Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze, ma consente l'invio di cookie "terze parti". Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
Link1
xxxx
Tutela legale
Diritti
Casa

Vicini di casa ai ferri corti!

Si sente sempre più spesso parlare di controversie tra vicini di casa. Analizziamo insieme un caso che ci spiega come sia possibile difendersi.

2 settembre 2015, Testo: Redazione D.A.S.

 

Due vicini che finiscono in tribunale per uno screzio. Nel nostro Paese capita spesso. In questo caso, tuttavia, il contributo del legale DAS che ha seguito la vicenda e il comportamento ragionevole di Adriana, nostra assicurata, hanno determinato un esito favorevole.

Tra vicini di casa, si sa, spesso non corre buon sangue. In Italia le famiglie che abitano in condominio sono milioni e spesso piccoli screzi finiscono di fronte a giudici esausti di dover decidere se una parola di troppo rappresenti o meno un’ingiuria.
Adriana, nostra assicurata, è finita nella “trappola” della vicina “dalla denuncia facile”.
Una mattina di due anni fa sentì suonare il campanello: erano i Carabinieri che chiesero cortesemente a lei e al marito di presentarsi in caserma per una denuncia nei loro confronti. Con estrema sorpresa, Adriana si trovò davanti una denuncia per ingiuria da parte della vicina di pianerottolo. La sera precedente infatti, a causa delle continue provocazioni della signora che le abita a fianco, si spazientì, tanto che dovette intervenire il marito per calmare le acque.
Adriana contattò immediatamente DAS per capire come muoversi: in quarant’anni non aveva mai avuto bisogno di un avvocato e non sapeva che pesci pigliare. DAS prese immediatamente in mano la situazione verificando la vicenda. Da una prima ricostruzione dei fatti emerse che la vicina, durante il litigio sul pianerottolo, aveva urlato e inveito contro la nostra cliente, con un atteggiamento davvero sopra le righe. Ciò lasciava spazio a una controdenuncia, sempre per ingiuria.
Un legale del network della Compagnia fece le verifiche necessarie e con i dettagli di Adriana provvide a redigere una denuncia-querela.

A diciotto mesi di distanza (si sa, la giustizia italiana purtroppo è molto ingolfata), Adriana ha ottenuto il primo successo: la sua posizione è stata archiviata. Nessuna ingiuria da parte sua. La posizione della vicina invece ha portato al rinvio al giudizio, con il rischio di essere quindi condannata al pagamento di una multa se ritenuta colpevole.
Con grande buon senso e su consiglio del legale, la nostra assicurata ha formulato una proposta alla controparte per chiudere la questione e ritirare la querela a fronte di una lettera formale di scuse e alla devoluzione di una piccola somma a favore di un’associazione di volontariato locale. La vicina ha accettato la proposta.
L’assistente sinistri di DAS, tenendo costantemente monitorato l’andamento del caso, ha potuto notare come la grande differenza l’abbia fatta proprio il contributo del legale del network, con una denuncia - querela scritta in modo professionale, dettagliato e circostanziando bene i fatti accaduti, a differenza della vicina “dalla denuncia troppo facile”.

D.A.S. è partner commerciale di Helvetia Italia Assicurazioni S.p.A.
 


Per saperne di più
Condividi questa pagina