L’Helvetia utilizza i cookie, per offrirvi il miglior servizio possibile e potervi presentare informazioni e offerte. Utilizzando la nostra pagina web dichiarate di accettarne l’uso. Ulteriori informazioni sulla protezione dei dati e sui cookie.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto
work@helvetia
Gioventù

La mia formazione presso l'Helvetia: un successo!

Non è riuscito a diventare calciatore professionista, ma presto Marco Giugno sarà un professionista nel settore assicurativo. E nonostante il lavoro e la scuola il giovane trova anche il tempo per segnare dei gol.

22 novembre 2017, testo: Marco Giugno, foto: Margrith Mermet

«Tanti calciatori dilettanti sognavano una volta di diventare professionisti. Anche per me è stato così. Sono attivo nel gioco del calcio dall'età di quattro anni. Non ce l'ho fatta a diventare calciatore professionista, però ho raggiunto la Promotion, il secondo campionato dei juniores.

Visto che il calcio è la mia grande passione, ma non è diventato la mia professione, durante la scuola mi sono chiesto di quali altri talenti dispongo. Alla fine su un foglietto c'erano scritte le parole: lingue, persone e computer. Ho fatto delle ricerche e mi sono informato sulle possibilità più svariate. Nel corso della mia ricerca ho scoperto la formazione commerciale dell'Helvetia.

Convinto dalla giornata di orientamento

Poco tempo dopo aver inviato online la mia domanda di lavoro sono stato invitato a un colloquio di presentazione. Mi sentivo insicuro perché non sapevo che cosa mi aspettava e quindi ero un po' inquieto. Al colloquio mi hanno domandato perché ero interessato alla formazione, che cosa mi attirava del settore assicurativo e perché avevo scelto l'Helvetia. Il mio nervosismo si è dileguato in breve tempo: mi ero preparato bene e il colloquio è risultato molto piacevole.

Pochi giorni dopo ho ricevuto l'opportunità di vivere una giornata di orientamento per farmi un'idea personale dell'Helvetia. I colleghi mi hanno spiegato diverse cose e si sono mostrati disponibili. A quel punto ho capito che era la scelta giusta! Qui voglio fare il mio apprendistato!

Ogni giorno imparare cose nuove

Nella prima settimana della formazione tutti gli apprendisti hanno partecipato al ritiro introduttivo. Così ho potuto stabilire i primi contatti con le mie colleghe e i miei colleghi. Inoltre abbiamo ricevuto un sacco di informazioni sull'Helvetia e sui vari elementi della nostra formazione.

Il mio primo «intervento» dopo il ritiro è stato nel reparto Mandati della Fondazione. Sono sempre contento di ricevere nuovi compiti, perché così imparo cose nuove. E nel team c'è sempre qualcuno che mi aiuta se mi trovo in difficoltà.

Emozionante, fantastica e faticosa

Quello che all'inizio ho sottovalutato è la combinazione di professione e scuola. Nelle ore di lezione a scuola imparo la teoria, che poi applico nella pratica presso l'Helvetia. Però dover studiare la sera dopo il lavoro per me non è il massimo e mi affatica molto. Consiglio a tutti quelli che svolgono una formazione di organizzarsi bene per poter combinare bene questi due ambiti.

Comunque la sera ho ancora il tempo e le energie sufficienti per praticare il mio hobby preferito, il calcio, o per organizzare qualcosa con i miei amici.

Helvetia Logo

L'Helvetia ha ancora emozionanti posti di formazione da assegnare per l'anno 2018.Informatevi e candidatevi direttamente qui. Vi aspettiamo!

Raccomandare questa pagina
Si prega di verificare la connessione a Internet

Altri articoli