365

Helvetia cookies

Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze, ma consente l'invio di cookie "terze parti".
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.
Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

CERCA NEL SITO
ITALIANO

Ihre Meinung

 Bewertungen (letzte 12 Monate)
Endlich eine Versicherung, die zu mir passt!
Mehr
Voi siete qui: 
Home    Servizi    Reclami

Reclami

Tutti i tuoi suggerimenti per noi sono importanti per identificare e correggere le possibili cause di disservizio.
Inviaci le tue osservazioni in assoluta serenità. Verranno prese seriamente in considerazione.

Fai le tue scelte, noi siamo al tuo fianco.

Ti ricordiamo che per reclamo s'intende una dichiarazione di insoddisfazione, in forma scritta, nei confronti di un’impresa di assicurazione, di un intermediario assicurativo iscritto al Registro Unico degli Intermediari (RUI) o di un intermediario iscritto nell’elenco annesso al RUI e relativa a un contratto o a un servizio assicurativo; non sono considerati reclami le richieste di informazioni o di chiarimenti, le richieste di risarcimento danni o di esecuzione del contratto (Regolamento ISVAP (oggi IVASS) n. 24/2008 e s.m.i.).

Puoi inviare eventuali reclami inerenti il rapporto contrattuale o la gestione dei sinistri (anche per i contratti che prevedono una copertura in caso di decesso dell’assicurato), – anche qualora riguardino soggetti coinvolti nel ciclo operativo della Società (compresi gli Intermediari iscritti alla Sezione A del Registro – RUI che hanno rapporti di collaborazione con la Società e relativi dipendenti o collaboratori).

Le modalità di invio del reclamo sono indicate nelle sezioni dedicate alla Compagnia di riferimento o alla tipologia di prodotto di tuo interesse.

 

 

Helvetia Assicurazioni

Troverai di seguito i riferimenti per la presentazione dei reclami relativi a prodotti danni.

Eventuali reclami inerenti il rapporto contrattuale o la gestione dei sinistri, anche qualora riguardino soggetti coinvolti nel ciclo operativo dell’Impresa (compresi gli Intermediari iscritti alla Sezione A del Registro - RUI che hanno rapporti di collaborazione con la Società e relativi dipendenti o collaboratori), devono essere inoltrati per iscritto alla Società presso:

Helvetia Compagnia Svizzera d'Assicurazioni SA - Ufficio Reclami –
Via G.B. Cassinis 21, 20139 Milano
Fax 02 5351794 – Email: reclami@helvetia.it.

La Società invia la relativa risposta entro 45 giorni dal ricevimento del reclamo, eventualmente sospeso per un massimo di 15 giorni per le integrazioni istruttorie proposte dall'Intermediario iscritto alla Sezione A del RUI.

In caso di mancato o parziale accoglimento del reclamo da parte della Società, il reclamante potrà rivolgersi all'IVASS ed ai sistemi alternativi di risoluzione delle controversie. In particolare:

1. possono essere presentati all’IVASS per iscritto (in Via del Quirinale 21, 00187 Roma oppure ai fax 06 42133745 - 06 42133353):

  • ­ i reclami per l’accertamento dell’osservanza delle disposizioni del Codice delle Assicurazioni Private (D.Lgs. n. 209/2005) e delle relative norme di attuazione, nonché delle disposizioni del Codice del Consumo (D .Lgs. n. 206/2005), Parte III, Titolo III, Capo I, Sezione IV-bis relative alla commercializzazione a distanza di servizi finanziari al consumatore da parte delle imprese di assicurazione e di riassicurazione, degli intermediari e dei periti assicurativi;
  • ­ i reclami già presentati direttamente alle imprese di assicurazione e che non hanno ricevuto risposta entro il termine di quarantacinque giorni dal ricevimento da parte delle imprese stesse o che hanno ricevuto una risposta ritenuta non soddisfacente.


I reclami indirizzati all’IVASS devono contenere:

  • ­nome, cognome e domicilio del reclamante, con eventuale recapito telefonico;
  • individuazione del soggetto o dei soggetti di cui si lamenta l’operato;
  • breve ed esaustiva descrizione del motivo della lamentela;
  • copia del reclamo eventualmente presentato all’impresa di assicurazione e dell’eventuale riscontro fornito dalla stessa;
  • ogni documento utile per descrivere più compiutamente le relative circostanze.


Puoi scaricare il modello da utilizzare per la presentazione dei reclami all'IVASS cliccando sul bottone blu in fondo alla presente pagina.

Si precisa che in caso di liti transfrontaliere è possibile presentare reclamo all’IVASS o direttamente al sistema estero competente chiedendo l’attivazione della procedura FIN-NET (il sistema competente è indivi-duabile accedendo al sito internet: http://ec.europa.eu/finance/fin-net/members_en.htm).

