Cookie Privacy Policy

Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze, ma consente l'invio di cookie "terze parti". Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
Link1
xxxx







Tutela legale
Diritti
Casa

Immobile locato, conduttore obbligato!

Cosa fare se decidiamo di vendere il nostro appartamento, ma l'inquilino si rifiuta di rendersi disponibile per far vedere la casa ai potenziali acquirenti?

18 maggio 2016, Testo: Redazione D.A.S.

 

Il locatore intende vendere l’immobile dato in affitto e l’inquilino si rifiuta di far visitare ai potenziali acquirenti lo stesso.
Come ci si può comportare a seguito di un rifiuto da parte dell’inquilino a consentire la visita dell’unità immobiliare? Analizziamo il caso di una nostra assicurata.

Si è rivolta alla Compagnia Veronica per denunciare una spiacevole controversia occorsa con Lorenzo, l’inquilino dell’immobile locato e posto in vendita.

L’assicurata spiega ai legali D.A.S. che, in diverse occasioni, il conduttore aveva omesso di indicare all'agenzia immobiliare incaricata dalla proprietaria in quali giorni/ore poter fissare delle visite. Non solo, in seguito aveva anche fornito delle indicazioni di disponibilità, ritirandole invece all'ultimo momento con disappunto dei potenziali acquirenti.

Esasperata dalla situazione, l ’assicurata si rivolgeva quindi alla Compagnia per cercare una soluzione. I legali D.A.S. spiegavano a Veronica come da tempo sia stato affrontato e riconosciuto, in via giurisprudenziale, il diritto in capo al locatore di far visitare la cosa locata, con le modalità stabilite nel contratto o dagli usi, per poter procedere a stipulare nuovi contratti di locazione e/o vendere l'immobile. I consulenti legali appuravano inoltre che, nel caso in questione, la previsione di visita era stata espressamente pattuita. Precisavano tuttavia a Veronica che i diritti del proprietario, anche quando disattesi, non gli consentono di intraprendere iniziative quali entrare nell'immobile locato con le proprie chiavi e neppure di introdurvi dei terzi, pena il rischio di incorrere nella violazione di domicilio.

La Compagnia provvedeva quindi a contattare Lorenzo, invitandolo al rispetto delle previsioni contrattuali e prospettandogli, in caso di inadempimento persistente, la possibilità di risolvere il contratto e l'obbligo di risarcire il danno, in ragione delle plurime richieste ricevute dall'agenzia immobiliare che ancora non aveva potuto esaudire.

Lorenzo, a mezzo del proprio legale, contestava l'intervento di D.A.S., sostenendo di aver impedito la visita dell’immobile soltanto in due occasioni per motivi di salute e che non poteva configurarsi alcun inadempimento contrattuale. Contestualmente, tuttavia, riconosceva che in via generale le visite dovevano essere consentite e forniva alcune date di tre ore ciascuna nel bimestre successivo per poterle effettuare, prontamente comunicate all'agenzia immobiliare.

Nel contempo, i legali D.A.S., al fine di risolvere la situazione, definivano, con il legale di Lorenzo, un piano di ulteriori quattro mesi, da rivedere allo scadere, fissando le modalità di conferma e di gestione da parte dell'agenzia delle visite e individuando delle persone di fiducia di Lorenzo per presenziare in sua assenza agli appuntamenti.
Veronica, con l'aiuto della Compagnia, riusciva a sbloccare una situazione da tempo irrisolta e ristabiliva un rapporto più sereno con il conduttore Lorenzo, finalmente sollevato dalle preoccupazioni per la presenza di estranei in casi grazie ai dettagli messi a punto dal proprio legale e dagli esperti professionisti di D.A.S..

D.A.S. è partner commerciale di Helvetia Italia Assicurazioni S.p.A.
 

Condividi questa pagina