I cookie e i cookie di terze parti sono attivati su questa pagina per offrirvi il miglior servizio possibile e per fornirvi informazioni e offerte. Utilizzando i siti web di Helvetia voi accettate e acconsentite il trattamento dei dati da parte di Helvetia. Per ulteriori informazioni, incluso come disabilitare i cookie, consultare l'Informativa sulla privacy.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto
work@helvetia

«Durante il tirocinio entri nel vivo delle cose.»

Dopo aver concluso l’apprendistato di commercio Luka Stolic ha assunto le mansioni di sottoscrittore nel ramo delle assicurazioni trasporti dell’Helvetia. Nel corso dell’intervista ci svela le ragioni che l’hanno spinto a soli 15 anni a scegliere un tirocinio all’Helvetia, cosa apprezza del suo lavoro e cosa pensa di «&Vai».

6 settembre 2018, testo: Employer Branding, foto: Helvetia

Un uomo pilota un drone in una stanza bianca.
Durante il suo apprendistato, Luka Stolic è riuscito a costruire un’ampia rete di contatti e ha conosciuto collaboratori di ogni età e di tutti i settori.

Chi sei e quale mansione svolgi all’Helvetia? Qual è stato il tuo percorso?

Mi chiamo Luka Stolic e lavoro nel ramo delle assicurazioni trasporti presso l’Helvetia. Ho iniziato l’apprendistato nell’estate del 2014 e nel 2017 sono stato assunto con un contratto a tempo indeterminato. Nel primo anno di tirocinio ho mosso i miei primi passi nel reparto contabilità clienti Non vita, però a partire dal secondo ho cominciato a lavorare nelle assicurazioni trasporti. 

Come mai sei arrivato all’Helvetia?

Bella domanda: non è stato mica facile decidere a 15 anni che direzione dare alla mia vita lavorativa. Però conoscevo l’Helvetia, sia tramite la pubblicità che dal passaparola e quindi rappresentava per me già un punto di riferimento. Mi sono candidato e da cosa è nata cosa.

Ci puoi spiegare succintamente in cosa consistono il tuo lavoro e le tue attività?

All’inizio del tirocinio viene offerta una panoramica generale del settore senza che sia necessario addentrarsi nei meccanismi dell’assicurazione. L’obiettivo primario è quello di sapersi orientare e familiarizzare, poi con il tempo si ricevono incarichi di una certa responsabilità che permettono di approfondire delle competenze in determinati rami e pian piano si imparano a conoscere i singoli settori. Ora lavoro come sottoscrittore, i cui compiti sono quelli di valutare i rischi da assicurare e sottoscriverli con le dovute precauzioni.

Qual è l’aspetto che più ti piace del tuo lavoro?

Durante l’apprendistato ero molto contento di poter conoscere tanta gente. L’Helvetia è una grande compagnia con una rete estesa di attività. Spesso viaggiavamo insieme agli altri apprendisti e abbiamo fatto una miriade di cose, era proprio un bel periodo. Dato che non lavoravo in una sola sede, ho avuto la possibilità di vedere tanti aspetti e di impararne altrettanti. L’Helvetia ha una rete di relazioni diversificate e dunque mi muovo molto facendo il mio attuale lavoro, il che mi piace molto.

Quali risvolti ha &Vai nel tuo lavoro quotidiano presso l’Helvetia?

Per me significa un impulso, un passo in avanti. Non è un semplice lavoro a comando ma un ulteriore passo consapevole in avanti. &Vai rappresenta per me soprattutto questi aspetti. 

Se fossi un responsabile, cosa faresti per prima cosa all’Helvetia?

Accelererei la direzione verso la digitalizzazione e la semplificazione, una sorta di ripensamento delle procedure esistenti, perché ci sono alcuni aspetti in cui abbiamo accumulato del ritardo. E poi, farei in modo che ci siano davvero persone che lavorano in prospettiva del futuro dell’Helvetia.

Qual è il motivo che ti ha indotto a fare un apprendistato in un’assicurazione?

Mi sono piaciute molto le esperienze che ho fatto, ho lavorato con gente fantastica, dei veri professionisti. L’Helvetia segue con cura gli apprendisti, mi sentivo apprezzato nonostante la mia giovane età. Entri nel vivo delle cose, vieni coinvolto e diventi parte integrante del tuo lavoro quotidiano. Penso che sia davvero grande.

Qual è stato l’aspetto più critico della tua formazione?

All’inizio ero molto timido. Certo, dipende dal carattere, tuttavia la maggior parte degli apprendisti è piuttosto timida a questa età e ci vuole un po’ di tempo per poter sciogliere questa ritrosia. Vieni gettato nella mischia, ma con il tempo tutto questo passa. Penso che quando si comincia questo sia l’aspetto più difficile.  E poi si lavora con gente più anziana e ci vuole un certo periodo per far sì che si instauri una certa familiarità reciproca.

&Vai

&Vai designa l’attuale campagna di branding dell’Helvetia. Informatevi sull’Helvetia come datore di lavoro.

Raccomandare questa pagina
Si prega di verificare la connessione a Internet