Ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizziamo anche cookie di profilazione e di terze parti per proporti comunicazioni commerciali in linea con la tua esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni clicca qui. .

Proseguendo con la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. 

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
Link1
xxxx







Tutela legale
Diritti
Vacanze

Un viaggio di troppo

Luciano, pensionato con la passione dei viaggi all'estero, viene colpito da un altro ciclista in terra francese. Ma anche in un paese straniero la tutela legale è garantita.

30 ottobre 2017, Autore: D.A.S.

Luciano racconta ai professionisti di DAS di aver subito un incidente nel corso della sua ultima vacanza in Francia ove, a bordo della sua bicicletta, veniva colpito da un altro velocipede che ometteva di garantirgli la precedenza.
Fortunatamente Luciano non riportava lesioni, tuttavia il suo mezzo ne era uscito alquanto ammaccato e, dato il valore di circa 1.000,00 euro, al rientro chiede appunto aiuto alla Compagnia per provare ad ottenere un risarcimento.

I consulenti di DAS procedono innanzitutto a verificare i dati e i documenti a disposizione di Luciano, annotando l'indirizzo di controparte, gli estremi della fattura di acquisto della sua bicicletta e i riferimenti del testimone presente. Quindi, procedono a inviare una missiva al ciclista francese, ottenendo inizialmente- come spesso accade-  una risposta elusiva. Non dandosi per vinti, i professionisti di DAS, grazie anche alle proprie competenze  linguistiche, si attivano a contattare il passante francese che si era reso disponibile a rendere informazioni e recuperano una ricostruzione scritta dell'accaduto. Messo all'angolo dalla nuova richiesta di DAS, compreso che il signor Luciano grazie al supporto della propria tutela legale non è affatto intimorito dal possibile contenzioso in terra straniera, il danneggiante procede in definitiva a bonificare una somma di poco inferiore al risarcimento richiesto.

L'assicurato DAS, ritenuta comunque congrua la somma, ringrazia i consulenti e ripara la bicicletta, pronto a partire per una nuova esperienza.

Un esempio perfetto di come un accadimento abbastanza banale, senza un supporto qualificato, avrebbe portato uno sventurato ciclista a rinunciare alla propria tutela, mentre grazie a DAS i suoi diritti sono stati messi al primo posto.

D.A.S. è partner commerciale di Helvetia Italia Assicurazioni S.p.A.

 


Per saperne di più
Condividi questa pagina