2. il reclamante, prima di interessare l'Autorità Giudiziaria, può avvalersi dei sistemi alternativi per la risoluzione delle controversie relative al contratto qui di seguito indicati:

  • procedimento della Negoziazione Assistita (Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 132, come convertita con modifiche dalla Legge n. 162/2014). La Convenzione di Negoziazione Assistita è un accordo mediante il quale le parti convengono di cooperare in un buona fede e con lealtà per risolvere in via amichevole la controversia tramite l'assistenza di avvocati iscritti all'Albo. L'esperimento del procedimento di negoziazione è condizione di procedibilità della domanda giudiziale relativa alla materia del risarcimento del danno da circolazione di veicoli e natanti (polizze RC AUTO), mentre è facoltativa per gli altri contratti assicurativi;
  • procedimento della Mediazione (D. Lgs. n. 28/2010 e s.m.i.). La domanda di Mediazione è presentata mediante deposito di un'istanza innanzi ad un Organismo di Mediazione, iscritto in apposito Registro, istituito presso il Ministero della Giustizia, che abbia sede nel luogo del Giudice territorialmente competente per la vertenza. Chi intende esercitare in giudizio un'azione giudiziale relativa a una controversia in materia di contratti assicurativi è tenuto preliminarmente ad esperire il procedimento. In ogni caso, anche al di fuori di tale caso, chiunque ha la facoltà di accedere alla mediazione per la conciliazione di una controversia civile e commerciale vertente su diritti disponibili;
  • procedimento della Conciliazione Paritetica, frutto di accordo tra ANIA (Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici) e le principali Associazioni dei Consumatori: tale procedimento è applicabile alle controversie nel settore r.c. auto, con risarcimento per danni a cose e/o persone fino a 15.000 euro. Per le modalità di attivazione clicca qui;
  • procedimento di Arbitrato, ai sensi di polizza, qualora dovesse sorgere un dissenso tra le Parti circa la determinazione dell'ammontare del danno. In tal caso, i periti, nominati da ciascuna delle Parti, si accordano di nominare un terzo perito, detto Arbitro, per addivenire ad una decisione. Per maggiori informazioni si rinvia al Fascicolo Informativo.

Helvetia Vita

Troverai di seguito i riferimenti per la presentazione dei reclami relativi a prodotti vita.

Eventuali reclami riguardanti il rapporto contrattuale o la gestione dei sinistri – anche qualora riguardino soggetti coinvolti nel ciclo operativo della Società (compresi gli Intermediari iscritti alla Sezione A del Registro – RUI che hanno rapporti di collaborazione con la Società e relativi dipendenti o collaboratori) devono essere inoltrati per iscritto a:

Helvetia Vita S.p.A. – Ufficio Reclami, Via G.B. Cassinis 21- 20139 Milano;

Fax: +39 02 5351.794 – Indirizzo di posta elettronica: reclami@helvetia.it.

In questo caso la Società fornisce riscontro al reclamante entro il termine di 45 giorni dal ricevimento del reclamo, eventualmente sospeso per un massimo di 15 giorni per le integrazioni istruttorie proposte dall'Intermediario iscritto alla Sezione A) del RUI.

Nel caso in cui l'esponente non si ritenga soddisfatto dell'esito del reclamo o in caso di assenza di riscontro nel termine massimo previsto dalla normativa vigente, potrà rivolgersi, corredando l'esposto della documentazione relativa al reclamo trattato dalla Società:

per questioni inerenti al contratto o attinenti la trasparenza informativa, all’IVASS Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni – Servizio Tutela degli Utenti, Via del Quirinale 21, 00187 Roma, fax 06.42133745/06.42133353). In particolare possono essere presentati all’IVASS:

  • i reclami per l’accertamento dell’osservanza delle disposizioni del D. Lgs. n. 209/2005 (Codice delle Assicurazioni Private) e delle relative norme di attuazione, nonché delle disposizioni del D. Lgs. n. 206/2005 Parte III, Titolo III, Capo I, Sezione IV-bis relativi alla commercializzazione a distanza di servizi finanziari al consumatore da parte delle compagnie di assicurazione e di riassicurazione, degli intermediari e dei periti assicurativi;
  • i reclami già presentati direttamente alle compagnie di assicurazione e che non hanno ricevuto risposta entro il termine di quarantacinque giorni dal ricevimento da parte delle compagnie stesse o che hanno ricevuto una risposta totale o parziale, ma in ogni caso ritenuta non soddisfacente.

