Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze, ma consente l'invio di cookie "terze parti". Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
Link1
xxxx
Tutela Legale
Diritti
Sicurezza stradale
Auto e moto

Incidente con un veicolo estero: cosa fare?

Niente panico! Non sarai costretto a chiedere il risarcimento del danno alla compagnia bulgara scrivendo in cirillico. Ti basterà seguire queste semplici indicazioni.

09 novembre 2017, Testo: ARAG

Lo notiamo ogni giorno: sulle strade italiane circolano sempre più veicoli con targa straniera. Ciò è dovuto non solo all’abbattimento delle frontiere in gran parte d’Europa e al conseguente aumento dei rapporti commerciali internazionali, ma anche ai tanti cittadini stranieri residenti in Italia che utilizzano quotidianamente veicoli immatricolati all’estero.

Quella di trovarsi coinvolti in un incidente stradale con un veicolo immatricolato e assicurato all’estero è oggi un’ipotesi tutt’altro che infrequente.

Cosa fare in questo caso?

Niente panico! Non saremo costretti a chiedere il risarcimento del danno alla compagnia bulgara scrivendo in cirillico! La legge stabilisce infatti una procedura semplificata, in base alla quale il risarcimento del danno subìto va richiesto ad un ente nazionale,
l’Ufficio Centrale Italiano (UCI). A tale ente è affidata la gestione delle procedure relative al risarcimento dei danni causati sul territorio italiano da veicoli immatricolati o registrati negli stati esteri aderenti al sistema della Carta Verde. Per attivare L’UCI è
sufficiente inviare una richiesta di risarcimento tramite lettera raccomandata con avviso di ricevimento presso la sede di Milano in Corso Sempione 39 o a mezzo di posta elettronica certificata all’indirizzo uci@pec.ucimi.it

La richiesta deve obbligatoriamente specificare:

  • i dati del richiedente
  • la data e il luogo dell’incidente
  • la descrizione della dinamica dell’incidente
  • la nazionalità e la targa del veicolo estero
  • la marca e il modello del veicolo estero
  • gli estremi dell’autorità eventualmente intervenuta

Inoltre, qualora sia stata redatta, dovrà essere allegata copia della constatazione amichevole d’incidente (modulo CID).

Per una più rapida evasione della richiesta si rivela utile fornire anche:

  • nome della compagnia di assicurazione del veicolo estero
  • generalità del proprietario e del conducente del veicolo estero
  • copia della Carta Verde del veicolo estero
  • copia dei documenti eventualmente forniti dal conducente estero

Attenzione! Quando il veicolo estero è un autoarticolato, le informazioni devono essere riferite alla motrice.

Alla ricezione della richiesta di risarcimento, un altro soggetto entra in gioco: la trattazione della procedura di liquidazione viene affidata dall’UCI ad una Compagnia di assicurazioni italiana che rappresenta sul nostro territorio la compagnia che assicura il mezzo immatricolato all’estero. Sarà questa compagnia a disporre la perizia per la valutazione del danno, valutare la responsabilità e formulare l’offerta di risarcimento o motivare il diniego. Tuttavia, se la trattativa stragiudiziale (compreso il procedimento di negoziazione assistita) non dovesse andare a buon fine e fosse necessario iniziare un giudizio, davanti al giudice dovremo portare l’Ufficio Centrale Italiano e non la compagnia delegataria.

E se il veicolo non fosse assicurato?

In questo caso l’UCI lo comunicherà e la domanda andrà rivolta al Fondo di Garanzia Vittime della Strada tramite richiesta alla Consap (Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici), con sede a Roma (www.consap.it), che a sua volta nominerà una compagnia per la trattazione. Se il veicolo straniero non fosse identificato, ad esempio nel caso di fuga, il Fondo interverrà per il solo risarcimento delle lesioni fisiche e non per i danni materiali, a meno che non vi siano lesioni personali gravi. In quest’ultimo caso, oltre alle lesioni personali gravi verranno risarciti anche i danni materiali, applicando però una franchigia.

Come fare la richiesta di risarcimento?

Compilando il modello presente sul sito web dell’UCI http://www.ucimi.it/it_IT/sinistri/incidenti-in-italia-con-veicoli-esteri/  

Arag è partner commerciale di Helvetia. La polizza di Tutela Legale Arag è parte di Helvetia InMovimento, il prodotto Helvetia dedicato ai tuoi veicoli.  

Condividi questa pagina