I cookie e i cookie di terze parti sono attivati su questa pagina per offrirvi il miglior servizio possibile e per fornirvi informazioni e offerte. Utilizzando i siti web di Helvetia voi accettate e acconsentite il trattamento dei dati da parte di Helvetia. Per ulteriori informazioni, incluso come disabilitare i cookie, consultare l'Informativa sulla privacy.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto
work@helvetia
Gioventù

Giornata del futuro: «Da grande voglio fare…»

In occasione della Giornata nazionale del futuro, svoltasi il 9 novembre 2017, 57 bambini hanno visitato le sedi principali dell’Helvetia a San Gallo e Basilea, gettando uno sguardo nella quotidianità lavorativa dei loro genitori. A seguire, il racconto di Jesslyn, 11 anni, con cui descrive le sue impressioni.

28 novembre 2017, testo: Jesslyn e Natalie Jaussi, foto: Fulya Ersoy

Jesslyn all’interno dell’Helvetia Service Center mentre, con un paio cuffie audio in testa, sorride alla macchina fotografica. Attorno a lei siedono altre persone.
In occasione della Giornata del futuro Jesslyn ha avuto modo di visitare l’Helvetia Service Center.

«Ciao a tutti, mi chiamo Jesslyn, ho undici anni e il 9 novembre 2017 ho partecipato alla Giornata nazionale del futuro presso l’Helvetia, a Basilea. Ci sono andata perché mio padre ci lavora: mi sono anche immaginata di lavorare presso l’Helvetia come avvocato, che è poi quello che in effetti vorrei fare da grande. Durante la Giornata del futuro però ho potuto scoprire anche un altro interessante mestiere quando ho visitato l’Helvetia Service Center che è l’ufficio dove chiamano i clienti se, ad esempio, hanno avuto un incidente con la macchina e vogliono sapere se l’Helvetia paga i danni.

Gioco, divertimento e gente simpatica

La Giornata del futuro mi è piaciuta molto. Alle 8:30 tutti i bambini sono stati accolti simpaticamente, con un piccolo regalo. A Basilea siamo stati in trenta a partecipare a questa giornata e all’inizio abbiamo potuto giocare assieme per conoscerci meglio. La mattina abbiamo scoperto qualcosa in più sulle persone che lavorano all’Helvetia. Poi, siccome vorrei diventare avvocato, ho passato un po’ di tempo con uno di loro che mi ha raccontato qualcosa del suo lavoro. Il pranzo nella mensa dell’Helvetia mi è piaciuto molto ed è stato interessante osservare gli impiegati nel ristorante. Tutte le persone sono state con noi molto gentili e alla mano e ho avuto l’impressione che chi lavora all’Helvetia ci si trovi bene.

È stato divertente attraversare i corridoi dell’Helvetia e vedere così tanti uffici diversi. Alcuni erano davvero bellissimi. Mi piacerebbe da grande poter lavorare in uno di questi uffici. Questo racconto lo sto scrivendo proprio a una di queste scrivanie e devo dire che mi trovo proprio a mio agio qui all’Helvetia. E per ora questo è tutto, ciao ciao!»

Raccomandare questa pagina
Si prega di verificare la connessione a Internet

Altri Articoli