I cookie e i cookie di terze parti sono attivati su questa pagina per offrirvi il miglior servizio possibile e per fornirvi informazioni e offerte. Utilizzando i siti web di Helvetia voi accettate e acconsentite il trattamento dei dati da parte di Helvetia. Per ulteriori informazioni, incluso come disabilitare i cookie, consultare l'Informativa sulla privacy.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto
Impegno
Clienti aziendali

Puerto Bahía: Helvetia assicura un intero porto

Negli ultimi tre anni, al largo delle coste colombiane, è stato realizzato uno dei più moderni terminal portuali per i trasporti marittimi e fluviali internazionali. Un progetto prestigioso per il Sudamerica e per il principale riassicuratore Helvetia Latin America.

11 maggio 2016, testo: Jan Söntgerath, foto: Puerto Bahía

Fotografia aerea dell’impianto portuale di Puerto Bahía che si estende su ben 155 ettari, corrispondenti alla superficie di 200 campi da calcio.
Il porto si sviluppa su un’area di 155 ettari, una superficie grande quanto 200 campi di calcio.

Per la Colombia la costruzione del porto Puerto Bahía rappresenta una pietra miliare. La località con il suo sbocco diretto sul Pacifico del sud e sul Canale di Panama garantisce il collegamento con le rotte internazionali per l’importazione e l’esportazione di merci, favorendo così la competitività del terzo paese sudamericano in ordine di grandezza. Un progetto di grande prestigio per tutti i partecipanti; anche per le compagnie d’assicurazione.

Un mandato a tempo pieno

Gli assicuratori locali hanno stipulato un’assicurazione All Risk per il cantiere, nonché un’assicurazione responsabilità civile del committente e danni da interruzione d’esercizio con una copertura pari a 400 milioni di dollari USA. Helvetia Latin America ha riassicurato più di un terzo di questi rischi. Ricardo García López, responsabile di Helvetia Latin America, coadiuvato dal suo team di cinque collaboratori a Miami, ha offerto la propria consulenza al committente, la Sociedad Portuario Bahía, dirigendo le trattative con tutte le parti interessate e gli investitori. «Due di noi hanno lavorato quasi esclusivamente a questo progetto», racconta García Lopez. Dall’inizio del cantiere nell’ottobre 2012, gli esperti del suo team hanno valutato sul posto ben quattro volte la situazione dei rischi.

Un parto difficile

L’impresa ha rischiato comunque parecchie volte di fallire. Le trattative con gli investitori prima di firmare il contratto sono state lunghe e difficili. In effetti, pretendevano una copertura del capitale del 100%, un rischio che Helvetia non era disposta ad assumersi da sola. «Le trattative sono state lunghe e logoranti», ricorda Ricardo García López. Soltanto cinque mesi dopo la data prevista e in tempi diventati ormai strettissimi, tutte le parti contrattuali hanno firmato la versione finale della polizza. «Grazie alla nostra perseveranza e disponibilità al compromesso, siamo finalmente riusciti a concludere con successo il contratto», afferma con orgoglio García López. Ma prima di raggiungere la versione definitiva, l’impegno di copertura originale ha subito ben 22 modifiche.

Niente danni, per fortuna!

Originariamente il progetto prevedeva anche la costruzione di un oleodotto lungo 130 chilometri, destinato a collegare il porto con i terminali dell’esportazione e una grossa raffineria nell’entroterra. Sull’arco di un anno e mezzo, l’inizio dei lavori è stato rimandato più volte, in un primo tempo per divergenze con gli investitori riguardo alla polizza assicurativa, poi a causa dell’instabilità del prezzo del petrolio. Nel 2015 i promotori hanno abbandonato definitivamente questa parte del progetto. Il periodo di costruzione di Puerto Bahía, dagli iniziali due anni e mezzo previsti, si è perciò allungato di oltre un anno. Da marzo 2016 il terminal portuale è perfettamente funzionante. E la cosa più bella: i lavori si sono svolti senza danni! Che sollievo per il team Helvetia di Miami, che ora potrà nuovamente concentrarsi su altri progetti non meno prestigiosi!

Puerto Bahía

Il modernissimo porto situato sull’isola Barù, nella baia naturale protetta di Cartagena, è una delle più grandi piazze commerciali dell’America latina. Si sviluppa su un’area di 155 ettari, una superficie grande quanto 200 campi di calcio o quasi l’intero Principato di Monaco. Integrata nel porto, l’infrastruttura per il rifornimento, lo stoccaggio e il trasporto del petrolio. La struttura permette di stoccare 3.3 milioni di barili, ossia circa un decimo delle estrazioni quotidiane stabilite dall’OPEC.

Maggiori informazioni su Helvetia Latin America

Raccomandare questa pagina
Si prega di verificare la connessione a Internet

Altri articoli