Cookie Disclaimer

L’Helvetia utilizza i cookie, per offrirvi il miglior servizio possibile e potervi presentare informazioni e offerte. Utilizzando la nostra pagina web dichiarate di accettarne l’uso. Ulteriori informazioni sulla protezione dei dati e sui cookie.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto










work@helvetia
Sport

Storie di pitcher, catcher e batter

Il servizio Gestione della distribuzione & Controlling ha l’onore di accogliere tra le sue fila un campione svizzero: Adrian Kaufmann. Anche quest’anno la sua squadra di baseball, i Therwil Flyers, è in testa alla classifica nazionale ed è sulla buona strada per aggiudicarsi un ulteriore titolo. Con viva! il campione di baseball dalla maglia numero 8 ha parlato di questo sport scoperto negli Stati Uniti.

27 settembre 2017, testo: Katarina Karadzic, foto: Sascha Grossenbacher

Adrian Kaufmann gioca a baseball da vent’anni. E da vent’anni gioca per i Therwil Flyers. Ma non solo lui. «Tutti sono giocatori di lunga data. Mentre in altre squadre ci sono spesso partenze e cambi, noi siamo una squadra di fedelissimi», racconta il campione. E di successo per giunta. I 15 giocatori hanno vinto dieci volte il campionato svizzero, un record! «Il nostro maggiore successo è tuttavia la qualifica per l’European Cup ottenuta nel 2015. Ci siamo imposti contro concorrenti molto più forti di noi quali la Repubblica Ceca», ricorda il giocatore di LNA.

Difensore…

Pitcher, catcher, batter – lanciatore, ricevitore, battitore. Adrian Kaufmann è un cosiddetto utility player, ossia un jolly che può giocare in tutti i ruoli del diamante. «Per me è importante cambiare posizione e il baseball mi offre questa possibilità», racconta Adrian Kaufmann. Il suo ruolo preferito è la difesa, nell’outfield, dove riceve le palle più lunghe lanciate dai battitori. «In questa parte del campo più distante dal battitore posso sfruttare tutta la mia velocità. Ma per me la posizione di gioco migliore è quella che serve all’intero team».

… e battitore entusiasta

Anche l’offensiva del battitore ha il suo fascino, come spiega Adrian Kaufmann: «Il lanciatore (pitcher) lancia la palla da una distanza di 18 metri a una velocità fino a 130km/h al suo ricevitore (catcher), cercando di eliminare il battitore avversario. Si parla di millesimi di secondo». Qui entrano in gioco anche la tecnica di lancio e gli effetti, come si chiamano in gergo. Adrian Kaufmann prosegue: «Il pitcher può influire sulla velocità, il movimento rotatorio e la direzione della palla imprimendole un effetto che rende difficile al battitore stimare il lancio e ribattere la palla».

Capacità sensomotorie

Velocità e tecnica di lancio sono chiaramente decisive per questo sport. Ma la caratteristica più importante per un giocatore di baseball è un’altra: «Non tutti i giocatori devono saper fare di tutto. Ma tutti devono avere un’ottima coordinazione occhio-mano». Agli aspiranti giocatori di baseball egli consiglia «di venire a respirare in campo il profumo del baseball». Anche lui ha iniziato così. Da ragazzo aveva giocato a baseball durante un viaggio negli Stati Uniti. E con tutta evidenza gli era piaciuto.

Passione a 360°

Da allora la passione non l’ha mai abbandonato e non ha mai rimpianto di aver scambiato il pallone da calcio con la mazza e il guantone. «Mi piace cambiare ruolo e mi affascina la combinazione tra sport individuale e sport di squadra», racconta con entusiasmo Adrian Kaufmann. Non poter scendere in campo quando ci si fa male è frustrante. Un giocatore di baseball entusiasta quindi, che non esclude la possibilità di diventare allenatore in futuro.

Raccomandare questa pagina
Si prega di verificare la connessione a Internet

Altri Articoli