L’Helvetia utilizza i cookie, per offrirvi il miglior servizio possibile e potervi presentare informazioni e offerte. Utilizzando la nostra pagina web dichiarate di accettarne l’uso. Ulteriori informazioni sulla protezione dei dati e sui cookie.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto










Arte
Clienti privati

Colloquio con il duo artistico basilese

Il duo artistico basilese Studer/van den Berg è già presente nella collezione d’arte dell’Helvetia con alcuni lavori. Adesso ha progettato un’installazione interattiva appositamente per l’Helvetia Art Foyer. Nell’intervista gli artisti raccontano come nascono le loro opere.

4 luglio 2016, testo: Margrith Mermet

Monica Studer e Christoph van den Berg
La coppia di artisti Christoph van den Berg e Monica Studer vive e lavora a Basilea.

Che significato ha per voi l’esposizione presso l’Helvetia Art Foyer?

La richiesta dell’Helvetia ci ha fatto molto piacere. Durante il periodo dell’esposizione, l’installazione ci permette di arricchire le stampe della raccolta con aspetti importanti del nostro lavoro, creando opere installative spaziali e interattive.

Che cosa mostrate nell’Helvetia Art Foyer?

La capanna di «A Hotspot Shack» è un oggetto spaziale che per quanto riguarda forma, dimensioni e collocazione è stato concepito per lo spazio dell’Helvetia Art Foyer. Volevamo costruire uno spazio accessibile all’interno del locale, che giocasse con la propria dimensione interna/esterna. Ma ciò non vale solo per lo Shack: mentre l’esterno stampato porta le creazioni digitali nel mondo analogico, per la proiezione interattiva «Passage Park» all’interno trasferiamo oggetti della realtà ricostruendoli con programmi 3D.

In seguito l’installazione verrà esposta anche altrove?

La struttura della capanna consente di esporla più volte – ci farebbe molto piacere se si presentasse l’opportunità giusta. Naturalmente, è molto probabile che in un altro spazio l’installazione richieda un allestimento del tutto diverso.

Come nascono le vostre immagini create al computer?

All’inizio di un’immagine ci sono sempre colloqui e schizzi sulle caratteristiche dell’oggetto. A vicenda descriviamo che cosa vogliamo realizzare e in che modo, nonché i vari dettagli. Nel caso della capanna ci siamo accordati sul fatto che non doveva essere un’unità omogenea. Non deve essere chiaro se è stata costruita con elementi da costruzione usati o se ha un passato di migliorie motivate da questioni economiche. Quando abbiamo trovato, grazie al dialogo, l’immagine adatta, realizziamo le idee in forma digitale, quasi senza modelli. Le fotografie ci servono come elementi di ricordo durante l’ideazione e per alcuni oggetti come modello per le strutture.

Scattate le fotografie quando siete in viaggio e le utilizzate nelle vostre opere. Quanto è importante viaggiare per il vostro lavoro?

Senza dubbio molte delle fotografie che si vedono nella proiezione sono state scattate durante i nostri viaggi, ma il viaggiare qui va inteso in senso metaforico come «essere in viaggio». In viaggio ci sono temi che ci interessano già da molto tempo e che seguiamo fotograficamente. Nel caso di «Passage Park» si è trattato di sentieri, cavalcavia e sottopassaggi, capanne ai bordi delle strade, cantieri e arredi urbani. Da questo corpus selezioniamo delle fotografie adatte, che insieme agli oggetti 3D danno vita a spazi immaginari nuovi e sorprendenti.

Siete spesso in viaggio. Quando è possibile incontrarvi nell’atelier di Basilea?

Ci spostiamo spesso per esposizioni, installazioni e conferenze. Oppure lavoriamo per alcuni mesi in una città interessante grazie al finanziamento di qualche atelier. Allo stesso tempo, lavorare nell’atelier di Basilea è molto importante per noi. Ci dà tranquillità e ci consente di portare avanti i nostri progetti con concentrazione. Inoltre, per la realizzazione possiamo collaborare con persone che conosciamo già da tempo e che stimiamo molto.

Quanto tempo è necessario per realizzare un’opera come quella attualmente esposta nell’Helvetia Art Foyer?

Vi abbiamo lavorato diversi mesi, in parte in maniera intensiva. La maggior parte del lavoro è stato dedicato alla capanna, che è stata creata da zero. Non avevamo mai realizzato una costruzione leggera come questa. Il software per l’installazione interattiva è uno sviluppo delle precedenti installazioni e richiede migliorie e interventi costanti.

Oltre alla capanna, nell’esposizione si possono vedere anche delle vostre stampe.

Esatto. Dal punto di vista tecnico, sono paragonabili ai fotogrammi della proiezione. Poiché cambiano costantemente in maniera casuale, ogni stampa mostra uno scenario che statisticamente è quasi impossibile che si ripresenti.

L’installazione «Passage Park #4: A Hotspot Shack» è stata progettata e realizzata appositamente per essere esposta nell’Helvetia Art Foyer.

Gli artisti

Dal 1991, Monica Studer e Christoph van den Berg sviluppano insieme lavori creati al computer. È il dialogo tra i due artisti basilesi a costituire il principio essenziale di tutti i loro lavori. I due artisti sentono di essere un’unità: le loro opere d’arte vengono sviluppate e realizzate in stretta collaborazione. Di chi sia stata l’ispirazione o l’idea non ha alcuna importanza e rimane un loro segreto. Tra le opere più conosciute vi è il progetto Internet Hotel Vue des Alpes.

www.studervandenberg.ch  

Raccomandare questa pagina
Si prega di verificare la connessione a Internet

Altri articoli