiare sulle imposte altresì con le fasi di pensionamento parziale (che devono tuttavia aver luogo conformemente al regolamento LPP e in fasi parziali minime). Va segnalato però che con ciò si riducono anche i versamenti (contributi versati dal datore di lavoro e contributi versati dal dipendente). Ne derivano perdite di prestazioni che devono essere raffrontate con i risparmi fiscali che si conseguirebbero. La maggior parte delle volte il bilancio è positivo, ma potrebbe in determinati casi risultare negativo e, pertanto, va chiarito il prima possibile in via preliminare.
  • Proseguimento dell’attività lucrativa dopo i 64/65 anni: chi ha la possibilità di continuare a lavorare dopo l’età di pensionamento può farlo per al massimo 5 anni dopo il raggiungimento dell’età ordinaria di pensionamento. È possibile continuare a versare i contributi nella cassa pensione a condizione che il regolamento preveda questa opzione (e oggi è quasi sempre così). In tal modo è possibile migliorare le prestazioni con contributi di risparmio regolamentari, che sono altresì deducibili dal reddito imponibile. Questa opzione viene spesso scelta dai titolari di aziende e può essere molto allettante sotto il profilo fiscale.

Consigli in materia fiscale per i proprietari di abitazioni

  • Se effettuate lavori alla vostra abitazione che ne conservano il valore (ad es. sostituzione delle finestre o dell’impianto di riscaldamento, risanamento del tetto o del sistema di isolamento, rifacimento del giardino ecc.), il costo di tali lavori può essere dedotto dal reddito imponibile. Il nostro suggerimento: ripartite i lavori in modo opportuno su più anni, in tal modo potete ottenere più deduzioni.
  • Con un ammortamento indiretto potete sfruttare i bassi tassi per le deduzioni nella dichiarazione d’imposta. A tal proposito, tuttavia, è meglio versare l’importo massimo nel pilastro 3a per tutte le persone che possono far valere deduzioni. Anche questo versamento può essere integralmente dedotto dalle imposte. La fruizione delle prestazioni dovrebbe essere altresì distribuita nel tempo.
  • Con l’Helvetia Piano di previdenza potete prelevare anticipatamente una parte del pilastro 3a per il rimborso di un’ipoteca o un investimento in un’abitazione di proprietà. Con tali pagamenti potete conseguire ingenti risparmi sull’imposta speciale.
Raccomandare questa pagina
Si prega di verificare la connessione a Internet