Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze, ma consente l'invio di cookie "terze parti". Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
Link1
xxxx
Tutela legale
Diritti
Sicurezza stradale

Pedone fuori dalle strisce? Omicidio sempre colposo

Una recente sentenza della Cassazione ha ribadito la normativa in tema di circolazione stradale e responsabilità del conducente.

13 dicembre 2016, Testo: Redazione ARAG

 

Chi guida è sempre responsabile se provoca la morte o lesioni a un pedone, anche se quest'ultimo attraversa la strada lontano dalle strisce pedonali.

La legge che ha introdotto i reati di "omicidio stradale" e di "lesioni personali stradali gravi e gravissime" prevede tuttavia che se l'autista non è l'unica persona responsabile dell'accaduto, la sua pena può essere ridotta fino alla metà.

Questo è ciò che ha ribadito la Corte di cassazione con la sentenza del 23 settembre, in cui ha rigettato il ricorso di un automobilista che ha investito un pedone, nel cuore della notte e in una strada priva di illuminazione pubblica, che a causa delle gravi ferite ha perso successivamente la vita. Infatti, il conducente di un'autovettura, pur non trovandosi nell'immediata prossimità di un attraversamento pedonale, deve considerare possibile l'eventuale sopravvenienza di pedoni, e quindi, tenere un'andatura e un livello di attenzione idonei a evitare di investirli. Per escludere del tutto la responsabilità dell'automobilista è necessario che il comportamento del pedone venga riconosciuto come imprevedibile.

Arag è partner commerciale di Helvetia.


Per saperne di più
Condividi questa pagina