Il vostro browser non è aggiornato

Si utilizza Microsoft Internet Explorer. Per utilizzare questo sito web senza problemi, si consiglia di installare un nuovo browser (ad esempio Google Chrome, Mozilla Firefox, Apple Safari o Microsoft Edge).

Mi interessano
?
La funzione «Cerca» non è al momento disponibile, la preghiamo di riprovare più tardi.
La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto





Bosco di protezione «Engadina» (GR)

Bosco di protezione Engadina panorama

Il bosco di protezione a St. Moritz

Circa il 50% della foresta di St. Moritz è bosco di protezione. Le condizioni in alcune aree sono critiche. Il patrimonio forestale ha una struttura molto uniforme, con una forte diminuzione in atto nella presenza di larici. Abeti rossi e pini crollano in misura sempre maggiore, ribaltati dal peso della neve o a causa di smottamenti. In alcune zone si trovano le sorbe. Abeti rossi e pini possono rigenerarsi naturalmente, mentre per il cembro occorre protezione contro i danni causati dalla selvaggina. Il larice potrebbe rigenerarsi naturalmente, ma contro i tronchi di questi alberi si sfregano molto spesso le corna i caprioli maschi.

Serve pertanto prevedere un’apposita protezione. L’attuale percentuale del 2% di larici nel bosco giovane conferma l’andamento negativo. Nelle categorie di età maggiori (fustaia) la percentuale si attesta al 20%. Per questo motivo il Comune si è posto l’obiettivo esplicito di garantire la permanenza a lungo termine dei larici, non soltanto per motivi legati alla silvicoltura (sistemi radicali a fittoni e fascicolati) ma anche per l’aspetto del turismo. St. Moritz è nota per la spettacolare atmosfera autunnale e le sue foreste «dorate»: molti visitatori vengono infatti ad ammirare la vista maestosa e i colori dell’autunno.

Qui trovate informazioni dettagliate in merito alle aree rimboschite in Engadina.

Raccomandare questa pagina