Il vostro browser non è aggiornato

Si utilizza Microsoft Internet Explorer. Per utilizzare questo sito web senza problemi, si consiglia di installare un nuovo browser (ad esempio Google Chrome, Mozilla Firefox, Apple Safari o Microsoft Edge).

Mi interessano
?
La funzione «Cerca» non è al momento disponibile, la preghiamo di riprovare più tardi.
La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto





A bordo: cosa succede da A a B

Container smarriti, opere d’arte finite sul fondale marino o borse piene di soldi sul balcone: avarie e altri danni da trasporto sono all’ordine del giorno per Pascal Müller, responsabile sinistri nell’ambito dell’assicurazione trasporti e arte dell’Helvetia. Ci racconta di tre diversi casi da risolvere durante il lavoro quotidiano di uno specialista nel settore dei sinistri.

27 settembre 2019, testo: Natascha Fabian, foto: Helvetia

Persone sulla spiaggia e una nave portacontainer carica sullo sfondo

Pascal Müller vanta 25 anni d’esperienza nell’assicurazione trasporti. Sa bene che l’errore umano è la causa più frequente di sinistri. Infatti guidare una nave da carico piena di dimensioni pari a tre campi da calcio è più difficile che pilotare un aereo.

270 container galleggiano nel Mare del Nord

Ciò si è visto anche nel gennaio 2019, quando un uragano ha intercettato la rotta della «MSC Zoe», una delle navi portacontainer più grandi al mondo. Oltre 270 container sono finiti in mare. Sapendo che un container contiene in media merce per un valore di 100'000 franchi, la somma del sinistro può raggiungere le decine di milioni. L’Helvetia era coinvolta nel caso su piccola scala. Ciò che di regola richiede molto tempo d’investigazione qui risultò immediatamente chiaro: la causa del danno.

80’000 franchi sperperati sulla Reeperbahn

Nel 2002 si è verificato un caso particolarmente eclatante, quando «Mike», collaboratore presso un’azienda portavalori, è finito sulla prima pagina di tutti i giornali: aveva ricevuto l’incarico di trasportare 10,6 milioni di franchi svizzeri alla Banca Nazionale di Zurigo. Il suo accompagnatore era un collaboratore nuovo e inesperto. «Mike» ha approfittato della situazione ed è sparito all’estero con il malloppo. Dopo aver gettato una borsa con circa 400’000 franchi sul balcone della sua ex-moglie, è scappato ad Amburgo, dove ha sperperato 80’000 franchi sulla Reeperbahn. Un comportamento sospetto che si è presto concluso con l’arresto di «Mike». In questo caso l’Helvetia era coinvolta in qualità di compagnia d’assicurazioni dell’azienda portavalori.

Opere d’arte sul fondale marino

Pascal Müller ricorda un caso come se fosse successo ieri, pur essendo trascorsi 20 anni. Un imprenditore indipendente, cliente dell’Helvetia, morì nella catastrofe aerea che ha coinvolto il volo 111 della Swissair. Dopo l’incidente, l’Helvetia ricevette la notifica di un sinistro dalla sua azienda. Erano scomparse due opere d’arte uniche nel loro genere. Fortunatamente, poco prima del volo, il cliente aveva lasciato un messaggio sulla segreteria telefonica del proprio spedizioniere, informandolo che avrebbe portato con sé le opere (una scultura in bronzo siriana e una ciotola in ceramica del XIII secolo) del valore di circa 300’000 franchi svizzeri. Per l’Helvetia questa prova è stata sufficiente per farsi carico del sinistro. Per il regresso contro Swissair era però necessario dimostrare che i pezzi si trovavano effettivamente a bordo del velivolo. Settimane dopo, gli specialisti recuperarono ciò che rimaneva delle opere d'arte finite in fondo al mare. Ancora oggi Pascal Müller ne conserva un pezzo in ricordo di questo caso unico nel suo genere.

Pascal Müller

Da 25 anni Pascal Müller lavora nell’assicurazione trasporti. Apprezza il lavoro variegato e il contatto con le persone più differenti.

Raccomandare questa pagina
Si prega di verificare la connessione a Internet