I cookie e i cookie di terze parti sono attivati su questa pagina per offrirvi il miglior servizio possibile e per fornirvi informazioni e offerte. Utilizzando i siti web di Helvetia voi accettate e acconsentite il trattamento dei dati da parte di Helvetia. Per ulteriori informazioni, incluso come disabilitare i cookie, consultare l'Informativa sulla privacy.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
    La invitiamo a contattarci. Al formulario di contatto

Previdenza privata - 3° pilastro

Perché scegliere la previdenza? – Innanzitutto per mantenere la propria indipendenza finanziaria e garantire la copertura degli impegni finanziari personali. Il sistema svizzero dei tre pilastri, basato sull’interazione tra AVS/AI, cassa pensione e previdenza privata, sostiene i vostri sforzi mirati a garantire una buona previdenza con apposite agevolazioni fiscali.
sistema-3-pilastri-infografica

I 3 pilastri del sistema previdenziale svizzero

In Svizzera il sistema previdenziale si basa sul principio dei 3 pilastri. L’obiettivo perseguito da questo modello è la copertura finanziaria per la vecchiaia e nei casi di decesso e di invalidità.

1° pilastro

Il primo pilastro rappresenta la previdenza statale ed è preso in carico dall’AVS (assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti) e dall’AI (assicurazione per l’invalidità). Esso copre, eventualmente con
prestazioni complementari, il fabbisogno vitale.

2° pilastro

Il secondo pilastro è la previdenza professionale che tutti i lavoratori (a partire da un reddito annuo di CHF 21’150.- nel 2015, ai sensi dell’Ufficio federale delle assicurazioni sociali UFAS) devono assicurare obbligatoriamente. Al più tardi a partire dai 25 anni di età, oltre ai casi di decesso e invalidità, si assicura anche una rendita di vecchiaia. La previdenza professionale è disciplinata nella LPP (legge sulla previdenza professionale). L’obiettivo del 2° pilastro è quello che la persona assicurata e i relativi familiari mantengano la consueta situazione di vita. Unitamente al primo pilastro, deve raggiungere un reddito pari a circa il 60% dell’ultimo salario.

3° pilastro

Il 3° pilastro rappresenta la previdenza privata, che persegue l’obiettivo di coprire il fabbisogno individuale supplementare. In questo caso si distingue tra pilastro 3a e 3b: Il pilastro 3a si riferisce alla previdenza vincolata e il pilastro 3b alla previdenza personale libera. Le due varianti presentano agevolazioni fiscali in misura distinta. L’obiettivo del 3° pilastro è quello di consentire al pensionato di continuare a condurre una vita spensierata e di concedersi qualcosa di tanto in tanto. Con il 3° pilastro si possono inoltre colmare anche lacune previdenziali, emerse in determinate circostanze,
ove le prestazioni del primo e del secondo pilastro non consentano di coprire le spese abituali. Come regola approssimativa si può presumere che le rendite del primo pilastro e della parte obbligatoria del 2° pilastro debbano sostituire circa il 60% del reddito pre-pensionamento. Una parte del mancante 40% può essere coperta con il 3° pilastro.

Assicurazioni sulla vita e prodotti d’investimento

Le assicurazioni sulla vita e i prodotti d’investimento dell’Helvetia vi offrono svariate opzioni per soddisfare le vostre esigenze individuali in materia di previdenza. Potete ad esempio risparmiare semplicemente per la vecchiaia, assicurarvi un reddito in caso d’invalidità o garantire la copertura dei vostri impegni finanziari in caso di decesso. Se volete andare a colpo sicuro, è consigliabile scegliere una pianificazione previdenziale completa per ogni eventualità. È una variante che conviene soprattutto alle famiglie.

Previdenza e risparmio fiscale

Ainsi par exemple, les versements que vous effectuez dans le pilier 3a vous permettent d’économiser des impôts. Toute personne qui perçoit un revenu soumis à l’AVS peut effectuer des versements dans le pilier 3a et déduire ce montant du revenu imposable. Pour les couples, si les deux conjoints gagnent un revenu correspondant, ils peuvent tous deux verser l’intégralité du montant prévu dans le
pilier 3a, puis faire valoir la déduction.

Les assurés d’une caisse de pension peuvent verser au maximum 6’768 francs par année, et les indépendants sans caisse de pension au maximum 33’840 francs par année, sans toutefois dépasser 20% du salaire AVS (état 2016). Les plafonds sont fixés par le Conseil fédéral.

L’assicurazione sulla vita come strumento di credito

In caso di difficoltà economiche, un’assicurazione sulla vita può tornare utile anche come strumento di credito. A seconda del prodotto scelto, potete richiedere un prestito sulla vostra assicurazione sulla vita. La vostra copertura assicurativa prosegue, mantenete la vostra flessibilità finanziaria ed evitate così di dover ricorrere a una costosa disdetta anticipata del contratto.

Sicurezza in caso di ipoteca ammortamento indiretto

Le assicurazioni sulla vita si prestano anche come garanzia per un credito ipotecario. Possono essere utilizzate per l’ammortamento indiretto tramite una costituzione in pegno a favore del creditore ipotecario, in particolare nel pilastro 3a, con tutti i vantaggi fiscali del caso. Ad esempio, per l’intera durata beneficiate della deduzione annua dal reddito imponibile.

Vantaggio patrimonale come testamento

Ma un’assicurazione sulla vita non offre solo vantaggi di natura fiscale. Grazie a una regola di agevolazione mirata, potete far versare delle prestazioni direttamente a persone a voi vicine, nel rispetto della successione e delle porzioni legittime. Tali prestazioni non sono incluse nella massa ereditaria e vengono corrisposte direttamente al beneficiario. Mentre nel pilastro 3b, previdenza libera, potete scegliere autonomamente l’ordine di priorità dei beneficiari, nel pilastro 3a,  previdenza vincolata, questo è chiaramente definito dal legislatore (fonte: admin.ch – OPP3).

Raccomandare questa pagina