L’Helvetia utilizza i cookie, per offrirvi il miglior servizio possibile e potervi presentare informazioni e offerte. Utilizzando la nostra pagina web dichiarate di accettarne l’uso. Ulteriori informazioni sulla protezione dei dati e sui cookie.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto
Ritratti
Clienti privati
Video

Laurent Donzé, collezionista: «Gli sci di fondo, la mia passione»

Da 35 anni Laurent Donzé colleziona sci di fondo da tutto il mondo; oggi vanta la più grande collezione della Svizzera. «È il mio pizzico di follia», spiega il tre volte padre, mostrando nel videoritratto con entusiasmo i suoi pezzi migliori, di cui conosce molto bene ogni singola storia e tutti i segreti.

4 dicembre 2014, testo, foto e video: Crafft

«In un libro di psicologia è scritto che l’origine della passione per il collezionismo può risalire all’infanzia. Spesso diventano collezionisti quelle persone che durante l’infanzia hanno avuto poco», racconta Laurent Donzé, proprietario della più grande collezione di sci di fondo della Svizzera, mentre sorseggia un caffè nella sua cucina. «Nel mio caso potrebbe essere vero. Da figlio di contadini avevo meno rispetto ai bambini di città e qualche volta ero invidioso».

10’000 oggetti da esposizione in un fienile

Osservandolo dall’esterno, non si direbbe che dentro al casale e al suo fienile annesso, nel comune giurassiano di Les Bois, sia custodita la più grande collezione di sci di fondo della Svizzera. Nel 2000 contava circa duemila paia di sci. Dato che colleziona anche bastoncini, attacchi e scarpe, Laurent Donzé possiede oggi oltre 10’000 oggetti da esposizione. Non sa dirlo con precisione perché è da molto che ha smesso di contarli.

Da studioso di scienze naturali a collezionista

Laurent Donzé è prima di tutto un insegnante di chimica. Al collezionismo è arrivato per caso: appassionato di sci di fondo, molto attivo nel campo, ha partecipato a gare per molti anni. Quando era giovane si allenava molto e desiderava sempre avere i materiali migliori. Per lui la scelta dei materiali era tanto importante, per non dire più importante, dell'allenamento fisico e tecnico. Per questo era molto interessato ai dettagli: incideva gli sci per scoprire cosa si nascondeva tra gli strati di plastica. È qui che viene fuori lo studioso di scienze naturali che si interessa della struttura, delle caratteristiche e della trasformazione dei materiali? «Direi di sì, se consideriamo la cosa a posteriori» dice Donzé sorridendo. «Prima pensavo che fossero strane le persone che non si interessavano di cosa fossero fatti i loro sci. Poi ho scoperto che forse ero io quello strano».

La Svizzera: luogo privilegiato per una collezione

Ciò che era iniziato come un hobby si è trasformato nel tempo in un'impresa colossale. E questo, non da ultimo, grazie agli amici che lo hanno sempre incoraggiato a coltivare la sua passione per il collezionismo. All’inizio Donzé dubitava che collezionare questo tipo di oggetti fosse fattibile in Svizzera. Pensava che in un Paese più nordico le opportunità fossero maggiori. Ma poi comprese che la Svizzera, con il suo elevato potere d’acquisto e la sua propensione a cercare sistematicamente le ultime tecnologie, era la sede ideale per realizzare il suo sogno. Diversamente che al nord, dove l’atteggiamento verso lo sci di fondo è molto più conservativo e dove ancora oggi la gente va a sciare con sci di legno.

Collezionista una volta, collezionista per sempre

Nel frattempo la collezione è diventata una creatura autonoma: Donzé non doveva andare più in cerca delle persone, ma erano gli sci che trovavano lui. Oggi molto spesso i produttori gli mandano gli ultimi modelli per tenere aggiornata la sua collezione, che comprende modelli di sci provenienti da tutto il mondo. La mia collezione non guarda soltanto al passato ma anche verso il futuro, spiega il proprietario con orgoglio. Alla fine strizza l’occhio e racconta un aneddoto: «Un giorno ho appoggiato una catasta di sci accanto alla raccolta dei rifiuti perché venissero smaltiti. Quando, alla sera, ho trovato gli sci di nuovo alla mia porta d’ingresso con un biglietto "Per la tua collezione" ho capito che quegli sci mi appartenevano e che non me ne sarei mai più liberato»

Patrick Mutti

L’assicurazione giusta per gli oggetti di valore

Patrick Mutti è consulente alla clientela presso l’agenzia generale Helvetia di Delémont e offre la sua consulenza alla famiglia Donzé per le questioni assicurative. Oltre alle assicurazioni private, quali la mobilia domestica e la protezione giuridica, Laurent Donzé ha sottoscritto una speciale assicurazione oggetti di valore per la sua collezione di sci di fondo. L’assicurazione protegge il suo tesoro in caso di perdite finanziarie dovute a pericoli della natura, danni da incendio, danni d’acqua o furti con scasso.

Per saperne di più sulla assicurazione oggetti di valore

Raccomandare questa pagina
Si prega di verificare la connessione a Internet

Altri articoli