I cookie e i cookie di terze parti sono attivati su questa pagina per offrirvi il miglior servizio possibile e per fornirvi informazioni e offerte. Utilizzando i siti web di Helvetia voi accettate e acconsentite il trattamento dei dati da parte di Helvetia. Per ulteriori informazioni, incluso come disabilitare i cookie, consultare l'Informativa sulla privacy.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto

Impegno per boschi di protezione nel Giura (JU)

Impegno per boschi di protezione nel Giura

Le foreste del Giura svolgono una funzione prevalentemente di protezione a livello del controllo delle acque e della prevenzione dell’erosione.

È soprattutto nelle zone delle cluse, luogo di passaggio e di insediamento industriale, che le aree boschive sono più vulnerabili ai fenomeni naturali (inondazioni, caduta massi).

Consapevoli di questo stato delle cose, già nel 1755 i principi vescovi di Basilea emisero un’ordinanza intesa a instaurare una gestione durevole delle foreste del Giura. Tale ordinanza ebbe un impatto notevole sulla gestione forestale dell’epoca, sia in Svizzera che all’estero, e può essere definita la prima legislazione forestale degna di questo nome. Più tardi fu Xavier Marchand, nativo della regione e nel 1855 primo professore di silvicoltura al Politecnico federale di Zurigo, a ispirare, con il suo «Mémoire sur le déboisement des montagnes» (Trattato sul disboscamento delle montagne), la legge federale del 1848.

I boschi di protezione del Giura coprono circa un terzo della superficie boschiva del cantone. Si sviluppano per lo più nei luoghi poco accessibili e la loro gestione è stata trascurata per molti anni. È per questo che attualmente sono oggetto di rimboschimento e di cure nel quadro di vari programmi di silvicoltura. Anche se di norma i boschi si rigenerano naturalmente, in molte zone è necessario orientare la crescita delle giovani foreste con l’aiuto di interventi complementari di piantumazione di natura stabilizzatrice.

L’esempio mostra come la presenza di boschi di protezione intatti possa evitare o ridurre al minimo gravi danni economici. Benché tutto ciò possa apparire molto lontano da noi, bisogna rendersi conto che la nostra è una società sempre più fragile, sempre più dipendente dalle infrastrutture, dalle vie di comunicazione e soprattutto dall’approvvigionamento energetico. In questo, i boschi di protezione ci offrono un aiuto.

Qui trovate informazioni dettagliate in merito alle aree rimboschite nella regione dello Giura.

L’Helvetia fa dono di 10’000 alberi nel Giura. Tutti gli altri alberi donati da terzi con il passaporto dell’albero vengono piantati separatamente nel settore "Sous le Rochet" al di sotto di Vellerat.

Avviso di sicurezza per gli amici del bosco di protezione:

Le regioni in cui l’Helvetia ha piantato gli alberi sono descritte sul nostro sito web e possono essere visualizzate attraverso un link che rimanda a una carta geografica. I boschi di protezione sono situati generalmente in posizioni scoscese ed esposte, talvolta difficili da raggiungere. Non è nell’interesse dell’Helvetia Assicurazioni né delle autorità forestali responsabili consentire l’accesso dei visitatori ai boschi di protezione. Nel loro interesse vi preghiamo di evitare di recarvi personalmente nei boschi di protezione. A noi sta a cuore la loro sicurezza e la loro salute. Il numero progressivo e le firme sul Passaporto dell’albero confermano soltanto che l’Helvetia ha finanziato gli alberi alle autorità forestali competenti e che questi sono stati effettivamente piantati. I piccoli alberi appena piantati non dispongono di una numerazione individuale. A tutti coloro che desiderano recarsi in un bosco di protezione e sono interessati a ricevere le relative informazioni tecniche consigliamo i percorsi dei boschi di protezione creati sull’intero territorio svizzero e sostenuti dall’Associazione Svizzera d’Assicurazioni.

www.bosco-protezione-uomo.ch

Grazie per la vostra comprensione.  

Raccomandare questa pagina