Ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizziamo anche cookie di profilazione e di terze parti per proporti comunicazioni commerciali in linea con la tua esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni clicca qui. .

Proseguendo con la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. 

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
Link1
xxxx







Tutela legale
Responsabilita civile
Diritti

Ma a Carnevale davvero ogni scherzo vale?

Il carnevale è un’ottima occasione per tornare bambini. Ma se una bravata rovinasse il pomeriggio festoso…e il nostro cappotto?

4 febbraio 2015, Testo: Redazione D.A.S.

Durante una sfilata di carnevale, in mezzo alla calca festosa, la Signora Cecilia si ritrova accanto ad un gruppo di ragazzini che inavvertitamente colpiscono con la schiuma spray il collo di pelliccia del suo capo spalla.

La madre del ragazzino responsabile si avvicina alla signora, scusandosi per l’accaduto e garantendo la propria disponibilità a verificare eventuali problemi e a risarcire le spese di pulitura.

Trascorsa una settimana, Cecilia scopre, tramite la tintoria di fiducia, che il danno non è eliminabile ma che sarebbe necessario sostituire il collo con un costo preventivato di circa 400 euro.

Esposta la cifra dell’intervento alla madre del ragazzo, questa, sorpresa per l’importo elevato, revoca la disponibilità al risarcimento. Cecilia, pertanto, ritiene opportuno richiedere l’intervento dei professionisti della Compagnia di tutela legale D.A.S. presso la quale è
assicurata.

I legali della Compagnia, chiarito che, in base all’art. 2043 del Codice Civile, la Signora ha diritto al risarcimento del danno, si attivano contattando la controparte che sin da subito non contesta i fatti accaduti, ma presenta alcune perplessità relativamente alla quantificazione del danno.

I professionisti di D.A.S., conseguentemente, con l’aiuto della cliente redigono una relazione tecnica da sottoporre alla madre del ragazzo indicante esattamente la tipologia di pelliccia, la data di acquisto del capo e il preventivo di riparazione con il dettaglio del
costo del materiale.

Di fronte alla conferma dell’importo come originariamente prospettato, la madre del ragazzo rappresenta difficoltà economiche e l’impossibilità di pagare se non dilazionando gli importi ad euro 50,00 mensili.

A questo punto i professionisti Das valutano con Cecilia l’opportunità di risolvere la situazione con una transazione, istituto che, ai sensi degli articoli 1965 c.c. e seguenti, implica la volontà delle parti di chiudere una vertenza accettando di farsi reciproche concessioni. La cliente, impaziente di poter procedere alla sostituzione del collo danneggiato, accetta di chiedere il danno in misura inferiore (€ 300) ma in un’unica soluzione.

D.A.S., dopo alcuni solleciti scritti e telefonici, riesce ad ottenere il consenso scritto della controparte e l’assicurata, soddisfatta, ad ottenere il risarcimento dovuto in meno di due mesi.

D.A.S. è partner commerciale di Helvetia Italia Assicurazioni S.p.A.


Per saperne di più
Condividi questa pagina