 

I reclami indirizzati all’IVASS devono contenere:

  • nome, cognome e domicilio del reclamante, con eventuale recapito telefonico;
  • individuazione del soggetto o dei soggetti di cui si lamenta l'operato;
  • breve ed esaustiva descrizione del motivo della lamentela;
  • copia del reclamo eventualmente presentato alla Società e dell'eventuale riscontro fornito dalla stessa;
  • ogni documento utile per descrivere più compiutamente le relative circostanze.

Puoi scaricare il modello da utilizzare per la presentazione dei reclami all'IVASS cliccando sul bottone blu in fondo alla presente pagina.

Si precisa che in caso di liti transfrontaliere è possibile presentare reclamo all’IVASS o direttamente al sistema estero competente chiedendo l’attivazione della procedura FIN-NET (il sistema competente è individuabile accedendo al sito internet: http://ec.europa.eu/internal_market/fin-net/members_en.htm).

  • per ulteriori questioni, alle altre Autorità amministrative competenti.

 

Il reclamo deve invece essere indirizzato alla CONSOB (via G.B. Martini 3 – 00198 Roma o Via Broletto 7 – 20123 Milano. Fax: 06 8416703 - 06 8417707 / 02 89010696) qualora riferito all’accertamento dell’osservanza delle disposizioni del Testo Unico dell’intermediazione finanziaria e delle relative norme di attuazione disciplinanti la sollecitazione all’investimento di prodotti finanziari – assicurativi emessi da compagnie di assicurazione, nonché il comportamento dei soggetti abilitati e delle compagnie di assicurazione, relativamente alla vendita diretta, nella sottoscrizione e nel collocamento dei prodotti finanziari – assicurativi emessi da compagnie di assicurazione.

Prima di interessare l'Autorità Giudiziaria, è inoltre possibile far ricorso a modalità alternative per la soluzione delle controversie e, in particolare, l'esponente ha:

  • la facoltà di avvalersi della Negoziazione assistita, regolata dalla Legge 10 novembre 2014 n. 162, in vigore dal 9 febbraio 2015, mediante invio, tramite il proprio legale, all'altra parte a stipulare una convenzione;
  • l'obbligo – qualora non intendesse avvalersi della negoziazione assistita o il ricorso alla negoziazione stessa non lo abbia pienamente soddisfatto – di attivare il procedimento della Mediazione Obbligatoria, istituto che prevede l'intervento di un terzo imparziale (mediatore), finalizzato ad assistere due o più soggetti sia nella ricerca di un accordo amichevole per la composizione di una controversia, sia nella formulazione di una proposta per la risoluzione della stessa, come previsto dal Decreto Legislativo del 04 marzo 2010 n. 28;
  • la facoltà, con riferimento a prodotti finanziari – assicurativi emessi successivamente al luglio 2009, di ricorrere all’Arbitro per le controversie finanziarie (ACF) – figura prevista dal decreto legislativo 8 ottobre 2007, n.179, ed introdotta con successiva delibera n. 19602 del 4 maggio 2016 di Consob e Regolamento attuativo, competente dell'amministrazione dei procedimenti di conciliazione promossi per la risoluzione delle controversie insorte tra gli Investitori – Contraenti e gli intermediari di cui alla lettera h), art. 2 del Regolamento di attuazione Consob cui l'Investitore – Contraente può rivolgersi per la violazione da parte di questi ultimi degli obblighi di informazione, correttezza e trasparenza previsti nei rapporti contrattuali.

II ricorso all'ACF, valevole le controversie di importo non superiore a 500.000,00 Euro anche in presenza di clausole di devoluzione ad altri organismi di risoluzione extragiudiziale contenute nel contratto, è gratuito ed è proposto dall'Investitore – Contraente mediante una procedura telematica, personalmente o anche tramite un'associazione rappresentativa degli interessi dei consumatori ovvero di un procuratore.

Resta in ogni caso salva la facoltà del Contraente di adire l'Autorità Giudiziaria, in capo a cui permane la competenza esclusiva in relazione a tutte le controversie inerenti la quantificazione delle prestazioni.

Previdenza Complementare

Con riferimento ai prodotti di previdenza complementare il reclamo concernente l’accertamento dell’osservanza delle disposizioni del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 e delle relative norme di attuazione disciplinanti la trasparenza e le modalità di offerta al pubblico delle forme pensionistiche complementari devono essere indirizzati alla COVIP (via in Arcione, 71 – 00187 Roma, fax 06.69506306 e-mail protocollo@pec.covip.it).

In conformità alla nuova Deliberazione COVIP del 04/11/2010 si precisa che eventuali reclami devono essere inoltrati per iscritto alla Compagnia/Fondo Pensione presso:

CON RIFERIMENTO AL FONDO PENSIONE APERTO HELVETIA DOMANI

Helvetia Domani – Fondo Pensione Aperto presso Helvetia Vita, Via G.B. Cassinis, 21 – 20139 –Milano (MI) oppure via e-mail all’indirizzo: reclami@helvetia.it.

