Cookie Privacy Policy

Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze, ma consente l'invio di cookie "terze parti". Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
Link1
xxxx







Tutela legale
Diritti

La pulizia delle parti comuni del condominio

Come viene regolamentata la pulizia delle parti comuni di un condominio?

21 marzo 2017, Testo: Redazione D.A.S.



Leggiamo di seguito l’esperienza di una coppia nostra assicurata

Si sono rivolti alla Compagnia i signori Angelo e Rosanna, lamentando di avere appena acquistato un immobile e di non trovare un'intesa con gli altri condomini rispetto alla pulizia della scala e del giardino comuni.

Hanno riferito, infatti, che i vicini pretenderebbero, sulla base di una delibera cui aveva dato l'assenso anche il precedente proprietario della loro unità immobiliare, che ciascuno esegua materialmente e in proprio alcuni turni di pulizia.

Tuttavia, sia per problemi di salute che per impegni lavorativi, gli assicurati D.A.S. non intendono adeguarsi a tale sistema, rendendosi invece disponibili a sopportare pro quota i costi del servizio se appaltati ad un'impresa.

I consulenti della Compagnia hanno confermato ai signori Angelo e Rosanna che si tratta di una questione oggetto di frequenti dibattiti tra i condomini.

Sul punto, in epoca relativamente recente, la giurisprudenza di merito (Tribunale di Padova, 10 maggio 2012) ha chiarito che la deliberazione con cui si dispone che alla pulizia del vano scale provvedano a turno i singoli condòmini, direttamente oppure dando l'incarico a terzi, è da ritenersi nulla. Pertanto, anche se i precedenti condomini si erano dimostrati d'accordo all’unanimità, la deliberazione non poteva ritenersi produttiva di effetti vincolanti nei confronti né di chi vi aveva acconsentito né, a maggior ragione, nei confronti dei neo-proprietari Angelo e Rosanna.

Spiegato in altri termini, pur non essendo impedito, in via di fatto, di procedere alla turnazione, non appare possibile costringere a farla, né materialmente né giuridicamente, chi vuole sottrarsi alla turnazione medesima.

Tanto premesso, considerato che correttamente i signori Angelo e Rosanna hanno manifestato però la volontà di contribuire agli esborsi necessari per l'affidamento dell'incarico a ditta autorizzata e specializzata, i consulenti D.A.S. hanno provveduto a mettersi rapidamente in contatto con l'amministratore condominiale e hanno evidenziato l'opportunità di discutere della tematica in apposita assemblea.

Sollecitato in tal senso, l'amministratore ha provveduto a sottoporre ai condomini alcuni preventivi per l'appalto delle pulizie interne ed esterne al condominio degli assicurati e, con le debite maggioranze, a risolvere la questione stipulando l'appalto con l'impresa selezionata dall'assemblea.

Angelo e Rosanna, rasserenati dai chiarimenti ottenuti e desiderosi di conciliare le loro necessità con il rispetto degli obblighi verso i condomini, hanno ringraziato i Consulenti di D.A.S. per il prezioso supporto ricevuto e per la rapida risoluzione della controversia.

D.A.S. è partner commerciale di Helvetia Italia Assicurazioni S.p.A.
 

Condividi questa pagina