I cookie e i cookie di terze parti sono attivati su questa pagina per offrirvi il miglior servizio possibile e per fornirvi informazioni e offerte. Utilizzando i siti web di Helvetia voi accettate e acconsentite il trattamento dei dati da parte di Helvetia. Per ulteriori informazioni, incluso come disabilitare i cookie, consultare l'Informativa sulla privacy.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto

Boschi di protezione nel cantone d'Obvaldo (OW)

Boschi di protezione nel cantone d'Obvaldo

Boschi di protezione nel cantone d'Obvaldo

I boschi di protezione salvaguardano la popolazione, le sue infrastrutture e i suoi valori dai pericoli naturali gravitazionali. Questa è solo una delle svariate funzioni essenziali che il bosco svolge. Affinché i boschi di protezione riescano a proteggerci a lungo termine e in modo efficace da processi pericolosi quali cadute di sassi, valanghe, inondazioni, frane e colate detritiche, si cerca di realizzare un bosco a più livelli, con diverse altezze e differenti specie di alberi.

Per ottenere o preservare a lungo termine questa condizione, nella maggior parte dei casi serve una coltivazione mirata dei boschi di protezione. Grazie a interventi di cura e mantenimento il terreno boschivo può ricevere un maggiore irraggiamento solare, quindi più luce e più calore. Nei vuoti creati può trovare spazio la prossima generazione di alberi e anche le piante che restano hanno a disposizione più spazio per crescere. Di conseguenza gli alberi sfruttano maggiormente il proprio potenziale di crescita anche per il loro irrobustimento e sviluppo orizzontale.

Per il ringiovanimento, ove possibile, si lavora con semenzali germinati spontaneamente dagli alberi in loco. Soprattutto nei boschi di protezione a maggiore altitudine occorre però molto tempo affinché si avvii in modo naturale un ringiovanimento promettente. Di conseguenza a volte le piantumazioni nei boschi di protezione vanno considerate come interventi mirati al raggiungimento dell’obiettivo e soprattutto come un risparmio di tempo. Quindi gli alberelli piantati possono raggiungere più rapidamente una dimensione tale da garantire un’efficace protezione dai pericoli naturali.

Qui trovate informazioni dettagliate in merito alle aree rimboschite nella regione di Obvaldo.

L’Helvetia donerà per l’intera regione d'Obvaldo 10’000 alberi. Tutti gli altri alberi donati da terzi attraverso il Passaporto dell’albero saranno piantati separatamente nell’area del Sitenwald.

Avviso di sicurezza per gli amici del bosco di protezione:

Le regioni in cui l’Helvetia ha piantato gli alberi sono descritte sul nostro sito web e possono essere visualizzate attraverso un link che rimanda a una carta geografica. I boschi di protezione sono situati generalmente in posizioni scoscese ed esposte, talvolta difficili da raggiungere. Non è nell’interesse dell’Helvetia Assicurazioni né delle autorità forestali responsabili consentire l’accesso dei visitatori ai boschi di protezione. Nel loro interesse vi preghiamo di evitare di recarvi personalmente nei boschi di protezione. A noi sta a cuore la loro sicurezza e la loro salute. Il numero progressivo e le firme sul Passaporto dell’albero confermano soltanto che l’Helvetia ha finanziato gli alberi alle autorità forestali competenti e che questi sono stati effettivamente piantati. I piccoli alberi appena piantati non dispongono di una numerazione individuale. A tutti coloro che desiderano recarsi in un bosco di protezione e sono interessati a ricevere le relative informazioni tecniche consigliamo i percorsi dei boschi di protezione creati sull’intero territorio svizzero e sostenuti dall’Associazione Svizzera d’Assicurazioni.

www.bosco-protezione-uomo.ch

Raccomandare questa pagina