I cookie e i cookie di terze parti sono attivati su questa pagina per offrirvi il miglior servizio possibile e per fornirvi informazioni e offerte. Utilizzando i siti web di Helvetia voi accettate e acconsentite il trattamento dei dati da parte di Helvetia. Per ulteriori informazioni, incluso come disabilitare i cookie, consultare l'Informativa sulla privacy.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto
work@helvetia
Clienti privati

«Per l’Helvetia farei di tutto.»

Alessandra Albisetti lavora da 25 anni in seno all’Helvetia. Nell’intervista ci racconta cosa ha imparato ad apprezzare in tutto questo tempo, come significa lavorare a tempo parziale per l’Helvetia e quali speranze l’azienda ripone nella campagna «&Vai».

9 ottobre 2018, testo: Employer Branding, foto: Helvetia

Al centro di una stanza bianca si trova una donna che tiene in mano palloncini rossi a forma di cuore.
Grazie al suo modo di lavorare spedito e orientato agli obiettivi, Alessandra Albisetti ha superato con successo qualsiasi ostacolo nei suoi 25 anni di servizio.

Per iniziare raccontaci di te e della tua funzione nella nostra azienda. Qual è stato il percorso che ti ha portato a ricoprire il tuo ruolo attuale?

Mi chiamo Alessandra Albisetti Szalay e sono approdata all’Helvetia dopo aver concluso un corso di specializzazione in qualità di specialista in relazioni pubbliche. Tale risultato è stato pubblicato su una rivista e poco tempo dopo sono stata contattata dal mio futuro superiore che voleva offrirmi un posto nel reparto che allora si chiamava Public Relations. Il tutto è accaduto 25 anni fa. Quando poi, dopo alcuni anni, tale reparto è stato suddiviso in Communications e Investor Relations, sono passata a quest’ultimo reparto, avendo già lavorato a progetti di carattere prevalentemente finanziario.Lavoro a tempo parziale e soprattutto dedicandomi a progetti specifici. L’organizzazione dell’Assemblea generale della holding e la stesura del rapporto di gestione e dei nuovi opuscoli aziendali sono gli aspetti più stimolanti del mio lavoro. A seconda della situazione offro inoltre il mio supporto contribuendo alla realizzazione di determinati progetti all’interno del mio reparto.

Qual è l’obiettivo del reparto per cui lavori?

Come si intuisce dalla sua denominazione, intessiamo relazioni durature e all’insegna della fiducia con gli investitori e gli analisti finanziari. L’obiettivo è far sì che l’evoluzione positiva di queste relazioni possa ripercuotersi favorevolmente sull’andamento delle azioni comportando dei vantaggi a favore del nostro azionariato.

Quale significato ha per te &Vai nello svolgimento della tua attività lavorativa in seno all’Helvetia?

&Vai comporta procedure e strutture più snelle, rapide e semplici, nel mio lavoro procedo in modo spedito, senza ostacoli o difficoltà. Le nuove, imponenti dimensioni della nostra azienda purtroppo rallentano talvolta le procedure, che spero vivamente possano essere nuovamente snellite. Perché, tra le altre cose, apprezzo l’Helvetia come datore di lavoro proprio per la sua semplicità.

Perché l’attuazione della campagna &Vai è necessaria e al contempo importante per l’Helvetia?

Con la digitalizzazione in atto che interessa anche il nostro reparto, dobbiamo poter garantire semplicità e chiarezza, aspirando a migliorare con scrupolosità per poter continuare ad essere competitivi. In futuro non possiamo più permetterci di aspettare che qualcuno ci dia il via, ma dovremmo saper decidere con coraggio e in totale autonomia, assumendo un ruolo pionieristico all’interno del settore.

Lavorare a tempo parziale: è una soluzione che funziona all’interno dell’Helvetia?

Sì certo, e nel mio caso persino molto bene. I miei superiori hanno sempre dimostrato nei miei confronti un elevato grado di comprensione e fiducia, che ho io ho contraccambiato con grande flessibilità. Questo significa che durante le fasi di lavoro più intense, soprattutto in primavera, ho sempre lavorato al 100%, garantendo la mia presenza in ufficio quando ce n’è stato bisogno, a vantaggio di entrambe le parti in causa. Dopo la nascita dei miei due figli di 18 e 16 anni, ho ridotto il mio onere lavorativo passando al 50%. Nel frattempo lavoro di nuovo al 70%. I miei superiori hanno, fortunatamente, sempre sostenuto le mie scelte. Apprezzo molto questa flessibilità e indipendenza di cui sono particolarmente grata.

Perché l’Helvetia è un buon datore di lavoro per le donne?

L’Helvetia si è resa conto che in genere la percentuale delle collaboratrici è leggermente inferiore a quella dei collaboratori maschi, e non solo per quel che concerne le posizioni dirigenziali. A quanto sappia l’argomento è attualmente in fase di discussione. Al momento vedo notevoli sforzi da parte dell’Helvetia volti a promuovere l’impegno a favore delle donne. Credo quindi che siamo sulla buona strada.

Cosa è che non ha assolutamente funzionato durante i tuoi 25 anni di servizio in seno all’Helvetia?

Nulla, a dire il vero. Sin dall’inizio mi sono sentita molto a mio agio e ben inserita. Per l’Helvetia affronterei qualsiasi ostacolo. Questa mia totale dedizione deriva anche dal fatto che a sua volta l’Helvetia è stata sempre molto generosa con me. Negli scorsi 25 anni non ho mai pensato di cambiare datore di lavoro, il che comunque non significa che l’Helvetia sia perfetta.

&Vai

&Vai designa l’attuale campagna di branding dell’Helvetia. Informatevi sull’Helvetia come datore di lavoro.

Raccomandare questa pagina
Si prega di verificare la connessione a Internet