I cookie e i cookie di terze parti sono attivati su questa pagina per offrirvi il miglior servizio possibile e per fornirvi informazioni e offerte. Utilizzando i siti web di Helvetia voi accettate e acconsentite il trattamento dei dati da parte di Helvetia. Per ulteriori informazioni, incluso come disabilitare i cookie, consultare l'Informativa sulla privacy.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto
work@helvetia

«Sono sempre stata sostenuta durante il tirocinio.»

Stefanie Jann sta compiendo il suo secondo tirocinio come assistente assicurativa presso l’Helvetia. Nell’intervista parla degli aspetti dell’apprendistato che le piacciono di più, della flessibilità con cui può lavorare e cosa ne pensa “&Vai”.

6 settembre 2018, testo: Employer Branding, foto: Helvetia

Una donna porta un paio di scarpe di ginnastica sospese al collo in una stanza bianca.
Stefanie Jann non solo apprende tutto sull’assicurazione, ma impara anche a conoscere le molteplici opportunità fornite ai collaboratori dell’Helvetia.

Chi sei e quale mansione svolgi all’Helvetia? Qual è stato il tuo percorso?

Mi chiamo Stefanie Jann e ho 24 anni. Mio nonno ha già lavorato per l’Helvetia e anche mia sorella ci lavora – ecco perché ho subito pensato all’Helvetia. Sto compiendo l’apprendistato come assistente assicurativa. È il mio secondo apprendistato e quindi non dura tre, ma solo due anni. Prima ho compiuto un tirocinio come optometrista.

Ci puoi spiegare succintamente in cosa consistono il tuo lavoro e le tue attività?

All’inizio ho lavorato nel Front Office Clienti privati. Mi occupavo delle offerte e controllavo ed elaboravo le proposte. L’ultimo anno di formazione lo passo nel reparto che si occupa dei danni materiali. Sono spesso al telefono, tratto le notifiche dei sinistri comunicate online e sono a diposizione dei clienti, per informarli ad esempio se il sinistro è coperto oppure no.

Qual è l’aspetto che più ti piace del tuo lavoro?

Mi piace molto la varietà dei casi trattati, perché nessuno di questi è uguale. Ogni tanto si sentono delle storie davvero spassose di come sono andate le cose, il che mi diverte particolarmente. Le mie giornate lavorative dipendono molto dal tempo. Se il tempo è bello ho meno da fare, se invece è brutto la mole di lavoro aumenta.

Come sono ripartite le giornate scolastiche e lavorative?

Una volta la settimana frequento le lezioni nella scuola professionale. Al primo e secondo anno si va due volte la settimana a scuola, al terzo una sola volta. Vi sono inoltre i corsi interaziendali che ci danno la possibilità di conoscere gli altri apprendisti che si stanno formando nelle assicurazioni. In tali corsi viene trattato unicamente quel ramo assicurativo in cui ci si sarà specializzati una volta concluso l’apprendistato. Il sostegno degli apprendisti da parte dell’Helvetia è davvero ottimo. Molto utile è il campo degli apprendisti al termine del tirocinio in cui ci viene data l’opportunità di ripetere ancora una volta tutti gli argomenti e di prepararci assieme agli esami finali. Inoltre amo frequentare i vari corsi di sport che l’Helvetia offre a nella pausa pranzo. Attualmente seguo un corso di pilates che mi aiuta molto a distendermi.

Quali risvolti ha &Vai nel tuo lavoro quotidiano presso l’Helvetia?

Per me significa agire in maniera innovativa e apportare delle idee che possono anche essere messe in pratica. Trovo che sia giusto e importante dare fiducia ai collaboratori perché solo così si possono sviluppare le proprie capacità, lavorare in maniera innovativa e spedita, il che non succederebbe se si dovesse chiedere costantemente l’approvazione di qualcun altro.

Quanto è importante &Vai per la formazione?

Si inizia con l’apprendere risp. fare le prime esperienze con la quotidianità lavorativa: ti ci devi buttare a capofitto e iniziare a occuparti di un caso. Puoi però sempre chiedere una mano al responsabile degli apprendisti o del team o ai tuoi colleghi. Il team ha un gran margine di manovra, quindi trovo sia importante iniziare a fare qualcosa invece di attendere. 

Con quale flessibilità puoi ripartire le tue ore di lavoro all’Helvetia?

Come optometrista sono abituata agli orari dei negozi, che la sera durano fino alle 18.30, e anche al lavoro di sabato. Trovo sia davvero eccezionale che all’Helvetia posso gestirmi il mio orario lavorativo da sola. Finché faccio bene il mio lavoro posso organizzare la mia giornata come voglio, un grande pregio secondo me.

&Vai

&Vai designa l’attuale campagna di branding dell’Helvetia. Informatevi sull’Helvetia come datore di lavoro.

Raccomandare questa pagina
Si prega di verificare la connessione a Internet