CON RIFERIMENTO AL FONDO PENSIONE APERTO SOLUZIONE PREVIDENTE

Fondo Pensione Aperto Soluzione Previdente presso Helvetia Vita, Via G.B. Cassinis, 21 – 20139 –Milano (MI) oppure via e-mail all’indirizzo: reclami@helvetia.it.

CON RIFERIMENTO A PREVISUISSE - FONDO PENSIONE APERTO

Previsuisse - Fondo Pensione Aperto presso Helvetia Vita, Via G.B. Cassinis, 21 – 20139 –Milano (MI) oppure via e-mail all’indirizzo: reclami@helvetia.it.

CON RIFERIMENTO AI PIP HELVETIA AEQUA, HELVETIA PENSIONE SICURA, HELVETIA PENSIONE SICURA NEW e PREVIPIU'

Helvetia Vita S.p.A. – Ufficio Reclami, Via G.B. Cassinis, 21 – 2013 Milano

oppure via e-mail all’indirizzo: reclami@helvetia.it o via fax al n. 02.53.51.794

L’invio di un esposto alla COVIP deve, invece, avere come destinatario principale la COVIP – Commissione di Vigilanza sui fondi pensione e deve essere trasmesso mediante servizio postale al seguente indirizzo: Piazza Augusto Imperatore, 27 – 00186 ROMA o inviato al Fax n. 06.69506306 o trasmesso da una casella di posta elettronica certificata all’indirizzo e-mail: protocollo@pec.covip.it

Caratteristiche dei reclami che possono essere inviati alla COVIP - Commissione di Vigilanza sui fondi pensione (Piazza Augusto Imperatore, 27 – 00186 ROMA; Fax n. 06.69506306; e-mail: protocollo@pec.covip.it):

  • i reclami già presentati direttamente alla Compagnia/Fondo Pensione e che non hanno ricevuto risposta entro il termine di quarantacinque giorni dal ricevimento da parte della Compagnia/Fondo Pensione;
  • i reclami già presentati alla Compagnia/Fondo Pensione che hanno ricevuto una risposta ritenuta non soddisfacente.

È comunque possibile scrivere direttamente alla COVIP (c.d. esposto) in situazioni di particolare gravità e urgenza, potenzialmente lesive per la collettività degli aderenti; di norma sono tali le situazioni segnalate da associazioni o da altri organismi di rappresentanza degli iscritti.

Gli esposti trasmessi da uno stesso soggetto e relativi ad una stessa situazione sono trattati soltanto per la prima comunicazione, salvo che le successive comunicazioni contengano nuove informazioni.

La COVIP non prende in considerazione gli esposti anonimi. Gli esposti indirizzati direttamente alla COVIP devono contenere:

  • chiara identificazione del PIP/Fondo Pensione (denominazione, numero di iscrizione all’Albo);
  • nome, cognome, indirizzo e recapito telefonico del soggetto che trasmette l’esposto;
  • chiara e sintetica esposizione dei fatti e delle ragioni della lamentela;
  • l’indicazione di essersi già rivolti alla Compagnia/Fondo Pensione e che sono decorsi quarantacinque giorni dalla richiesta senza che sia pervenuta alcuna riposta, ovvero di aver ricevuto una risposta non soddisfacente (in tale caso rappresentare chiaramente le ragioni dell’insoddisfazione);
  • copia del reclamo già trasmesso alla Compagnia/Fondo Pensione e copia dell’eventuale risposta ottenuta;
  • copia dei principali documenti comprovanti i fatti descritti.

Per presentare un esposto per conto di terzi è necessario essere a ciò delegati dal soggetto interessato.

Se l’esposto riguarda l’operato di altri soggetti coinvolti nell’attività del PIP/Fondo Pensione la COVIP può trasmetterlo alla Autorità di Vigilanza competente.

È possibile scaricare di seguito la Delibera COVIP (bottone viola) e la guida pratica ai reclami (bottone verde), contenente un facsimile di esposto.

 

La tua Assicurazione svizzera.

© 2012 Helvetia - Helvetia Compagnia Svizzera d'Assicurazioni SA - P.IVA 01462690155 - Iscr. Albo Gruppi Ass. n° ord. 031
Helvetia Vita S.p.A. - P.IVA 03215010962 - Società soggetta alla Direzione ed al Coordinamento della Helvetia Compagnia Svizzera d'Assicurazioni SA Rappresentanza Generale e Direzione per l'Italia - Società con Socio Unico - Iscr. Albo Imprese Ass. n° 1.00142 - Iscr. Albo Gruppi Ass. n° ord. 031