I cookie e i cookie di terze parti sono attivati su questa pagina per offrirvi il miglior servizio possibile e per fornirvi informazioni e offerte. Utilizzando i siti web di Helvetia voi accettate e acconsentite il trattamento dei dati da parte di Helvetia. Per ulteriori informazioni, incluso come disabilitare i cookie, consultare l'Informativa sulla privacy.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto
Arte
Gioventù

STELLA vince il premio d’arte Helvetia 2016

La giovane artista STELLA con il suo lavoro «American Dream» vince il premio d’arte Helvetia 2016. L’installazione premiata presenta le due fabbriche di sogni Hollywood e Las Vegas sotto forma di un dipinto su seta di grande formato che funge da schermo per la proiezione di sogni e nostalgie.

22 marzo 2016, testo: Margrith Mermet e Christian Ben Shoham

In presenza di estimatori, artisti e personalità del jet set artistico svizzero, il 10 marzo nell’Helvetia Art Foyer è stato assegnato il premio d’arte Helvetia 2016. La vincitrice è STELLA, laureata (bachelor) in arti figurative presso la Zürcher Hochschule der Künste (Università delle arti di Zurigo). La gioia della giovane artista per il riconoscimento è grande: «È bello che oltre ai miei genitori ci siano anche altre persone che dicono «sì» alla mia arte».

La giuria specialistica del premio d’arte Helvetia è rimasta sorpresa e affascinata dal lavoro di STELLA, che insieme alle sue opere – installazioni, abiti, accessori, dipinti e fotografie – costituisce un grande universo. «STELLA tematizza la Pop Art ex novo, facendo scomparire i confini tra vita e arte», dichiara Andreas Karcher, direttore dell’ufficio tecnico Arte dell’Helvetia.

Uno schermo monumentale

In «American Dream», l’installazione premiata, la giovane artista di Zurigo presenta le due fabbriche di sogni Hollywood e Las Vegas sotto forma di un dipinto su seta di grande formato, che funge da schermo per la proiezione di sogni e nostalgie. Davanti colloca delle lampade fatte da lei con base in pietra. Degli emblemi disegnati della cultura quotidiana americana ornano i paralumi di carta. «STELLA conduce un gioco sottile con le aspettative di autenticità di un’artista», dichiara Andreas Karcher. Il suo lavoro persuade in quanto abile corridoio di confine tra giocosità infantile e sovversione strategica.

Il membro della giuria Helen Hirsch, direttrice del museo d’arte di Thun, è entusiasta del lavoro di STELLA: «In un primo momento si resta perplessi in merito al fatto che una giovane artista si occupi di pittura su seta. Soprattutto perché questa tecnica, date le dimensioni monumentali, è estremamente complessa». Tuttavia, la giuria è rimasta anche impressionata da come STELLA ha saputo porsi in modo critico e abile di fronte alle costruzioni del potere e al consumo del presente. «Rompe con i cliché delle nostre aspettative e crea un accesso sottile al mondo del consumo e alla promessa di un mondo presumibilmente migliore con luoghi della nostalgia e materialismo».

Oltre al premio in denaro di CHF 15’000, STELLA ottiene la possibilità di esporre alla «LISTE – Art Fair Basel», dove potrà esporre sé e il proprio lavoro a un pubblico specializzato interessato. La LISTE è una delle principali fiere d’arte a livello mondiale per gallerie e artisti giovani che si svolge in parallelo ad Art Basel. «Sono in totale trepidazione e creerò un’opera apposta per l’esposizione», afferma STELLA.

Raccomandare questa pagina
Si prega di verificare la connessione a Internet

Altri articoli