I cookie e i cookie di terze parti sono attivati su questa pagina per offrirvi il miglior servizio possibile e per fornirvi informazioni e offerte. Utilizzando i siti web di Helvetia voi accettate e acconsentite il trattamento dei dati da parte di Helvetia. Per ulteriori informazioni, incluso come disabilitare i cookie, consultare l'Informativa sulla privacy.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto
Impegno
Clienti privati
Previdenza & Salute

AV2020: progetto di attuazione contro blocco della riforma

Le opinioni in merito alla riforma "previdenza per la vecchiaia 2020" sono tutt'altro che unanimi. Eppure le riforme sono indispensabili, affinché anche in futuro il sistema svizzero dei tre pilastri continui ad appartenere a uno dei migliori al mondo.

5 aprile 2017, testo e foto: Katarina Karadzic

L'aspettativa di vita in aumento e le rendite da investimenti in calo pregiudicano in misura sempre più crescente la solidità del sistema svizzero dei tre pilastri. Affinché quest'ultimo non vacilli si rendono necessarie delle riforme volte a stabilizzare la situazione. Se a farlo sarà la riforma "Previdenza per la vecchiaia 2020" lo deciderà infine l'elettorato. In vista del cruciale referendum, il World Demographic & Ageing Forum ha invitato esperti giovani e anziani a un simposio che si è svolto a Berna.

Prevedere per il domani

Il presidente del Consiglio nazionale Jürg Stahl ha inaugurato la manifestazione con una panoramica sul passato; anche nei decenni passati la previdenza di vecchiaia è stata una patata bollente. E lo è tuttora, stando alle numerose discussioni relative al progetto di riforma. Stahl ha sottolineato l'importanza di «informazioni, chiarimenti e specialisti che possano portare avanti il progetto di riforma per le generazioni future».

Non va sottovalutata la necessità di una riforma

Secondo Walter Ackermann la Svizzera si troverebbe in una buona posizione di partenza, ma non è possibile mantenere lo status quo. Il professore emerito dell'Università di San Gallo ha motivato la necessità di agire con quattro fattori principali: lo sviluppo demografico, la crescita economica, la digitalizzazione e l'intelligenza artificiale nonché il cambio di valori. Le risposte a queste sfide «devono essere elaborate nell'ambito di un dialogo sociopolitico orientato al futuro», sostiene Ackermann.

Spunti per una riforma dalla Svezia

Uno sguardo oltreconfine mostra come le riforme possano contribuire a una svolta positiva. Haodong Qi, Research Fellow dell'Università di Stoccolma, ha fornito degli spunti a riguardo sulla base dell'esempio fornito dalla Svezia; l'apripista svedese si è trovato a dover aggirare gli stessi ostacoli della Svizzera. L'impresa è riuscita con una riorganizzazione del sistema di previdenza per la vecchiaia che sinora ha dato buoni risultati. È stata ad esempio introdotta un'età di pensionamento flessibile che va incontro alle esigenze di pensionate e pensionati ed è stato sgravato il sistema previdenziale. Secondo Qi «le riforme devono andare di pari passo con le aspettative di vita in crescita».

Pronti, partenza…riforma

Qualunque sia l'opinione in merito al pacchetto di riforme previdenza di vecchiaia 2020, una cosa è certa: non esiste modo di evitare una riforma della previdenza di vecchiaia. Le riforme sono spiacevoli, ma bloccarne l'attuazione lo è ancora di più. «Stiamo andando inesorabilmente incontro a una lacuna di finanziamento», ammonisce Ackermann. È necessario agire in tempi brevi, travalicando le diverse posizioni e opinioni. La solidarietà fra le generazioni è estremamente importante: su questo punto hanno concordato tutti i partecipanti all'evento.

Raccomandare questa pagina
Si prega di verificare la connessione a Internet

Altri articoli