I cookie e i cookie di terze parti sono attivati su questa pagina per offrirvi il miglior servizio possibile e per fornirvi informazioni e offerte. Utilizzando i siti web di Helvetia voi accettate e acconsentite il trattamento dei dati da parte di Helvetia. Per ulteriori informazioni, incluso come disabilitare i cookie, consultare l'Informativa sulla privacy.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto
Arte
Clienti privati

Nuova esposizione d’arte presso Helvetia Art Foyer

Con il titolo «All-Risk» Helvetia mostra per la prima volta un’esposizione d’arte pubblica presso il nuovo Art Foyer. L’esposizione con opere della collezione d’arte aziendale durerà fino alla fine di febbraio 2016.

30 ottobre 2015, testo: Margrith Mermet, Fotos: Margrith Mermet / zVg

Razzi, slavine, piovre giganti – spaventosi e pericolosi, ma spesso anche assurdi o con una strizzatina d’occhio: è così che si presentano le opere d’arte sul tema del rischio e del pericolo nella nuova esposizione presso l’Helvetia Art Foyer. «Con il titolo ‹All-Risk› esponiamo disegni, dipinti, collage, video, fotografie e oggetti che ci parlano della minaccia effettiva e ipotetica per le proprie sostanze o per la propria incolumità», dichiara Andreas Karcher, responsabile dell’ufficio Arte dell’Helvetia. «Occuparsi di potenziali rischi, della paura di sinistri, di infortuni o malattia e dell’esigenza di sicurezza a ciò correlata determinano l’attività quotidiana di una compagnia d’assicurazione», sostiene Karcher – il tema della nuova esposizione si spiega quindi da sé.

Prima esposizione pubblica presso l’Helvetia Art Foyer

Per l’esposizione i due curatori Andreas Karcher e Nathalie Loch hanno selezionato opere di Julian Charrière, collectif_fact, Pascal Danz, huber.huber, Luzia Hürzeler, Luc Mattenberger, Guido Nussbaum, Gustavo Riego, Roman Signer e Anna B. Wiesendanger dalla collezione d’arte Helvetia. Sono state integrate da prestiti del credito all’arte città di Basilea, della galleria Stampa, Basilea, e della galleria Rotwand, Zurigo. L’esposizione si svolge presso l’Helvetia Art Foyer (presso am Basler Steinengraben) ed è accessibile al pubblico fino alla fine di febbraio 2016 il giovedì, dalle ore 16.00 alle ore 20.00. «Vorremmo consentire alla popolazione un maggiore accesso alle opere della collezione d’arte Helvetia», spiega Karcher. La collezione include oltre 1’700 lavori di circa 400 tra artisti e artiste e rientra tra le più significative nel campo dell’arte svizzera contemporanea.

Raccomandare questa pagina
Si prega di verificare la connessione a Internet

Altri articoli