L’Helvetia utilizza i cookie, per offrirvi il miglior servizio possibile e potervi presentare informazioni e offerte. Utilizzando la nostra pagina web dichiarate di accettarne l’uso. Ulteriori informazioni sulla protezione dei dati e sui cookie.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto
Ritratti
Clienti aziendali
Video

Fotovoltaico: la Solar costruisce impianto sui padiglioni dell’Olma

Corrente prodotta su tetti di terzi: è questo il progetto della cooperativa Solar di San Gallo. La sua opera più grande finora realizzata è l’impianto fotovoltaico sui tetti dei padiglioni dell’Olma. Un progetto d’eccellenza anche per l’Helvetia, che assicura l’impianto.

10 febbraio 2014, testo: Katrin Meier, foto: Katrin Meier / cooperativa Solar di San Gallo, video: Gallus Media

Una lunga scala a chiocciola conduce all’ultimo piano sotto il tetto. Chi desidera salire ancora, deve arrampicarsi sulla scala a pioli verticale e passare attraverso un piccolo lucernario. Ma ne vale la pena: dal tetto dei padiglioni 2 e 3 dell’Olma non si vede solo tutta San Gallo, qui c’è il più grande impianto solare della città, con ben 2’500 metri quadrati di superficie. Produce all’anno circa 350’000 chilowattora di corrente che viene immessa nella rete cittadina.

La cooperativa finanzia gli impianti solari

L’impianto è gestito dalla cooperativa Solar di San Gallo, che è costantemente alla ricerca di tetti adatti a ospitare gli impianti per la produzione di energia solare nella città di San Gallo e nell’area circostante. «Ce n’è un bel numero», dichiara Sonja Lüthi, presidentessa della cooperativa Solar. «Spesso però ai proprietari manca il capitale per il finanziamento degli impianti o il tempo di dedicarsi alla pianificazione e alle procedure di autorizzazione». È questa la parte che si accolla la cooperativa, e in cambio vende la corrente prodotta. Chi non possiede delle superfici proprie per installare un impianto può impegnarsi nella cooperativa con una quota sociale di 1000 franchi. La cooperativa conta già più di 100 soci che per il loro impegno riceveranno interessi pari a circa il due percento.

Corrente per 100 famiglie

Per poter mettere in funzione l’impianto sui tetti dell’Olma ci sono voluti circa cinque mesi. «Innanzitutto abbiamo dovuto ottenere diverse autorizzazioni e stipulare i contratti per l’utilizzo del tetto e per il prelevamento della corrente», spiega Sonja Lüthi. Il progetto è stato coordinato dallo studio di ingegneria ibee Studer su incarico della cooperativa Solar di San Gallo.

L’installazione dell’impianto solare sui padiglioni 2 e 3 dell’Olma ha richiesto circa tre settimane. Sotto la guida dei collaboratori di Helion Solar hanno collaborato cinque soci. L’impianto è ora allestito in modo tale da fornire corrente a circa 100 famiglie per almeno 25 anni. Un impianto così costoso naturalmente ha bisogno di un’assicurazione idonea. «Non tutti gli assicuratori hanno in portafoglio un prodotto per gli impianti solari», afferma Sonja Lüthi. «All’Helvetia abbiamo trovato interlocutori tecnicamente preparati che conoscono bene il settore».

Assicurare impianti fotovoltaici

Nel 2007 l’Helvetia è stata la prima assicurazione in tutta la Svizzera a offrire un prodotto per gli impianti fotovoltaici. Oggi ha in portafoglio circa 900 impianti su tutto il territorio, dalle piccole installazioni in un rifugio di montagna fino al più grande impianto fotovoltaico della Svizzera. L’Assicurazione per impianti fotovoltaici è un prodotto di nicchia, proprio come l’Assicurazione lavori artesiani (perforazioni per geotermia) e l’Assicurazione per le sonde geotermiche, che viene offerta in combinazione con la prima.

L’Assicurazione per impianti fotovoltaici può essere stipulata sia con il costruttore dell’impianto sia direttamente presso un’agenzia generale dell’Helvetia.

Immagine del prodotto Helvetia assicurazione fotovoltaico

Dal cortocircuito al morso delle martore

L’Assicurazione per impianti fotovoltaici dell’Helvetia si rivolge sia ai clienti privati sia ai clienti aziendali. Sono assicurati, ad esempio, rischi tecnici quali sovratensione, morsi delle martore e danni naturali, ma anche danneggiamenti durante il montaggio, vandalismo e furto. Tra i sinistri più frequenti di cui sono oggetto gli impianti fotovoltaici vi sono il corto circuito o inverter difettosi. Nelle regioni di montagna si verificano danneggiamenti a causa dell’elevata pressione della neve.

Raccomandare questa pagina
Si prega di verificare la connessione a Internet

Altri articoli