Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze, ma consente l'invio di cookie "terze parti". Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
Link1
xxxx







Tutela legale
Responsabilita civile
Diritti
Vacanze

Si cominciano a pianificare le vacanze invernali. E se degli imprevisti rovinano il viaggio?

Le vacanze sono un’ottima occasione per concedersi una pausa dal lavoro e godersi qualche giorno di svago. Non sempre però il relax è garantito... possono esserci degli imprevisti che rovinano il viaggio: in questi casi è possibile richiedere i “danni da vacanza rovinata”.

5 novembre 2014,. Testo: Redazione D.A.S.

 

 

Si è rivolta a D.A.S. una cliente che, per la prima volta dopo anni, era riuscita ad organizzarsi un bel viaggio al mare d’inverno, concedendosi qualche giorno di ferie in una calda meta estera.

Maria aveva acquistato, tramite tour operator, un pacchetto vacanza per quattro persone, comprensivo di viaggio aereo e formula all inclusive presso una struttura 4 stelle ubicata in prossimità della spiaggia. Ma all’arrivo l’amara sorpresa: causa overbooking la famiglia è stata costretta a spostarsi presso un’altra struttura.

La famiglia di Maria è stata accompagnata presso un hotel locato a 1 km dalla spiaggia e privo di alcune caratteristiche irrinunciabili (spiaggia accessibile per i bambini, balcone con vista sul mare, ecc) nonché carente nei servizi offerti rispetto alla struttura prevista dal contratto.

Maria ha provato ad attivarsi sia con il Direttore dell’Hotel, sia con il tour operator, ma l’operatore le ha riferito di non disporre di sistemazioni alternative obbligandola ad accettare la sistemazione proposta.

Al termine della “vacanza” poco rilassante, Maria ha contattato la Compagnia per manifestare il suo disappunto e richiedere assistenza.

L’Assistente di D.A.S. l’ha dunque supportata nella redazione di una raccomandata a/r da inviare al tour operator entro 10 gg dal rientro dalla vacanza per denunciare “l’inesatto adempimento e le difformità degli standard qualitativi del servizio promesso o pubblicizzato” e chiedere quindi un corrispettivo indennizzo.

Trascorso un mese Maria ha ricevuto una risposta che non si aspettava: il tour operator negava ogni responsabilità disconoscendo il diritto all’indennizzo.

D.A.S. è quindi prontamente intervenuta supportando la signora nella stesura di un formale reclamo, corredato da fotografie, filmati e testimonianze in favore della richiesta e da tutti i riferimenti normativi a sostegno delle sue ragioni. Solo a quel punto il tour operator ha finalmente accolto le giuste pretese della Signora Maria, offrendole un equo indennizzo per il disservizio subito.

D.A.S. è partner commerciale di Helvetia Italia Assicurazioni S.p.A.

IL DANNO DA VACANZA ROVINATA

Il danno da vacanza rovinata rappresenta una tipologia di danno che non comporta necessariamente una perdita patrimoniale per il turista-consumatore, ma costituisce fonte di stress, turbamento psicologico derivante dagli inadempimenti agli obblighi contrattuali assunti dall'organizzatore (ad esempio le sistemazioni alberghiere, i servizi offerti di livello inferiore rispetto a quello promessi al momento dell'acquisto del pacchetto turistico).

Condividi questa pagina