I cookie e i cookie di terze parti sono attivati su questa pagina per offrirvi il miglior servizio possibile e per fornirvi informazioni e offerte. Utilizzando i siti web di Helvetia voi accettate e acconsentite il trattamento dei dati da parte di Helvetia. Per ulteriori informazioni, incluso come disabilitare i cookie, consultare l'Informativa sulla privacy.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto
Impegno
Video

Kirchner Museum: l’Helvetia per la digitalizzazione

Nell’ambito dell’«Art Sponsoring» l’Helvetia sostiene progetti di digitalizzazione nei musei svizzeri. Uno di questi è il Kirchner Museum Davos. Nell’archivio sono conservati 160 quaderni di schizzi di Ernst Ludwig Kirchner: un grande tesoro storico-artistico che viene oggi valorizzato per rendere possibili in futuro forme espositive completamente nuove.

20 marzo 2017, testo, foto e video: Katrin Meier

Ben confezionati e protetti dalla luce e dal deperimento, tutti i 160 quaderni di schizzi di Ernst Ludwig Kirchner sono conservati nell’archivio del Kirchner Museum Davos. I vecchi quaderni in tela cerata si possono toccare soltanto con i guanti. Vengono esposti di rado e solo in una teca. Eppure questi quaderni poco appariscenti nascondono un tesoro di grande valore storico-artistico: i circa 11’000 schizzi e le annotazioni costituiscono la base dell’opera dell’artista Ernst Ludwig Kirchner. Un tesoro che oggi viene valorizzato: dall’estate 2016 è in corso il progetto «digitalizzazione». L’obiettivo è rendere accessibili gli schizzi a un vasto pubblico e naturalmente anche agli studiosi.

La base dell’opera di Kirchner

La curatrice Annick Haldemann è responsabile della digitalizzazione. È convinta che con l’opera digitale si offra al pubblico interessato all’arte un grande valore aggiunto: «Così possiamo mostrare la base dell’opera di Kirchner. Prima dei suoi dipinti, delle sue stampe e sculture, c’era spesso uno schizzo che è stato poi sviluppato.»

Per il progetto di digitalizzazione il Kirchner Museum Davos, grazie al sostegno dell’Helvetia Art Sponsoring, ha potuto acquistare uno scanner ad alte prestazioni. La «signora dello scanner» è la collaboratrice scientifica Julia-Sophie Syperreck. La studiosa di 27 anni è stata incaricata del progetto di digitalizzazione appena si è laureata all’università di Oldenburg (Germania settentrionale). «L’operazione di scansione deve essere fatta con riguardo», spiega Syperreck. Solleva delicatamente la carta di protezione resistente agli acidi, preleva un quaderno di schizzi dalla scatola e appoggia la prima doppia pagina sullo scanner. Non basta però salvare l’immagine: «Il secondo passo consiste nell’aggiungere ai dati i metadati, classificandoli scientificamente. Decifrare gli appunti di Kirchner, la cui grafia è poco leggibile, talvolta è una vera sfida!»

Due anni di lavoro di scansione

Non appena le opere saranno digitalizzate, chiunque le potrà «sfogliare», su un tablet ad esempio. Fino a quel momento Julia-Sophie Syperreck ha un gran lavoro da fare, ma ne vale la pena: «È la digitalizzazione che rende possibile la ricerca scientifica, e permette di vedere le opere di Kirchner sotto una nuova luce». In tutto ci vorranno due anni per avere nel sistema la scansione di tutti gli schizzi, i file di immagine numerati e classificati correttamente e tutti i riferimenti e le descrizioni. «E improvvisamente si potranno stabilire connessioni, prima non visibili, tra opere artistiche», afferma Syperreck. «Questo è ciò che mi entusiasma di più.»

Il progetto di digitalizzazione nel Kirchner Museum Davos si concluderà nel 2019 con un’esposizione.

stories_kirchner-museum-davos-05

L’Helvetia sostiene progetti di digitalizzazione

Oltre al Kirchner Museum Davos, l’Helvetia con il suo Art Sponsoring sostiene progetti nei musei d’arte di Berna e di Lucerna. Nel Museo d’Arte di Berna si digitalizza l’intero lascito dell’artista svizzera Meret Oppenheim, nel Museo d’Arte di Lucerna i video non più riproducibili degli anni ’60 e ’70. Alla conclusione dei progetti tutti e tre i musei organizzeranno un’esposizione incentrata sulle opere digitalizzate.

Raccomandare questa pagina
Si prega di verificare la connessione a Internet

Altri Articoli