L’Helvetia utilizza i cookie, per offrirvi il miglior servizio possibile e potervi presentare informazioni e offerte. Utilizzando la nostra pagina web dichiarate di accettarne l’uso. Ulteriori informazioni sulla protezione dei dati e sui cookie.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto










Arte
Clienti aziendali
Video
Clienti privati

Helvetia Art Foyer: «Save Our Souls» di huber.huber

Tema centrale dell’attuale mostra allestita da huber.huber è il rapporto precario fra natura e cultura tecnologizzata e le relative difese messe in atto dall’essere umano.

5 dicembre 2017, testo: Margrith Mermet, foto: Viktor Kolibàl

L’attuale esposizione ospitata nell’Helvetia Art Foyer, intitolata «Save Our Souls», raccoglie installazioni, oggetti e fotografie ad opera del duo artistico zurighese huber.huber. Con le loro opere i gemelli Markus und Reto Huber (*1975) trattano ancora una volta il tema del rapporto precario fra natura e cultura tecnologizzata.

La mostra di Basilea schiude ai visitatori l’accesso a un campo di associazioni che spazia dalla natura minacciata e al contempo minacciosa alle tecnologie con un potenziale distruttivo e allo stesso tempo salvifico a livello globale. «Gli oggetti esposti appaiono estremamente aridi, ma narrano tutti una loro storia. Ed è questo che a noi fondamentalmente interessa: i visitatori della mostra devono trarne ispirazione e, basandosi su ciascun oggetto, inventare la loro propria storia», afferma Reto Huber illustrando lo scopo dell’esposizione.

Comportamento protettivo dell’essere umano

Il titolo della mostra s’ispira ad una comune lampada il cui tubo fluorescente riproduce la sequenza di tre lettere in codice Morse SOS. Un’altra opera intitolata «Stella maris» si riferisce all’invocazione di Maria come protettrice dei naviganti e al simbolo della stella salvatrice.

Anche le altre opere della mostra ruotano attorno al tema del comportamento protettivo degli esseri umani: vecchie vetrate di una chiesa assumono una nuova funzione trasformandosi in un rifugio che offre protezione; una serie di foto allude alla formula spesso usata in preghiera «Salvaci», un parafulmine diventa un oggetto inutilizzabile e pericoloso a causa della mancata messa a terra; feticci e amuleti protettivi rispecchiano modelli comportamentali archetipici e una farfalla schiacciata sotto lo zoccolo di una parete a specchio immaginaria riconquista, come gesto riconciliante, la sua forma originaria grazie all’immagine riflessa.

Speranze e paure

«Per questa mostra abbiamo scelto delle opere che ben si associano all’argomento assicurazione. Hanno a che fare con la speranza, le paure, ma anche con la protezione», spiega Markus Huber. Il duo artistico ha creato appositamente per la mostra dell’ Helvetia Art Foyer tre grandi opere tridimensionali, abbinandole ad altre meno recenti che possono costituire un chiaro riferimento al medesimo tema.

Il duo huber.huber ha creato, in esclusiva per l’Edition Helvetia 2017, la riproduzione a stampa dell’opera «Stella maris» che fungerà da modello per la cartolina artistica 2017 dell’Helvetia.

«Save Our Souls»

Esposizione del duo artistico zurighese huber.huber
Fino al 18 gennaio 2018
Ogni giovedì, dalle ore 16 alle ore 20
(chiusa il 9 novembre e il 28 dicembre 2017)
Helvetia Assicurazioni, Art Foyer, Steinengraben 25, 4051 Basilea
Ingresso gratuito

La mostra è aperta al pubblico anche durante la Notte dei musei, venerdì 19 gennaio 2018. Sono previste visite guidate in presenza degli artisti e dei curatori e vengono organizzati workshop per bambini.

Raccomandare questa pagina
Si prega di verificare la connessione a Internet

Altri Articoli