I cookie e i cookie di terze parti sono attivati su questa pagina per offrirvi il miglior servizio possibile e per fornirvi informazioni e offerte. Utilizzando i siti web di Helvetia voi accettate e acconsentite il trattamento dei dati da parte di Helvetia. Per ulteriori informazioni, incluso come disabilitare i cookie, consultare l'Informativa sulla privacy.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto
Impegno
Clienti aziendali
Sport
Video

L’Helvetia assicura i lavori allo stadio di Lens

Se l’11 giugno quasi tutta la Svizzera guarderà ammaliata alla cittadina di Lens, nel nord della Francia, ciò può significare una cosa sola: sono iniziati gli Europei! Già il fatto che lo stadio Bollaert-Delelis possa ospitare le partite è un merito per l’Helvetia.

8 giugno 2016, testo: Jan Söntgerath

Visualizzazione dello Stade Bollaert-Delelis, nella cittadina francese di Lens.
Ulteriormente ristrutturato per i campionati europei, assicurato dall’Helvetia: lo stadio Bollaert-Delelis di Lens. (foto: © Région Nord Pas de Calais - Picardie)

Quando l’11 giugno la Svizzera sentirà il fischio d’inizio degli Europei, prenderà il via una partita ricca di emozioni: croce bianca contro aquile nere, Granit Xhaka contro il fratello Taulant – Svizzera contro Albania! Le due squadre si affronteranno dando vita di certo a un aspro duello e speriamo che gli elvetici abbiano la meglio. In pochi sanno che anche l’Helvetia scende in campo. Affinché lo stadio, costruito nel 1932, potesse ospitare le partite del campionato europeo, è stato necessario ristrutturarlo completamente. Allora la gara pubblica per l’intera assicurazione costruzioni è stata vinta da Nationale Suisse, che si è accollata il rischio al 100% con una somma d’assicurazione di 62 milioni di euro.

In visita al colosso d’acciaio

«Nel frattempo l’Helvetia si è creata una buona reputazione nel campo delle assicurazioni tecniche in Francia», racconta il principale underwriter Christian Alt, che ha visitato personalmente il cantiere. Per il mercato assicurativo francese è piuttosto insolito vedere gli underwriter e gli esperti in sinistri visitare i cantieri. Tuttavia è stato molto apprezzato il fatto che, grazie alla loro formazione ingegneristica, essi abbiano potuto discutere alla pari con i responsabili del progetto. I lavori, durati da inizio 2014 a fine 2015, sono costati circa 70 milioni di euro. Oggi lo stadio da 38'223 posti a sedere può ospitare più persone rispetto al numero di abitanti della città di Lens e offre a ogni spettatore un posto coperto. Il tetto è costituito da un’imponente struttura in acciaio di 20'000 mq, sostenuta da quattro piloni alti 74 metri. Le travi del tetto longitudinali alla lunghezza del campo di gioco pesano da sole quasi quanto una locomotiva TGV. «Dimensioni mastodontiche», dichiara Christian Alt ricordando la sua visita in loco.

Lo spirito dell’Helvetia

In vista degli Europei l’infrastruttura dello stadio è stata adeguata anche ai requisiti dell’associazione in termini di sicurezza, vitto, infrastrutture sanitarie e VIP lounge. Oltre al match Svizzera-Albania si svolgeranno nello stadio Bollaert-Delelis altre due partite della fase preliminare e un ottavo di finale, tra cui anche l’attesissimo duello britannico Inghilterra-Galles. Senza l’Helvetia, durante gli Europei a Lens non ci sarebbe nessun duello, nessun gol, nessuna esaltazione. E lo spirito dell’Helvetia presente nello stadio porterà di certo un po’ di fortuna alla Svizzera!

Raccomandare questa pagina
Si prega di verificare la connessione a Internet

Altri articoli