Il vostro browser non è aggiornato

Si utilizza Microsoft Internet Explorer. Per utilizzare questo sito web senza problemi, si consiglia di installare un nuovo browser (ad esempio Google Chrome, Mozilla Firefox, Apple Safari o Microsoft Edge).

Mi interessano
?
La funzione «Cerca» non è al momento disponibile, la preghiamo di riprovare più tardi.
La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto





Dalla cucina dietetica al Servizio esterno

Caroline Stalder ha iniziato a lavorare per l’Helvetia a inizio maggio, in veste di consulente del Servizio esterno. La sua peculiarità: è una professionista che proviene da un altro settore, prima lavorava come cuoca in dietetica presso una clinica privata. Nell’intervista spiega perché ha scelto di fornire servizi di consulenza invece di continuare a cucinare.

17 luglio 2020, testo: Senada Kadic, foto: Helvetia / Caroline Stalder

Caroline Stalder è seduta in cucina al suo portatile.
Oggi la cucina è solo un hobby. Caroline Stalder è ora una consulente del Servizio esterno e si è rivelata un’ottima scelta, come dice lei stessa.

Cara Caroline, fai parte del mondo Helvetia dal mese di maggio. Dove lavoravi prima?

Sono una cuoca qualificata e dopo la mia formazione mi sono specializzata in cucina dietetica. Ho lavorato tra i fornelli di vari esercizi gastronomici, dalla cucina di locali di primissimo livello a quella di una clinica psichiatrica. Ho anche lavorato temporaneamente nel settore della security. Tutte queste professioni mi piacevano, ma mi mancava sempre qualcosa.

E cos’era?

Il contatto con i clienti. Mi piace lavorare con le persone e all’interno di un team, ma mi mancava il fatto di poter interagire direttamente con i clienti. Purtroppo in cucina non ne avevo l’opportunità, così dopo aver rivoluzionato la mia vita anche nella sfera privata, ho deciso di cambiare lavoro.

Perché ha scelto di diventare consulente del Servizio esterno?

Mi sono informata sulle offerte di lavoro per professionisti provenienti da altri settori. Sono andata al centro di orientamento professionale e ho beneficiato di una consulenza in merito al cambio di settore. È venuto fuori che probabilmente sarei stata brava a lavorare nel Servizio esterno. All’inizio ho pensato: «Lavorare per un’assicurazione? Non mi ci vedo proprio.» (ride). Ma poi ho parlato anche con un amico che lavora in questo settore da molto tempo e l’idea ha iniziato a piacermi.

Qual è stato il passo successivo?

C’erano alcuni posti vacanti per consulenti alla clientela presso compagnie assicurative rinomate, molti anche nella mia regione. E io sono il tipo di persona che non conosce mezze misure. Quindi non ho scritto solo una candidatura, ma mi sono messa al computer e ne ho inviate 60. Desideravo molto cambiare settore e non volevo perdere l’occasione. Non mi ero candidata da nessuna parte come cuoca, ma principalmente come collaboratrice all’interno di un Servizio esterno.

Perché hai scelto l’Helvetia?

Conosco l’Helvetia sin da piccola grazie alla pubblicità. Questo marchio ha sempre suscitato in me qualcosa di positivo. Quel suono tipico alla fine degli spot e i colori, non saprei descriverlo con esattezza. Le altre assicurazioni mi sembravano meno accessibili. Questa è stata la mia esperienza, anche dopo diversi colloqui di lavoro. Ho seguito l’istinto e sapevo che cambiare settore passando all’Helvetia sarebbe stato vantaggioso per me.

A proposito di colloqui di lavoro: come si è svolto l’intero processo di candidatura?

Dopo aver superato con successo l’assessment online, sono stata invitata a un colloquio con il mio capo attuale e con un altro potenziale superiore. Devo dire che è scoccata subito la scintilla, mi sono sentita a mio agio e ho notato che i loro team erano composti da consulenti molto esperti e simpatici. Dopo di che, abbiamo deciso insieme in quale settore sarebbe stato meglio inserirmi. E devo dire che sono molto soddisfatta di questa decisione.

Poi è arrivato il coronavirus: sei riuscita a lavorare con i clienti come auspicato nonostante le restrizioni?

Sì, mi occupo di un portafoglio clienti che ho un po’ ereditato, mi sono state fornite tutte le nozioni del caso fin dall’inizio e gli altri collaboratori del Servizio esterno non mi hanno fatto mancare il loro supporto. Ho già fatto le mie prime esperienze nell’ambito delle vendite e mi trovo molto bene quando lavoro a contatto con i clienti, funziona alla grande, anche per telefono o durante gli appuntamenti a distanza.

Per finire: serve molto coraggio per cambiare settore?

Ni: penso che l’uomo sia un essere abitudinario, ma che riesce ad adattarsi con facilità. Certo, devi essere in grado di ampliare i tuoi orizzonti per passare dalla cucina al Servizio esterno. Non mi sono pentita di aver scelto questo lavoro e consiglio agli altri di farle la stessa cosa. Dico sempre: semplice. intraprendente. helvetia. o anche &Vai (ride).

Anche voi volete cambiare settore e passare al Servizio esterno?

Qui potete dare un’occhiata ai posti vacanti all’interno della nostra azienda.

Raccomandare questa pagina
Si prega di verificare la connessione a Internet