Il vostro browser non è aggiornato

Si utilizza Microsoft Internet Explorer. Per utilizzare questo sito web senza problemi, si consiglia di installare un nuovo browser (ad esempio Google Chrome, Mozilla Firefox, Apple Safari o Microsoft Edge).

Mi interessano
?
La funzione «Cerca» non è al momento disponibile, la preghiamo di riprovare più tardi.
La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto

Auto elettrica di seconda mano? Buono a sapersi

Le auto elettriche sono di tendenza e hanno un certo prezzo. Ora però si può trovarne di più convenienti, dato che pian piano ce ne sono sempre di più sul mercato delle auto di seconda mano. Sembra allettante, ma solleva al contempo domande. A che cosa bisogna prestare attenzione all’acquisto di un’auto elettrica usata? Qui trovate importanti consigli.

1 settembre 2021, testo: Torsten Schallmaier, foto: Getty Images

Wallbox per auto elettriche
Sempre più veicoli elettrici usati finiscono sul mercato delle auto di seconda mano. Quando conviene acquistare un’auto elettrica usata?

Quali distanze volete letteralmente raggiungere?

Prima di andare in giro per la Svizzera senza far rumore e a emissioni zero, dovete farvi le domande seguenti: Di quale autonomia necessito? Se ad esempio percorrete quotidianamente 50 chilometri per recarvi al lavoro, anche un’auto elettrica dotata di batteria di prima generazione è in grado di coprire questa distanza e persino durante la stagione fredda. Se tuttavia vi occorre un’autonomia di oltre 100 chilometri, può risultare difficoltoso percorrere questa tratta con le auto elettriche provviste di batterie più vecchie. In tal caso è meglio puntare su una batteria più grande e più nuova.

Dove posso ricaricare le batterie e quanto tempo occorre?

L’auto viene ricaricata prevalentemente a casa tramite una wallbox, presso il datore di lavoro o una colonna di ricarica pubblica? Questa domanda è molto importante considerato che le automobili elettriche dispongono di diverse tecnologie di ricarica e pertanto possono essere usate in modo diversamente flessibile. Se un’auto elettrica si ricarica rapidamente (corrente continua DC), si può riutilizzarla in un tempo relativamente breve per tragitti più lunghi.

Se invece è disponibile soltanto la ricarica normale a corrente alternata (AC), occorrono alcune ore se non l’intera notte per ricaricare l’auto elettrica tanto da raggiungere nuovamente una certa distanza. In questo caso converrebbe dunque ricaricare il veicolo a casa. Pertanto, occorre assolutamente informarsi in primo luogo sull’infrastruttura di ricarica in loco e prestate attenzione alla tecnologia di ricarica.

Verificate il cuore e la batteria

Come potete immaginare: la batteria nell’auto elettrica è la componente più costosa. Quanti più cicli di ricarica ha alle spalle, tanto maggiore sarà il suo invecchiamento. Le batterie sopportano senza problemi da 500 a 1000 cicli di ricarica. E quanto più è grande la batteria, tanto minore è il rischio che l’accumulatore arrivi presto in fin di vita. Per questo motivo prestate particolare attenzione allo stato di salute della batteria e dunque chiedete il cosiddetto «state of health», in breve SOH.

Inoltre, chiedete di visionare i protocolli di verifica e il libretto di manutenzione. A ogni lavoro di manutenzione e riparazione l’autofficina sottopone ad accurato controllo la batteria. Se una venditrice o un venditore non è in grado di mostrarvi alcun protocollo o il libretto di manutenzione, è necessario essere prudenti. Un ulteriore consiglio: controllate all’acquisto se l’accumulatore ha ancora una garanzia in corso e in caso affermativo per quanto tempo è ancora valida. Quali condizioni di garanzia sussistono e potete accettare di rinunciare ai diritti legati alla garanzia?

Prudenza nell’autonomia

Non lasciatevi fuorviare dall’autonomia indicata dai produttori. La distanza che potrete percorrere diminuisce di pari passo con l’invecchiamento della batteria. Va aggiunto inoltre che sulla prestazione della batteria incidono anche vari fattori come il comportamento alla guida, la temperatura esterna o l’utilizzo del riscaldamento o del climatizzatore. Ad esempio, dei 200 chilometri indicati di autonomia, in inverno se ne potranno forse percorrere soltanto 100 al massimo. Chiedete alla venditrice o al venditore di fornirvi i dati secondo la sua esperienza personale.

Una particolarità: i freni

Un’automobile elettrica ha molto meno parti soggette a usura rispetto a un’auto con motore a combustione, infatti non esistono candele, cinghia dentata o tubo di scappamento. Tuttavia, prestate attenzione ai freni. Nelle auto elettriche i freni vengono intaccati maggiormente dalla ruggine rispetto ai veicoli tradizionali. Il motivo? Molti conducenti di auto elettriche accelerano e frenano avvalendosi soltanto del pedale del gas, senza utilizzare quello dei freni. Facendo così l’energia ritorna nell’accumulatore. Nel linguaggio tecnico, questo fenomeno viene definito recupero di energia. In generale vale il principio: verificate lo stato generale dell’auto elettrica usata e, se possibile, effettuate un giro di prova. Ove necessario, fate effettuare una perizia specialistica del veicolo prima dell’acquisto.

L’assicurazione auto adeguata

Il mercato delle auto elettriche di seconda mano diventa sempre più interessante con una maggiore scelta di modelli. Un acquisto può dunque risultare conveniente. Avete trovato l’auto elettrica che fa per voi e pensate anche a un’assicurazione auto adeguata. Presso l’Helvetia la vostra auto elettrica è protetta in modo ottimale e beneficiate di numerosi vantaggi. Ad esempio ricevete un bonus ProClima per le automobili ecologiche.  

Viaggiare con un veicolo elettrico con Helvetia e MOVE: i vantaggi raddoppiano.

MOVE offre una delle maggiori reti pubbliche di ricarica per le auto elettriche. Se stipulate una nuova assicurazione per un’automobile ibrida plug-in o elettrica entro il 31 dicembre 2021, l’Helvetia vi regala la prima tassa annua dell’abbonamento MOVE comfort del valore di CHF 59.-, compreso un credito iniziale di CHF 20.-. Così potrete ricaricare il vostro veicolo a tariffe allettanti sia in Svizzera che all’estero.

Si prega di verificare la connessione a Internet