Cookie Privacy Policy

Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze, ma consente l'invio di cookie "terze parti". Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

  • Mi interessano
    Si prega di verificare la connessione Internet
    Purtroppo non abbiamo trovato dati corrispondenti.
Link1
xxxx







Tutela legale
Diritti
Aziende
Infortuni

Sicurezza sul lavoro: informare non è sufficiente!

Il datore di lavoro è tenuto ad accertarsi che le misure di sicurezza vengano correttamente recepite dai propri dipendenti prima ancora di essere adottate.

27 luglio 2015, Testo: Redazione ARAG

 

Nell'adottare misure di sicurezza per fronteggiare rischi aziendali, cosa deve accertare, tra le altre cose, il datore di lavoro?

A) Che le procedure di sicurezza siano state effettivamente rese note.
B) Che gli addetti abbiano capito le motivazioni per cui vengono adottate.

Risposta corretta.
B) Una recente pronuncia della Corte di Cassazione ha confermato una sentenza di secondo grado che affermava la sussistenza della responsabilità del datore di lavoro per il grave infortunio occorso a un operaio. L'addetto era stato sufficientemente informato sulle procedure da adottare ma, a causa di una dimenticanza, in una occasione ha omesso di effettuare una operazione e ciò ha provocato l'infortunio che lo ha gravemente lesionato. La suprema corte ha evidenziato che l'operaio ha trascurato un dettaglio importante anche a causa dell'insufficiente comprensione degli effetti dell'omissione e della sua pericolosità (nella fattispecie, una reazione chimica). La Corte ha affermato che il datore di lavoro deve accertarsi che i dipendenti applichino sempre le misure di sicurezza e che abbiano  compreso, tramite adeguati test e verifiche,  le motivazioni per cui vengono adottate.

Arag è partner commerciale di Helvetia.

Condividi questa pagina