Il vostro browser non è aggiornato

Si utilizza Microsoft Internet Explorer. Per utilizzare questo sito web senza problemi, si consiglia di installare un nuovo browser (ad esempio Google Chrome, Mozilla Firefox, Apple Safari o Microsoft Edge).

Mi interessano
?
La funzione «Cerca» non è al momento disponibile, la preghiamo di riprovare più tardi.
La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto





Nonostante la cancellazione ci sono buone notizie

La maratona engadinese di sci 2020 è stata una delle prime grandi manifestazioni in Svizzera a essere annullata a causa del coronavirus soltanto a pochi giorni dalla prima gara. A distanza di poco più di un mese, si è potuto valutare l’accaduto e le relative conseguenze. Una cosa è certa: il finanziamento è garantito e l’evento sarà riproposto nel 2021.

21 aprile 2020, testo: Mirjam Arnold, foto: Menduri Kasper/Helvetia

L’8 marzo avremmo dovuto assistere al momento clou delle gare previste dalla maratona engadinese, ossia la competizione dei 42 km da Maloja a S-chanf. Purtroppo, dieci giorni prima dell’inizio della seconda manifestazione di sci di fondo al mondo per ordine di grandezza, è stato annunciato che l’evento e tutte le altre competizioni previste durante la settimana della maratona non avrebbero potuto svolgersi. Il motivo della cancellazione dell’evento è stato l’inizio della diffusione del coronavirus in Svizzera.

Preparativi promettenti

Eppure all’inizio dell’anno le cose sembravano andare alla grande: i 14’200 posti per la gara dei 42 km erano al completo già 58 giorni prima della gara, con un anticipo mai riscontrato in precedenza. «I preparativi per le gare stavano procedendo a gonfie vele. Tutto sembrava procedere per il meglio e la nostra gioia aumentava di giorno in giorno», ha dichiarato Menduri Kasper, CEO della maratona engadinese di sci. Poiché la diffusione del virus in Italia aveva trovato riscontro anche sulla stampa svizzera, una settimana prima dell’inizio della prima competizione (la gara femminile), la paura del coronavirus ha cominciato lentamente ma inesorabilmente a propagarsi. All’improvviso gli sviluppi hanno subito un’accelerazione: domenica 23 febbraio è stato contatto il Cantone. Lunedì ha fatto seguito una prima riunione di crisi interna, nel corso della quale sono state discusse le possibilità di protezione dei partecipanti e degli addetti ai lavori. Tuttavia, gli eventi sono precipitati e giovedì 27 febbraio è stata comunicata la cancellazione della manifestazione.

Momenti carichi di emozioni

Nel giro di sole tre ore, il team di Menduri Kasper ha stabilito la linea di comunicazione, perché molte domande, in parte non (ancora) formulate, richiedevano una risposta. La maratona engadinese di sci è stato il primo evento di tali dimensioni a essere annullato in Svizzera a causa della diffusione del coronavirus. Le reazioni nei confronti dell’organizzatore sono state generalmente molto positive e i partecipanti hanno dimostrato comprensione. Malgrado ciò, la cancellazione ha segnato un momento carico di tristezza per il CEO: «Lavoriamo sodo durante un intero anno per una settimana, un giorno. Era tutto pronto, ma poi le gare sono state annullate». È comprensibile che Menduri Kasper fosse sollevato al termine di quella che è stata sicuramente una settimana dalle emozioni forti. È ora di guardare al futuro.

Riserve e rimborsi

La maratona engadinese di sci ha subito una perdita considerevole a causa della cancellazione. Ora, dopo averne stimato le conseguenze, si possono annunciare tre buone notizie. La prima è che la perdita può essere coperta con le riserve accumulate negli anni precedenti. La seconda dovrebbe rallegrare in particolare i circa 17’000 partecipanti interessati dalla cancellazione: infatti questi riceveranno un contributo di rimborso maggiore rispetto a quanto previsto dal regolamento. «Riteniamo importante che il rimborso delle quote di partecipazione sia il più elevato possibile. Ciò risulta fattibile solo grazie alle prestazioni straordinarie messe in campo dagli sponsor», sottolinea con gratitudine Menduri Kasper. L’Helvetia, in qualità di «Presenting Sponsor», ha così potuto contribuire affinché gli atleti ricevano un rimborso di 35 franchi invece dei 16 previsti da regolamento, rispettivamente di 25 franchi per la mezza maratona e di 20 franchi per la gara femminile e quella notturna.

Mantenersi in forma per il 2021

Infine, una terza buona notizia per tutti gli amici della maratona di sci: nel 2021 riprenderanno le gare in Engadina. Riservatevi il 14 marzo 2021 per partecipare alla prossima maratona engadinese di sci di fondo. Le iscrizioni sono già aperte: trovate tutte le informazioni sull’evento qui.

Raccomandare questa pagina
Si prega di verificare la connessione a Internet