Il vostro browser non è aggiornato

Si utilizza Microsoft Internet Explorer. Per utilizzare questo sito web senza problemi, si consiglia di installare un nuovo browser (ad esempio Google Chrome, Mozilla Firefox, Apple Safari o Microsoft Edge).

Mi interessano
?
La funzione «Cerca» non è al momento disponibile, la preghiamo di riprovare più tardi.
La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto

Fiducia nel mondo digitale

La start-up Skribble consente alle aziende di firmare in formato digitale i contratti, conformemente a quanto previsto dalla normativa, e garantisce al contempo la protezione dei dati al massimo livello. Nel 2020 l’Helvetia ha investito con il Venture Fund nella giovane impresa svizzera, di cui è al contempo cliente.

29 aprile 2021, testo: Mirjam Arnold, foto: Skribble

skribble

Nella primavera 2020, a quasi due anni di distanza dalla creazione di Skribble, l’Helvetia ha introdotto per la prima volta la firma elettronica, consentendo alla clientela di firmare i contratti del settore Previdenza professionale in formato elettronico. Anche nel comparto Specialty Markets l’Helvetia si affida da tempo alle firme elettroniche e alla fine dello scorso anno ha deciso di passare a Skribble.

4'300 firme digitali in un trimestre

David Ribeaud, CEO Specialty Markets presso l’Helvetia, è ben consapevole di quanto sia importante oggi avere la possibilità di utilizzare una firma digitale legalmente valida. «La maggior parte dei nostri clienti vorrebbe stipulare il contratto con una procedura totalmente elettronica. Grazie alla soluzione di Skribble possiamo offrire ai clienti un servizio rapido e semplice, a prescindere dal fatto che questo avvenga in ufficio, in viaggio o da casa», spiega. Anche i numeri testimoniano una tendenza a favore dell’impiego della soluzione della firma elettronica: nel primo trimestre del 2021 nel segmento Specialty Market dell’Helvetia i documenti firmati elettronicamente sono stati oltre 4'300. Al momento si sta inoltre vagliando un possibile ampliamento della soluzione, che dovrebbe consentire ai collaboratori di eseguire la procedura anche tramite smartphone. Questa innovazione sarebbe possibile con Skribble, in quanto la soluzione della start-up supporta tutti i dispositivi.

david-ribeaud
La proposta di Skribble è semplice e pratica. In questo ultimo periodo sto firmando tutti i documenti, anche quelli interni, con Skribble e così evito di stamparli e scansionarli.
David Ribeaud, CEO Specialty Markets presso l’Helvetia

Il futuro della firma elettronica

La start-up Skribble persegue una chiara visione: le aziende devono poter firmare elettronicamente qualsiasi documento in qualsiasi ambito giuridico con qualsiasi parte interessata nell’arco di pochi secondi, conformemente alla normativa e nel rispetto dei requisiti più rigorosi in materia di protezione dei dati. Questo riguarda anche quei contratti per i quali la legge richiede la cosiddetta forma scritta, vale a dire i documenti per i quali tradizionalmente la firma viene apposta su carta. Per conseguire questo obiettivo, l’attenzione della start-up è concentrata a 360° sullo sviluppo e il perfezionamento della firma elettronica.

La pandemia quale fattore di accelerazione

In Skribble ci si è convinti che sul medio periodo la firma elettronica sostituirà del tutto la firma manoscritta in ambito aziendale. L’evoluzione del numero di utenti di Skribble indica una direzione analoga: dall’inizio della pandemia di coronavirus nella primavera 2020, il numero di utenti è più che decuplicato. Philipp Dick, cofondatore e CEO di Skribble, è molto orgoglioso di questo risultato e di poter essere, con la sua firma elettronica, un autentico e valido aiuto proprio in tempi di pandemia. La firma di documenti è in molti casi una delle poche occasioni che «costringono» i collaboratori ad andare in ufficio. La soluzione online di Skribble ha validità legale in tutto il mondo ed è disciplinata dalle norme più rigorose in materia di sicurezza dell’UE e della Svizzera. Con questo metodo anche i processi aziendali che richiedono una firma possono essere svolti senza problemi evitando il contatto personale. Skribble mostra (tramite video) come funziona la soluzione.

Espansione nell’area D-A-CH

Al momento Skribble registra una forte crescita in tutta l’area D-A-CH e può inoltre fare affidamento sui consigli e le informazioni approfondite dell’Helvetia Venture Fund. Quest’ultimo sostiene la start-up come sparring partner, soprattutto riguardo al tema della crescita. Il CEO Philipp Dick fa riferimento alla collaborazione come a «una spinta mirata con logica imprenditoriale», quindi ciò che ci si aspetta da chi investe.

pilipp-dick
Skribble è sinonimo di fiducia, sicurezza e semplicità. Con l’Helvetia abbiamo acquisito un investitore e un partner che condivide questi valori e li diffonde con noi sul mercato europeo. È un aspetto estremamente importante per noi.
Philipp Dick, cofondatore e CEO di Skribble

Si prega di verificare la connessione a Internet