I cookie e i cookie di terze parti sono attivati su questa pagina per offrirvi il miglior servizio possibile e per fornirvi informazioni e offerte. Utilizzando i siti web di Helvetia voi accettate e acconsentite il trattamento dei dati da parte di Helvetia. Per ulteriori informazioni, incluso come disabilitare i cookie, consultare l'Informativa sulla privacy.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto
work@helvetia
Clienti aziendali
Veicoli & Viaggi
Clienti privati

Ralph Hug: le PMI sanno perfettamente quali danni sono coperti

Attualmente sono tra 80 e 100 i casi di sinistro di piccole e medie imprese (PMI) pendenti sulla scrivania di Ralph Hug, esperto sinistri Helvetia. Il 43enne di Bischofszell (TG) è bravo a risolvere le situazioni di crisi. Persino quando viene attaccato.

21 dicembre 2016, testo: Isabella Awad, foto: Michael Sieber

L’esperto sinistri dell’Helvetia Ralph Hug controlla tutto per bene, e per farlo indossa volentieri anche un caschetto.
«Per un cliente, un caso di sinistro preannuncia molto spesso una crisi», afferma Ralph Hug.

«Sono cresciuto nel mondo dell’assicurazione. Dopo l’apprendistato nel ramo assicurativo, ho iniziato a lavorare presso il servizio Sinistri. A 28 anni avevo già terminato la formazione di ispettore sinistri allround. Oggi mi occupo di casi di responsabilità civile complessi del settore costruzione e industria: dal tetto che perde ai peggiori errori dell’ingegneria. I miei clienti sono principalmente le PMI dell’edilizia e dell’industria.

Sostegno in caso di crisi

Per un cliente, un caso di sinistro preannuncia molto spesso una crisi. Perciò egli non vuole soltanto una copertura finanziaria. Da noi si aspetta una presenza come partner e un sostegno esperto e competente. Dobbiamo risolvere i problemi e offrire consulenza ai clienti anche quando un evento non è coperto o lo è solo parzialmente. Il numero di dossier pendenti sulla mia scrivania varia tra 80 e 100. Alcuni casi si liquidano in cinque giorni, altri possono richiedere anni.

Insulti sul cantiere

Per fare questo mestiere bisogna amare la gente ed essere capaci di gestire le sofferenze, poiché ci si occupa tutto il giorno dei problemi degli altri. La mia esperienza e le mie conoscenze mi aiutano a mantenere la calma anche quando sono sotto pressione.

Una volta, sul cantiere, sono stato pesantemente insultato dalle persone che avevano subito un danno. Ciò nonostante, durante le trattative, sono diventati miei clienti. Abbiamo spesso a che fare con clienti che dirigono un’impresa o perlomeno sono perfettamente in grado di valutare i termini di un contratto assicurativo.»

Raccomandare questa pagina
Si prega di verificare la connessione a Internet

Altri articoli